ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Norvegia, lo chalet prefabbricato dall'anima geometrica

Aslak Haanshuus Arkitekter disegna una baita dal profilo dinamico, immersa nel paesaggio, con moduli prefabbricati e vetrate ininterrotte

rifugio-prefabbricato-cabin-sjusjoen-aslak-haanshuus-arkitekter
Courtesy of Aslak Haanshuus Arkitekter

Dodici triangoli incastrati a comporre una silhouette nitida e dinamica insieme, un nastro nero che si snoda sulla neve candida: questo è Cabin Sjusjøen, rifugio moderno sulle montagne norvegesi, che porta la firma dello studio locale Aslak Haanshuus Arkitekter.

Ci troviamo in una delle zone più ambite del paese, perfetta per praticare lo sci di fondo o godersi splendide passeggiate in un paesaggio da cartolina. Il terreno su cui sorge la baita è in pendenza verso ovest, con una vista mozzafiato  sulla valle di Gudbrandsdalen.

Leggi anche → La via danese alla felicità tradotta in architettura

Courtesy of Aslak Haanshuus Arkitekter

La particolare conformazione geografica ha svolto un ruolo essenziale nel design della struttura: non solo si trattava di assecondare e rispettare la naturale ondulazione del terreno, ma anche di assolvere ad altri due compiti non meno importanti. Riparare la baita dai forti venti che soffiano da nord e schermarla da sguardi indiscreti. Come tutte le aree assai gettonate, anche questa negli ultimi tempi ha infatti visto crescere a dismisura il numero di vicini, e allora per garantire la giusta privacy agli abitanti dello chalet gli architetti hanno pensato bene di rendere cieca la facciata nord, spalancando invece completamente il lato sud, quello che si affaccia sul panorama.

Courtesy of Aslak Haanshuus Arkitekter

Per arginare la forza del vento è invece bastato dare all'edificio una forma a L in entrambe le estremità. Un’elegante simmetria che ripara e protegge.  Per quanto riguarda la scelta dei materiali, il legno la fa da padrone: siamo del resto in una terra generosa di foreste, dunque non poteva mancare un rivestimento esterno fatto di pannelli lignei, carbonizzati per esaltare il contrasto tra il nero ruvido delle pareti e il bianco abbacinante della neve.

Courtesy of Aslak Haanshuus Arkitekter

Anche all’interno dello chalet il legno abbonda: massello color miele, dai pavimenti ai soffitti, caldo e avvolgente com’è giusto che sia. Le giunture visibili rivelano che siamo in presenza di una struttura prefabbricata, dove lo spazio - pari a 133 metri quadri - è gestito con intelligenza per massimizzare il comfort e la funzionalità. Cuore dello chalet è una terrazza coperta che abbraccia la zona living, mentre le camere da letto si allineano lungo un lato.

Courtesy of Aslak Haanshuus Arkitekter

Tutti gli ambienti principali sono raccordati da finestre continue, che giocano con altezze e dimensioni diverse per scompigliare il rigore geometrico del volume, ma non perdono mai di vista l'incanto della valle. Come un’appendice a nord-ovest, troviamo una parte più privata della casa, che comprende un ripostiglio in cui custodire l’attrezzatura da sci e un’altra camera da letto.

Courtesy of Aslak Haanshuus Arkitekter

A congiungere questo segmento abitativo con il resto della costruzione è di nuovo la spettacolare terrazza coperta, in cui confluisce la vita domestica. L’atmosfera è dominata da semplicità e purezza, con un arredamento minimal che sembra ritrarsi di fronte alla maestosità della natura. 

ahaa.no


di Elisa Zagaria / 26 Gennaio 2018

CORNER

Case collection

[Case]

Gli opposti si attraggono

In Bielorussia una casa di campagna moderna e accogliente

Casa moderna

[Case]

La casa più bella d'Inghilterra

Caring Wood si ispira alle torrette usate per essiccare il luppolo

Case moderne

[Case]

Postmoderno a Londra

Cosa succede se togli i mattoni e metti il pink millenial

Restyling

[Case]

Minimal a Palazzo Pamphilj

In un palazzo storico di Roma un appartamento dai toni soft

Restyling

[Case]

AAA cercasi appartamento

A Versailles 28 mq diventano una reggia rosa pastello

Mini case

[Case]

Una casa scolpita

Felipe Rodrigues firma in Brasile una casa scultorea e irregolare

Casa moderna

[Case]

Sofisticatezza contemporanea

Il restyling di una casa vittoriana a Melbourne firmato The Stylesmiths

Casa moderna

[Case]

La casa che respira

Un'architettura tropicale per abitare a piedi nudi

Casa moderna

[Case]

Plastica e scultorea

A Sydney una casa in cemento, sorretta da un unico pilastro

casa moderna

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web