ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Stanze singole stampate in 3d, l'idea di Framlab per i senzatetto di NY

Framlab progetta Homed, un sistema abitativo low cost per risolvere il problema del numero crescente di persone senza fissa dimora

case-per-senzatetto-stampa-3d-framlab-homed

A New York, l’agenzia creativa Framlab ha studiato una soluzione per uno dei problemi sociali che affliggono la città considerata il centro dell’America: il preoccupante aumento dei senzatetto. Sono 61000 le persone senza fissa dimora che passano le loro notti presso centri di accoglienza temporanei, e altre migliaia vivono per strada, dormendo nei tunnel della metropolitana e in altri spazi pubblici. Una situazione che ha anche un costo: quasi 1 miliardo di dollari all’anno viene speso per aiutare queste persone.

Complice l’incremento degli affitti non proporzionale a quello dei salari, la situazione è andata aggravandosi dal 2012, superando i picchi della grande depressione. La soluzione, per Framlab, è guardare al passato con gli strumenti del presente. Prendendo atto del fatto che costruire nuovi palazzi a New York è molto costoso e comunque quasi impensabile per questo scopo, si è pensato di sfruttare i palazzi già presenti. L’idea è quella di rifornire la città di SRO (single-room occupancy), ovvero stanze singole piccole ma economiche che furono bandite dal 1955. Come? Stampandole in 3D, in moduli esagonali da combinare: è questa l’intuizione alla base di Homed.

Piccole nicchie personali che possono essere montate su impalcature su pareti preesistenti. L’esterno in alluminio ossidato e la struttura stampata in bioplastiche riciclabili garantiscono leggerezza, costi bassi e sostenibilità. L’accostamento di due o più moduli diversi permette soluzioni ad hoc, come camera da letto e studio.

Framlab assicura che le nicchie siano abitabili tutto l’anno e che gli arredi e tutte le attrezzature possono essere stampati per integrarsi alla perfezione. Un perfetto esempio di come la teconologia, se sfruttata bene, possa migliorare la vita di tanti.

www.welcomehomed.com

LEGGI ANCHE:
Il nuovo refettorio di Massimo Bottura a Londra
Due giovani designer italiani restituiscono la privacy a chi deve condividere la stanza
Le case occupate più belle del mondo


di Stefano Annovazzi Lodi / 21 Novembre 2017

CORNER

Case collection

[Case]

Airbnb Plus, per il turismo "di design"

La piattaforma spegne 10 candeline e punta alle 5 stelle

Travel

[Case]

Formentera on the rocks

L'architettura sostenibile della villa di Marià Castelló Martínez

Casa vacanze

[Case]

Oro e mistero in Mongolia

Un restyling ispirato a Richard Serra e all’antica cultura mongola

restyling

[Case]

La Winchester House al cinema

Un film sulla storia della più famosa casa stregata degli Stati Uniti

Costume

[Case]

Tommy Hilfiger vende casa

Un capolavoro di eccentricità e Pop Art a Miami Beach sul mercato

Casa moderna

[Case]

Appartamento a strati

L'open space progettato da Roberto di Donato a Valencia

restyling

[Case]

Mura Mura

Tra carrubi ed ulivi, il fascino di una villa in pietra sulle colline di Noto

Travel

[Case]

Abito dove voglio

La casa plug&play Eden Luxury Portable Suite

progetti

[Case]

Casa sull’albero, rivisitata

Uufie progetta un cottage in cui sembra di vivere tra i rami

casa vacanze

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web | Comunicato tariffe politiche elettorali