ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Villa con giardino sulle colline bolognesi

Oggetti di design e arte contemporanea arredano gli interni Anni 30

Vista dall’esterno conserva il fascino della classica villa anni Trenta immersa in un giardino sulle prime colline bolognesi. Il posto più rassicurante, fuori dal tempo e romantico che si possa immaginare.

Il secondo piano con terrazza è stato scelto come abitazione dall’architetto Luca Zanaroli, che lo ha ridisegnato come un appartamento cittadino, decisamente contemporaneo, dal segno rigoroso, essenziale. Intervenire in contesti storici con caratteri ben definiti, dai trulli alle masserie in Puglia dove il linguaggio architettonico di Luca ha fatto scuola e tendenza, è una sua specifica attitudine.

«È stato un istintivo ritorno a casa, non voluto né compreso all’inizio. In questa stessa via ho abitato fino all’età di 5 anni. Troppo poco per conservarne ricordi, ritrovati nella foto di un bambino che gioca sulla neve e nei racconti dei miei fratelli maggiori. Ho scelto questo spazio perché mi ha consentito di disegnare una nuova architettura in contrasto con un involucro che conserva intatti gli elementi stilistici dell’epoca. Come le 20 finestre, due riaperte, che si susseguono lungo il perimetro con gli infissi originali, la classica lunetta a semicerchio, tapparelle a visiera perfette per ombreggiare e ventilare in estate. E gli stucchi sul soffitto, la terrazza con vista attraverso alberi secolari su altre ville Liberty, un’architettura sorprendentemente modernista. Liberati i 145 metri quadrati, da pareti che frantumavano lo spazio in tante stanze, ho disegnato nuovi volumi realizzati in lamiera di ferro naturale trattato a cera, dalla matericità calda ma dal segno prepotente».

Il bagno, doppio, con antibagno, è una scatola in ferro nero dalle superfici a tutta altezza. Su una parete, suggestivi tagli di colore orizzontali e verticali in cristallo bronzato, acceso sul retro da una gelatina color ambra, come quella usata nelle luci di teatro, spezzano il monotono disegno delle ante di contenimento.

Ancora lo stesso materiale nel corridoio della zona notte per la libreria-divisorio che smaterializza, includendole, le porte delle stanze dei figli. Nella camera da letto padronale cambia il materiale, ma non la negazione della porta, inserita lateralmente nella parete d’accesso, l’unica senza finestre, sostituita da un’armadiatura nata dall’opera di Stefano Ricci, composta da 9 pannelli da 65x65 cm applicati sulle ante centrali.
Al centro della stanza una quinta che non arriva al soffitto, su cui si appoggia il letto, nasconde un piccolo studio e lascia passare la luce tutto intorno. La ricerca del contrasto tra leggerezza e matericità, rispetto del passato e voglia di figurazioni attuali, comprende anche il disegno delle ante scorrevoli in vetro dal sottile profilo in ferro, agganciate in alto, che liberano dalle guide il pavimento, dando un deciso senso di leggerezza.
«Ho compreso l’esigenza dei precedenti abitanti che avevano murato due finestre per avere almeno una parete sulla quale appoggiare la classica mobilia da salotto! Ostacolo che ho superato attraverso i nuovi volumi, e la scelta di pochi arredi di altezza minima, come i contenitori da ufficio in soggiorno e cucina, e del lungo piano in quarzite, un elemento monolitico, ma leggero perché sollevato da terra, a disegnare una linea continua tra pranzo e salotto. Da quella che io amo chiamare la collezione della mamma provengono arredi vintage di design innovativo, come i divani Le Bambole di Mario Bellini rieditati da B&B Italia nel 2007, le lampade cocoon di Bruno Munari e Tobia Scarpa, alcuni pezzi di Gavina e Arteluce. La passione per l’architettura e il design mi è stata trasmessa da lei — tra le cinque donne laureate a Roma negli anni ’50, professionista di successo nella capitale, trasferita a Bologna per amore — che fin da piccolo mi portava nei cantieri. Dove scoprivo una mamma diversa, che con piglio maschile metteva tutti in riga».

SCOPRI ANCHE:

A New York, un loft moderno che gioca con il colore
Un appartamento milanese
La ristrutturazione di una ala di Palazzo Mongiò dell'Elefante a Galatina


di Rosaria Zucconi / 8 Settembre 2016

CORNER

Case collection

[Case]

Dinamici equilibri

La casa di Luca Bombassei in un palazzo d'epoca milanese

restyling

[Case]

Ritratto contemporaneo

Opere d’arte e design del Novecento nella casa di Carlo Prada

restyling

[Case]

Biblioteca con cucina

Libri, opere d'arte e poesie nella casa di Antonio Gnoli a Roma

Roma

[Case]

Abitare a due passi dal mare

A Pantelleria la ristrutturazione di un piccolo antico dammuso

Casa al mare

[Case]

Restyling a Saint-Germain

Nuove relazioni tra gli ambienti in un appartamento a Parigi

Restyling

[Case]

Volumi sospesi a Nepi

Tra pieni e vuoti un progetto d'interni di Massimo Adario

restyling

[Case]

Un appartamento milanese

Ripensare una casa anni ’70 con affaccio piazza Sant’Ambrogio

Casa moderna

[Case]

Una casa al mare in Salento

Ristrutturare una villa frontemare da vivere tutto l'anno

Casa al mare

[Case]

Sweet Belvedere

Semplicità monastica e pezzi di design in una villa in Sud Africa

Casa moderna

Hearst Magazines Italia

©2016 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web