ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Come si riempie una casa di 700 metri quadri? Col vuoto!

Un grande vuoto a tutt'altezza è il protagonista della ristrutturazione di una casa coloniale a Ho Chi Minh firmata Kientruc O, per ritrovare la pace nel cuore della città.

ristrutturazione-casa-coloniale-ho-chi-minh-city-kientruc-o
Hiroyuki Oki

La ristrutturazione di D House da parte dello studio Kientruc O a Ho Chi Minh City ha un che di filosofico. Uno spazio di 775 metri quadrati, dislocati su uno stabile coloniale in mattoni a due piani risalente agli anni ‘40, e un'estensione anni '90 di quattro piani in cui abbondano le strutture in acciaio. Il tutto affacciato su una delle strade più affollate della capitale vietnamita.

La riflessione che ha condotto questo lavoro verte su un punto ben preciso: in tempi in cui le esigenze commerciali e funzionali degli edifici mutano in fretta e le architetture, fatalmente, invecchiano prima, cosa può evitarne il declino? Qual è l’elemento portante, identitario, che sopravvivrà alle revisioni future? In questo caso, al troppo pieno di una città, è il vuoto che riempie l’abitazione.

Una sezione ellittica che attraversa tutti i piani, e quindi gli anni, un luogo di pace e ristoro, di cui ci sarà sempre bisogno. Spazio alla luce, al cielo. Quattro piani di giardino culminanti in una terrazza, ma che nascono dall'acqua, da una piscina. Ma niente a che vedere con le piscine a filo in bella vista per fare l'invidia dei vicini. Piuttosto un’alcova silenziosa, dove godere di se stessi al riparo da tutto.

Tutto, allora, ruota intorno a questo. Le pareti che definiscono il vuoto sono in buona parte di vetro, il che permette a tutta l’abitazione di sfruttare la luce naturale. Gli interni, bianchi e scarni, svettano fino al soffitto a vista. Sul lato esterno, grate metalliche sono anch’esse costellate di fori circolari che lasciano crescere al loro interno alberi ad alto fusto. All’ultimo piano si ha così l’impressione di un giardino che nasce senza suolo. Una sensazione di leggerezza che pervade tutto l’edificio e che, di certo, costituisce l'identità di questo progetto.

 

www.kientruco.com

LEGGI ANCHE:
→ I giardini verticali di Vo Trong Nghia in Vietnam
→ Giardini verticali, un esempio abitativo in Vietnam


di Stefano Annovazzi Lodi / 23 Novembre 2017

CORNER

Case collection

[Case]

Il senso del luogo

Nirvana Home, una villa di 6.000 mq che va oltre la fisicità

casa moderna

[Case]

Villa Albergoni è in vendita

La casa di Chiamami col tuo nome è sul mercato

Costume

[Case]

Villetta non a schiera

Da York, guida all'emancipazione della casa vittoriana

restyling

[Case]

La Scandinavia a Pechino

Il progetto di Claesson Koivisto Rune per Xian Jiang House

casa moderna

[Case]

A casa tutti bene

Dentro la villa del nuovo film di Gabriele Muccino

Costume

[Case]

Vivere mini ad Hong Kong

Lim+Lu progetta un appartamento da single a colori brillanti

mini case

[Case]

Loft scolastico

Una vecchia scuola di Rotterdam trasformata in residenza

restyling

[Case]

Una casa per tutti

Ownerless House di Vão Arquitetura ad Avaré

Casa moderna

[Case]

L'Ufo di Munch

Snohetta, Bjarne Melgaard e un progetto che fa discutere

progetti

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web | Comunicato tariffe politiche elettorali