ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

La mini casa multitasking di Peter Kostelov a Manhattan

Letti che scompaiono, tavoli che si trasformano, camere che si ingrandiscono: la magia di un interno funzionalista

00-casa-piccola-manhattan-peter-kostelov
Peter Kostelov

Per i rassegnati del poco spazio e molto caos la soluzione può essere trovata dalle tante idee presenti nel progetto della mini casa multitasking dell’architetto Peter Kostelov a New York

Casa piccola, poco spazio e un posto per ogni cosa? Se l’idea vi alletta ma vi sembra inesorabilmente un’utopia abitativa e siete già rassegnati a dividere i pochi metri quadri a vostra disposizione con un caos ormai cronico allora date un’occhiata a questo progetto di mini casa multitasking nell’uptown newyorkese. È qui infatti che vive insieme alla moglie artista, l’architetto russo Peter Kostelov che ha trasformato questi 64 mq nel cuore di Manhattan nel perfetto nido americano per sè e per la sua famiglia. Inizialmente il progetto era un appartamento con due camere da letto ma poiché entrambi i proprietari sono progettisti che lavorano da casa, si era reso necessario un nuovo layout che potesse però “seguire” la vita dei proprietari lungo tutto il corso della giornata con l'introduzione di nuove idee per arredare casa. Un concetto quindi "vivente" di abitazione che mostrasse la necessaria flessibilità per tarsformarsi da abitazione a studio e luogo di convivialità con gli amici. Il primo obiettivo del rinnovamento è stato quindi quello di creare tre camere isolate: una camera da letto principale e due piccoli studi di lavoro che disponessero sia di mobili su misura per dormire, così come di tavoli da lavoro e capienti armadi, ma che potessero anche divenire camere per gli ospiti se fosse stato necessario.

Un altro obiettivo del restyling era quello di generare spazi casa di archiviazione sufficientemente grandi per tele e altre cose artistiche mentre importantissimo era poi la creazione di un ampio salone connesso con la cucina e ad uno degli altri spazi in modo che tutte e tre le aree avrebbero poi potuto creare uno spazio comune ampio e comodo. Individuati gli scopi del progetto per denominatore comune si è scelto il concetto di trasformazione rilassata e senza sforzo della casa piccola. Ad esempio, il salotto può essere facilmente trasformabile in una sala da pranzo, mentre lo studio di lavoro si trasforma in una camera da letto per ospiti in pochissimo tempo. Le aree di stoccaggio sono utili ma soprattutto comode e raggiungibili facilmente anche con oggetti dai volumi importanti, per ottenerle sono state ricavate da tre zone dal soffitto basso mezzanino-ripostiglio accessibile da ciascuna delle tre aree.Il salotto invece viene spostato dalla parte centrale verso il lato est della casa con affaccio sulla strada principale.

grazie a due ampie finestre. La camera da letto principale è stata invece trasferita sul lato ovest, in modo che il rumore della strada non creasse problemi alla quiete notturna. La conseguenza di questi cambiamenti è che il salotto e la cucina ottengono così una notevole quantità di luce diurna e una migliore ventilazione naturale.L’alzamento di livello dell’area centrale crea uno spazio sottostante, perfetto come spazio di stoccaggio dove può nascondersi anche un lungo tavolo da pranzo a scorrimento lungo 7 metri e due panchine laterali oltre che un letto doppio estraibile dall'altro lato.

 

Il tavolo da pranzo è facilmente regolabile e può ospitare due, quattro fino a dieci persone. Anche in cucina ci si avvale di un piccolo trucco: è qui che troviamo un mini tavolo pieghevole con sedili tutti facilmente piegabili contro la parete per liberare lo spazio e quindi allargarlo. Per i dettagli di interni ampio utilizzo del legno naturale alternato a muri di mattoni grezzi e pareti total white. Pavimenti geometrici di gusto vintage e bagno brutalisti con piastrelle nere e grigie dal sapore d’antan.

www.kostelov.ru

LEGGI ANCHE:

Vivere e lavorare in un loft di Manhattan

Hudson Yards, il gigantesco piano di sviluppo immobiliare che cambierà New York

Un loft moderno e raw nella ristrutturazione di una ex centrale del gas dell’800


di Paola Testoni / 16 Novembre 2017

CORNER

Case collection

[Case]

Casa sull’albero, rivisitata

Uufie progetta un cottage in cui sembra di vivere tra i rami

casa vacanze

[Case]

La casa dei nostri sogni

Vale 12 milioni di dollari la casa appartenuta a Cary Grant e a molti altri divi

Casa vacanze

[Case]

Casa vacanze a La Valletta

Il fascino della città maltese in un appartamento da affittare

Travel

[Case]

Il senso del luogo

Nirvana Home, una villa di 6.000 mq che va oltre la fisicità

casa moderna

[Case]

Villa Albergoni è in vendita

La casa di Chiamami col tuo nome è sul mercato

Costume

[Case]

Villetta non a schiera

Da York, guida all'emancipazione della casa vittoriana

restyling

[Case]

La Scandinavia a Pechino

Il progetto di Claesson Koivisto Rune per Xian Jiang House

casa moderna

[Case]

A casa tutti bene

Dentro la villa del nuovo film di Gabriele Muccino

Costume

[Case]

Vivere mini ad Hong Kong

Lim+Lu progetta un appartamento da single a colori brillanti

mini case

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web | Comunicato tariffe politiche elettorali