ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Ristrutturare casa in meno di 3 mesi: idee da Parigi

Andrea Marcante e Adelaide Testa ripensano gli interni di un appartamento a Saint-Germain instaurando nuove relazioni tra gli ambienti

Gli abitanti. Isis-Colombe Combréas, direttore ed editore di Milk e Milk Decoration, due interessanti e originali riviste francesi di moda per bambini e interior design, suo marito, Karel Balas, celebre fotografo, e i loro due figli adolescenti, Hiroko e Alioche.

I progettisti. Andrea Marcante dello studio di architettura torinese UdA con Adelaide Testa, da sempre al suo fianco in un esaltante e innovativo percorso di indagine sul tema dell’architettura dell’interno domestico (leggi anche → UdA Architetti ripensa un appartamento a Bari, come un viaggio in Puglia).

Come si sono scelti. Tra persone che si occupano di giornali e progettisti coccolati e iperpubblicati è stato naturale conoscersi attraverso la stampa. Isis segue nel tempo la rivoluzionaria profondità dei loro progetti (con Elle Decor in veste di cupido? - ndr), finché, convinta della loro capacità creativa nel mescolare architettura e fantasia decorativa, organizza un incontro a Parigi, nel palazzo anni ’30 del XIV Nord, ai confini con Saint-Germain (leggi anche → UdA Architetti firma il restyling di un mini open space nel Marais).

L’incontro. Cordiale, empatico, sincero. Karel apprezza la presentazione del progetto con foto di personaggi vintage, Isis la calma tranquilla di Andrea in contrasto con l’idea che si era fatta guardando i suoi progetti molto radicali e ambiziosi. Da parte sua l’architetto avverte subito un’eccezionale affinità di gusto, e tra persone colte inizia un ping-pong di suggestioni creative. Le richieste. Rendere più funzionale la casa, minimizzare gli interventi murari, concentrare i tempi di realizzazione in tre mesi al massimo, ripensare le zone della convivialità come la cucina, lo studio, e quelle più intime delle camere e dei bagni così che ogni componente della famiglia potesse usufruire di aree autonome.

Le risposte. Introdurre un nuovo linguaggio architettonico in grado di riconfigurare lo spazio sovrapponendosi a quello esistente, e allo stesso tempo alterando la relazione percettiva degli ambienti. Scegliere come mezzo un sistema a telaio di tubi e lamiera forata, riferimento in campo architettonico al lavoro del designer francese Mathieu Matégot, protagonista degli anni ’50 con i suoi arredi e oggetti in ferro e lamiera forata, una materia elaborata con una tecnica nuova, di sua invenzione, che riesce a piegarla come un tessuto.

L’idea vincente. Nel racconto dell’architetto Andrea Marcante: “creare nuove direttrici visive grazie al sistema di tubi metallici che, liberi nello spazio, sfiorano stucchi e cornici, elementi tipicamente decorativi delle case francesi e, come bracci estensibili, raggiungono le pareti del salone quasi a volerle puntellare in uno scambio di tensioni. Un dialogo tra passato e contemporaneo, di sottili e talvolta ambigui equilibri, dove l’architettura può diventare decorazione e viceversa”. L’idea vincente, vista da Isis e Karel. “L’omaggio a Matégot è andato ben oltre. I nuovi spazi sono intriganti, facili da vivere e al tempo stesso misteriosi. I giochi di luce attraverso le grate sono molto fotogenici. I paraventi in lamiera isolano, senza mortificare, lo spazio, separano le zone di sosta da quelle di passaggio e definiscono sostegni per nuovi arredi contenitivi nell’ingresso. Amo il bagno padronale che diventa una microarchitettura forata senza alterare il volume della camera, e la zona studio condivisa con i figli, che si riconfigura come palcoscenico popolato da forme e materiali sospesi tra l’essere manifestazione dell’ironia degli adulti e divertimento dei bambini”.

Le astuzie salvatempo. Realizzare tutti gli arredi su misura in Italia, la cucina in valchromat grigio e ottone che ricompone e dilata uno spazio esiguo, il mobile e il tavolo-scrivania dello studio, i mobili del bagno e tutte le strutture metalliche. Premontati in azienda, hanno permesso di “costruire” la casa in 15 giorni. L’impresa francese si è limitata a murature e impianti, le decorazioni e resine a pavimento sono ancora di artigiani italiani. Questa modalità, che spesso lo studio UdA adotta per lavori di alta finitura all’estero, permette di controllare la realizzazione delle parti più difficili a monte.

Svolta inattesa. La prima Kids Collection di furniture design progettata da Andrea Marcante e Adelaide Testa, in incubazione da tempo. In materiali 100% green, colori pastello, dal sapore modernista. La spinta a concretizzare l’idea è venuta da Parigi. Isis, che conosce bene il mondo dei bambini, ha subito apprezzato il progetto. Per originalità creativa e qualità.

www.marcante-testa.it


di Rosaria Zucconi / 31 Agosto 2016
tags:

Restyling , Parigi

CORNER

Case collection

[Case]

Dinamici equilibri

La casa di Luca Bombassei in un palazzo d'epoca milanese

restyling

[Case]

Ritratto contemporaneo

Opere d’arte e design del Novecento nella casa di Carlo Prada

restyling

[Case]

Biblioteca con cucina

Libri, opere d'arte e poesie nella casa di Antonio Gnoli a Roma

Roma

[Case]

Un rifugio in collina

Il fascino della villa Anni 30 rivisitata in chiave contemporanea

Casa con giardino

[Case]

Abitare a due passi dal mare

A Pantelleria la ristrutturazione di un piccolo antico dammuso

Casa al mare

[Case]

Volumi sospesi a Nepi

Tra pieni e vuoti un progetto d'interni di Massimo Adario

restyling

[Case]

Un appartamento milanese

Ripensare una casa anni ’70 con affaccio piazza Sant’Ambrogio

Casa moderna

[Case]

Una casa al mare in Salento

Ristrutturare una villa frontemare da vivere tutto l'anno

Casa al mare

[Case]

Sweet Belvedere

Semplicità monastica e pezzi di design in una villa in Sud Africa

Casa moderna

Hearst Magazines Italia

©2016 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web