ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Ristrutturazione di una mansarda a Torino tra travi in legno e luce zenitale

Il recupero di uno spazio frammentato a favore di flessibilità e ampiezza

L’appartamento, in un palazzo fine Ottocento di un quartiere residenziale borghese nella storica downtown torinese, era stato denominato dalla proprietà ‘Petit Paris’ già prima che venisse coinvolto nel progetto di ristrutturazione della mansarda Massimiliano Camoletto, dello studio UdA Architetti, con Matteo Franco.

«Interpretare con sguardo contemporaneo un tema come quello di abitare un sottotetto — che negli anni '70 e '80 ha riempito pagine di riviste e libri d’interior — può rappresentare anche oggi un privilegio», spiega l’architetto. «La trave di legno a vista, che oggi definiremmo vintage, rimane un'immagine iconica di quell'epoca. Ma se guardiamo a Parigi, il concetto di mansarda ha accompagnato per secoli il mondo della cultura bohémien nella letteratura e nella pittura parigine», continua Camoletto. “Così, quando sono stato chiamato a valutare la fattibilità di questo progetto, senza interferire con le volte presenti in ogni vano, né con la muratura portante in mattoni e pietra, ho sentito l’assoluta necessità di offrire una dignità a quegli spazi angusti e frammentati».

Concluse le demolizioni delle partizioni interne, delle volte intermedie e delle strutture sottotetto, è apparso evidente che il volume vuoto a doppia altezza aveva una sua forza e la purezza di uno spazio pronto a una nuova vita. Con la collaborazione dell’architetto Valter Camagna, sempre dello studio UdA, per la direzione strutturale e impiantistica, il progetto si è sviluppato intorno al muro di spina del palazzo, che incrocia l’ingresso e diventa elemento di separazione tra il living, la camera padronale con bagno e una stanza studio con soppalco, utilizzabile come camera degli ospiti.

L’intervento architettonico ha seguito linee guida precise: consentire la massima permeabilità della luce naturale, creare la percezione di un open space unico e omogeneo, pur nel rispetto della privacy di certi ambienti, garantire le principali funzioni pratiche della quotidianità senza interferire con un’estetica rigorosa. Infine assicurare performance acustiche a prova di rumori interni ed esterni e, su precisa richiesta dei proprietari, dedicare grande attenzione al sound design mediante la scelta di innovativi diffusori sonori integrati nelle pareti in maniera invisibile.

SCOPRI ANCHE:

Casa e studio a Mosca in 49 mq
Come progettare 32 metri quadri a Parigi
Uda Architetti raccontano la mostra Soft Home


di Rosaria Zucconi e Francesca Benedetto / 19 Luglio 2016

CORNER

Case collection

[Case]

Gli opposti si attraggono

In Bielorussia una casa di campagna moderna e accogliente

Casa moderna

[Case]

La casa più bella d'Inghilterra

Caring Wood si ispira alle torrette usate per essiccare il luppolo

Case moderne

[Case]

Postmoderno a Londra

Cosa succede se togli i mattoni e metti il pink millenial

Restyling

[Case]

Minimal a Palazzo Pamphilj

In un palazzo storico di Roma un appartamento dai toni soft

Restyling

[Case]

AAA cercasi appartamento

A Versailles 28 mq diventano una reggia rosa pastello

Mini case

[Case]

Una casa scolpita

Felipe Rodrigues firma in Brasile una casa scultorea e irregolare

Casa moderna

[Case]

Sofisticatezza contemporanea

Il restyling di una casa vittoriana a Melbourne firmato The Stylesmiths

Casa moderna

[Case]

La casa che respira

Un'architettura tropicale per abitare a piedi nudi

Casa moderna

[Case]

Plastica e scultorea

A Sydney una casa in cemento, sorretta da un unico pilastro

casa moderna

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web