ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Progettare un mini appartamento a Palermo senza fare finta di essere a New York

Il progetto di studio DiDeA trasforma in casa minima un vecchio laboratorio nel cuore della città, senza cancellarne la storia

mini-appartamento-palermo-studio-didea

Progettare mini appartamenti è diventata una disciplina a sé, fatta di soluzioni salvaspazio ingegnose, mobili multifunzionali e dettagli che spesso vengono presi a prestito dal mondo nautico, dove abitare in piccoli spazi è da sempre una necessità.

Ma queste case piccole, spesso immaginate come categoria destinata ai single e ai fuorisede, sono irrealtà anche un mondo che si deve confrontare con il lascito culturale dei contesti in cui si inseriscono: per questo motivo un monolocale di New York non può, e non deve, essere immaginato come un piccolo appartamento di Tokyo o di Roma.

Qui, per esempio siamo a Palermo, in un vecchio laboratorio artigianale all’interno di un palazzo storico: lo studio DiDeA ha rinunciato a mobili ipertecnologici e soluzioni in stile industrial, riuscendo a trovare un equilibrio tra il segno pulito e contemporaneo indispensabile per intervenire in uno spazio così piccolo e i toni chiari e naturali dei materiali tipici di un arredo di fattura artigianale.

“Questo luogo era un piccolo laboratorio artigianale dove producevano mattoni in cotto. Progettare una casa minima in un contesto storico è stato per noi un esercizio molto complesso che ha richiesto studio e la meticolosa ricerca di tutti quegli espedienti architettonici utili a recuperare spazio rispettando la forma architettonica originaria” spiegano gli architetti.

La memoria del luogo si preserva nelle volte a crociera della copertura e nella porta industriale in ferro che conduce al piano terra, dove sono collocate la zona giorno, la cucina e il bagno.

La scala, indispensabile per poter sfruttare l’altezza di questo monolocale di 30 metri quadri, diventa protagonista funzionale dell’ambiente, con alcuni gradini destinati a contenitori e l’inserimento della cucina nel sottoscala. Disegnata su misura, quest’ultima è contenuta all’interno di un mobile: chiuso è una madia a servizio della zona giorno, aperto si trasforma in un piano cottura con quattro fuochi e lavello in acciaio, e tavolo a ribalta.

Nella zona giorno pochi mobili definiscono gli spazi: un tavolo in rovere per la zona pranzo e un divano per il soggiorno, valorizzati da uno studio accurato dell'illuminazione.

Al piano superiore del monolocale è collocata la zona notte, con la camera da letto, la cabina armadio e un bagno. Anche qui dominano i toni naturale del legno di rovere scelto per il parquet. Unica eccezione il bagno, per cui è stata scelta una finitura in resina grigia.

 

www.studiodidea.it

LEGGI ANCHE:
Stile minimal alla mediterranea


di Carlotta Marelli / 11 Novembre 2017

CORNER

Case collection

[Case]

12 appartamenti alle Baleari

Week end a Palma di Maiorca in case di lusso

restyling

[Case]

Black box a Parigi

Un micro-appartamento di 30 mq ristrutturato dallo Studio Batik

[Case]

Mito irlandese per interni

Un progetto di ampliamento a Londra firmato O’Sullivan Skoufoglou

restyling

[Case]

Capanne ceche

Tradizione e modernità si fondono nelle ville progettate da Richard Meier

progetti

[Case]

Un piccolo nido newyorkese

I tanti “trucchi” per vivere in poco spazio ideati da Peter Kostelov

Restyling

[Case]

Brutalismo argentino

Accoglienza abitativa con gusto raw dei materiali

Casa moderna

[Case]

Tadao Ando a New York

A Manhattan c'è 152 Elizabeth il primo progetto di Tadao Ando a NY

Casa moderna

[Case]

Home Green Home

Solar Decathlon 2018: La Sapienza di Roma presenta una smart home

Progetti

[Case]

Restyling a Barcellona

Quinto progetto per lo studio che sta colonizzando la città

Restyling

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web