ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Due ville (quasi) gemelle nel cuore della Brianza

A Meda Marg Studio progetta due case “sartoriali”, costruite ad hoc in tutto e per tutto, grazie a un'architettura rigorosa e ad arredi tutti made in Italy

casa-a-meda-ville-s-marg-studio
Sara Magni

Meda, provincia di Monza Brianza: un tempo era una villetta anni 50 – di quelle che si trovano numerose lungo le strade che collegano i paesi di quest’area industriosa alle porte di Milano – troppo piccola per due fratelli desiderosi di avere spazi indipendenti. Così Marg Studio, duo di architetti italiani specializzati in ville e appartamenti di lusso, costruiscono al suo posto le Ville S.

In origine dovevano essere due case gemelle, solo leggermente disassate per movimentarne la geometria ma in continuità l’una con l’altra, poi i gusti si sono rivelati molto diversi quindi da un lato lo sviluppo è stato concentrato tutto su un piano mentre dall’altro l’abitazione si è articolata su due livelli diversi. 

Tutte le foto: Sara Magni

Un unico edificio però formato da semplici volumi rettangolari che si scompongono aprendosi in grandi serramenti che ne illuminano l’interno sottolineandone i vuoti volumetrici anche grazie all’uso del bianco che rende la casa un’architettura minimale ed elegante.

L’abitazione su un’unico livello si sviluppa in un luminoso living a doppia altezza affacciato sulla terrazza esterna e sul giardino (creazione dell’agronomo Carlo Crippa): al centro un grande tavolo fa da filtro tra la zona soggiorno e la cucina, sovrastato da una leggera scala in ferro che collega il piano terra con il piccolo soppalco aperto sul terrazzo. Le camere da letto sono distribuite ai lati, quella matrimoniale, con bagno privato, rivolta verso il giardino, e quella due bambini lungo l’ala dell’ingresso. 

La casa gemella a due piani si articola in un ampio open space: al centro la zona pranzo e ai lati il living e la cucina. In questo caso le suddivisioni sono dettate unicamente dagli arredi. Un’eterea scala in cemento e vetro conduce poi alla zona notte dove si trovano le stanze rivolte verso il giardino mentre il versante opposto è riservato ai bagni.

A completare le due case gemelle di Meda gli arredi di design italiano (Flos, Kartell, Molteni, Rimadesio, Vitra, Valcucine e altri ancora, siamo pur sempre in Brianza!) che regalano alle Ville S uno stile minimal ma accogliente raccontando la giovane leggerezza dei proprietari.

www.margstudio.info


di Marta Lavinia Carboni / 7 Febbraio 2018

CORNER

Case collection

[Case]

Il senso del luogo

Nirvana Home, una villa di 6.000 mq che va oltre la fisicità

casa moderna

[Case]

Villa Albergoni è in vendita

La casa di Chiamami col tuo nome è sul mercato

Costume

[Case]

Villetta non a schiera

Da York, guida all'emancipazione della casa vittoriana

restyling

[Case]

La Scandinavia a Pechino

Il progetto di Claesson Koivisto Rune per Xian Jiang House

casa moderna

[Case]

A casa tutti bene

Dentro la villa del nuovo film di Gabriele Muccino

Costume

[Case]

Vivere mini ad Hong Kong

Lim+Lu progetta un appartamento da single a colori brillanti

mini case

[Case]

Loft scolastico

Una vecchia scuola di Rotterdam trasformata in residenza

restyling

[Case]

Una casa per tutti

Ownerless House di Vão Arquitetura ad Avaré

Casa moderna

[Case]

L'Ufo di Munch

Snohetta, Bjarne Melgaard e un progetto che fa discutere

progetti

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web | Comunicato tariffe politiche elettorali