ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Loft, il nuovo lusso arriva da Manhattan

Marmo, ottone e legno, il mix perfetto per la ristrutturazione di un attico nella grande mela firmato Dorothee Junkin

00-loft-new-york-dorothee-junkin-djds

Nel cuore di Lower Manhattan, lo Studio di Brooklyn DJDS ha ristrutturato un loft con marmi e metalli preziosi. Il brief dei proprietari di casa, che si dividono tra New York e la California, era super sintetico, solo 4 parole: spazio aperto. Contemporaneo. Sereno.

 

 

Così l’architetto Dorothee Junkin, dopo essersi fatta le ossa da Foster + Partners, opta per destinare a open space più della metà dei 350 metri quadri del loft. Qui living, cucina e sala da pranzo interagiscono tra loro. Ad organizzare lo spazio è la scenografica scala in acciaio di reminiscenza albiniana che sospesa da fini cavi porta al rooftop privato. Materica, ma allo stesso tempo trasparente come un velo sottile, la scala segna il confine spaziale tra sala da pranzo e il living, divenendo protagonista indiscussa del loft.

Ingredienti neanche troppo segreti dell’allure sofisticata di questo loft moderno sono i materiali. Con rara sensibilità Dorothee Junkinr riesce a creare la giusta chimica tra legni, marmi e ottoni in un mix di riflessi, grafismi e giochi di ombre. Sullo sfondo delle pareti bianche, le superfici di legno, pietra e metallo sono utilizzate come accenti di contrasto, ulteriormente rafforzati dall’abbinamento di arredi contemporanei e retrò.

 

 

I pavimenti del loft sono ricoperti da ampie tavole di quercia europea su cui poggiano grandi tappeti di seta che dialogano con il marmo. È lui il materiale chiave.  La "venatura unica di una pietra funzionale" si applica ai tavolini da caffè monocromatici, al grande tavolo da pranzo e al backsplash da cucina. Ma è nel bagno che la composizione di lastre bianche e nere crea la scenografia per vasca sospesa scavata da un unico blocco di marmo.

 

 

A contrastare l’algida pietra il calore dell’ottone degli infissi, degli sgabelli, dei vasi e degli elementi decorativi presenti nell’open space e nelle tre camere da letto, ciascuna con bagno privato.

LEGGI ANCHE:

Vivere e lavorare in un loft di Manhattan

Hudson Yards, il gigantesco piano di sviluppo immobiliare che cambierà New York

Un loft moderno e raw nella ristrutturazione di una ex centrale del gas dell’800


di Pietro Terzini / 13 Novembre 2017

CORNER

Case collection

[Case]

12 appartamenti alle Baleari

Week end a Palma di Maiorca in case di lusso

restyling

[Case]

Black box a Parigi

Un micro-appartamento di 30 mq ristrutturato dallo Studio Batik

[Case]

Mito irlandese per interni

Un progetto di ampliamento a Londra firmato O’Sullivan Skoufoglou

restyling

[Case]

Capanne ceche

Tradizione e modernità si fondono nelle ville progettate da Richard Meier

progetti

[Case]

Un piccolo nido newyorkese

I tanti “trucchi” per vivere in poco spazio ideati da Peter Kostelov

Restyling

[Case]

Brutalismo argentino

Accoglienza abitativa con gusto raw dei materiali

Casa moderna

[Case]

Tadao Ando a New York

A Manhattan c'è 152 Elizabeth il primo progetto di Tadao Ando a NY

Casa moderna

[Case]

Home Green Home

Solar Decathlon 2018: La Sapienza di Roma presenta una smart home

Progetti

[Case]

Restyling a Barcellona

Quinto progetto per lo studio che sta colonizzando la città

Restyling

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web