ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Vetro e acciaio, ecco la casa prefabbricata che fa cappello a un edificio vittoriano

Attenzione ambientale e design contemporaneo per l’estensione sul tetto di un vecchio magazzino nella zona dell’Hackney londinese firmata Simon Conder Associates

casa-prefabbricata-edificio-vittoriano-londra-simon-conder-associates
Paul Smoothy

Attenzione all’ambiente, design d’avanguardia e vista panoramica sui London Fields: ecco i tre punti forti della Black House l’estensione dello Studio di Simon Conder sul tetto di un ex magazzino

Una casa prefabbricata diventa il copricapo di 255 mq di un edificio vittoriano nell’Hackney, uno degli storici borghi della Inner London, quel gruppo di quartieri con grandi aree verdi che formano la parte centrale di Londra. Siamo sul London Fields, zona famosa per i suoi campi da cricket e per l’omonimo storico parco, costruito nel 1540. Un paesaggio che non poteva non essere protagonista di questa ristrutturazione da parte dello studio di architetti di Simon Conder Associates che hanno ideato questa sorta di prefabbricato contemporaneo “appoggiandolo” su un edificio vittoriano di carattere industriale, ora utilizzato come studio di progettazione ma originariamente costruito come magazzino Le informazioni storiche indicano che l'edificio sarebbe stato originariamente progettato per ospitare carichi molto maggiori rispetto a quelli utilizzati oggi, fatto che ha permesso alla struttura di poter sostenere questo pesante parallelepipedo che ospita la casa prefabbricata in acciaio e vetro. L’estensione infatti è di notevole superficie e prevede due piani con uno stile che ha voluto mantenere un linguaggio architettonico robusto, specifico dell’origine del sito senza però tentare di imitarlo.

La struttura architettonica è quindi formata da delle travi di legno di larice europeo che creano una griglia con le aperture ai piani inferiori in grado di produrre un collegamento, almeno visivo, tra nuovo e vecchio. Tra gli elementi del telaio sono state inserite delle pareti di pannelli scuri, leggeri e super isolanti, che nel lato nord presentano pochissime aperture per ridurre la perdita di calore e lasciare privacy alle proprietà adiacenti, mentre invece a sud ed est si aprono per massimizzare la luce solare oltre che sfruttare la vista. La struttura è stata poi rinforzata con un telaio in acciaio orizzontale inserito in un fascio anulare legato alle pareti con cemento armato.

Il nuovo edificio prefabbricato è rifinito con una verniciatura nera opaca e può essere raggiunto sia dagli studi di design al piano inferiore che tramite un ascensore diretto, consentendo così l’accesso al nuovo alloggio anche ai disabili. A livello ambientale, l’estensione è stata concepita come struttura ben isolata per ridurre al minimo la perdita di calore con larghe vetrate che utilizzano doppi vetri con riempimento di argon, mentre un'ombreggiatura esterna sulle vetrate orientali e meridionali ha il fine di ridurre il surriscaldamento con una ventilazione che si basa in gran parte sul sistema trasversale. Sempre per ragioni ambientali, l'edificio è stato prefabbricato fuori sede e in questa maniera si è riusciti non solo a ridurre i tempi di costruzione ma anche i materiali di rifiuto e le emissioni di CO2 utilizzate nel processo di costruzione.

Per quanto riguarda gli interni della casa prefabbricata abbiamo un primo piano aperto che accoglie gli spazi abitativi principali, con all'estremità orientale una struttura a forma di loggia, con ampia veranda con arredi minimalisti e una palette cromatica basata sul legno chiaro e il bianco, anche nel blocco cucina, mentre il living sotto l’egida di un imponente camino di metallo scuro inserito in una libreria a muro, mostra anche dettagli di arredo vintage. Il piano sottostante è occupato da due camere da letto, dall’arredo minimalista di gusto scandinavo, due bagni, uno studio e un ripostiglio.

www.simonconder.co.uk

LEGGI ANCHE:
→ Case prefabbricate d'autore
→ 5 case in legno prefabbricate


di Paola Testoni / 5 Novembre 2017

CORNER

Case collection

[Case]

Il senso del luogo

Nirvana Home, una villa di 6.000 mq che va oltre la fisicità

casa moderna

[Case]

Villa Albergoni è in vendita

La casa di Chiamami col tuo nome è sul mercato

Costume

[Case]

Villetta non a schiera

Da York, guida all'emancipazione della casa vittoriana

restyling

[Case]

La Scandinavia a Pechino

Il progetto di Claesson Koivisto Rune per Xian Jiang House

casa moderna

[Case]

A casa tutti bene

Dentro la villa del nuovo film di Gabriele Muccino

Costume

[Case]

Vivere mini ad Hong Kong

Lim+Lu progetta un appartamento da single a colori brillanti

mini case

[Case]

Loft scolastico

Una vecchia scuola di Rotterdam trasformata in residenza

restyling

[Case]

Una casa per tutti

Ownerless House di Vão Arquitetura ad Avaré

Casa moderna

[Case]

L'Ufo di Munch

Snohetta, Bjarne Melgaard e un progetto che fa discutere

progetti

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web | Comunicato tariffe politiche elettorali