ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Flos: luce d'autore

Quando le lampade scrivono la storia del disegno industriale. Dal 1962

Sono passati poco più di cinquanta anni dalla fondazione del brand Flos. Nel frattempo ci siamo lasciati alle spalle un secolo decisivo, attraversato da trasformazioni epocali che hanno contagiato rapidamente gusti e costumi sociali. Da allora il design è entrato prepotentemente nella vita di tutti i giorni, anticipando tendenze e inventando forme e funzioni. Da allora le piccole realtà industriali, nate sulla scia di una tradizione manifatturiera, si sono trasformate in consolidate aziende di livello internazionale, determinando il successo del made in Italy nei mercati esteri.

Quando tutto questo accadeva Flos c’era. La sua storia di sfide e traguardi intercetta inevitabilmente la storia del design italiano. A partire dal 1962, dall’apertura della prima sede a Merano, con Achille Castiglioni all’interno del consiglio di amministrazione. Un esordio promettente che rivela da subito la vocazione progettuale e sperimentale dell’azienda. Un‘attitudine conclamata, testimoniata negli anni da esclusive collaborazioni con i più interessanti progettisti del panorama internazionale.

Nel 1964 l’azienda viene spostata nei pressi di Brescia e Sergio Gandini diventa presidente del consiglio di amministrazione. Dopo l’inaugurazione, nel 1968, del primo negozio monomarca a Milano, Flos acquisisce nel 1974 lo storico marchio Arteluce, fondato nel 1939 da Gino Sarfatti. Nel 1976 la produzione viene trasferita nello stabilimento di Bovezzo. Pochi anni dopo aprono gli uffici milanesi di Corso Monforte: sono gli anni ‘80 e l’azienda continua ad avvalersi del prezioso contributo di Achille Castiglioni, insignito nel frattempo del premio Compasso d’Oro per il progetto della lampada Parentesi, disegnata con Pio Manzù.

Per il grande incontro con Philippe Starck bisogna aspettare il 1988. Lo spirito ironico e la natura sovversiva del designer francese contaminano l’universo Flos: la luce diventa gioco e il buon design entra nelle case di tutti, conquistando un pubblico sempre più trasversale.

A metà degli anni ’90 inizia l’esplorazione di nuovi mercati attraverso la divisione Light Contract: un programma di soluzioni di alto profilo, nato per fornire ad architetti e lighting designer una consulenza completa che comprende anche la realizzazione di pezzi su misura, unici o in edizione limitata.

Nel 1996 la nomina di Piero Gandini, figlio di Sergio, ad Amministratore Delegato, spinge l’azienda ad accelerare il processo di internazionalizzazione. Prende il via una nuova stagione: quella dei grandi autori che sposano appieno la filosofia Flos, affidando le proprie idee al know how tecnologico e produttivo dell’azienda. Antonio Citterio, Jasper Morrison, Konstantin Grcic, Marc Newson, Marcel Wanders, Piero Lissoni, Rodolfo Dordoni, Tim Derhaag, Johanna Grawunder, Joris Laarman, Patricia Urquiola, Paul Cocksedge, Ron Gilad, BarberOsgerby, hanno creato per Flos pezzi memorabili. Lo stesso vale per progettisti di più recente acquisizione come i fratelli Ronan ed Erwan Bouroullec, Thierry Dreyfus e Michael Anastassiades.

L’avvio, nel 1998, della partnership con la società illuminotecnica spagnola Antares promuove lo sviluppo del settore Architectural. NasceFlos Architectural Lighting che coniuga le due diverse anime della luce: l’aspetto ingegneristico e l’immagine poetica.

L’esperienza maturata in oltre mezzo secolo di storia, ha reso oggi Flos un brand unico e riconoscibile. Con la sua intraprendenza ha sovvertito le consuetudini della produzione industriale e spostato in là le frontiere delle strategie di comunicazione.

Tutte di respiro internazionale, le campagne pubblicitarie sono state affidate nel corso del tempo a geniali fotografi e art director. Un nome per tutti: Jean-Baptiste Mondino.

Nel 2007 la sfida continua con il Flos Professional Space, l’innovativo show room di Corso Monforte progettato da Jasper Morrison come una piattaforma espositiva in costante evoluzione. Dedicato da Flos a tutti gli amanti del brand, rappresenta un luogo imperdibile per tutti gli appassionati di design.

Sperimentazione a 360 gradi: sembra essere questa la formula vincente di Flos. Insieme alla voglia di scalare il futuro senza dimenticare le proprie tradizioni. Un futuro complesso, che comporta l’assunzione di obblighi come la sostenibilità. Un valore fondamentale, ribadito da Flos attraverso la collezione Soft Architecture, un sistema all’avanguardia che permette di integrare l’illuminazione con pareti e controsoffitti in cartongesso. Il merito è di Under-Cover, un materiale composito di nuova generazione che promette leggerezza, alta resistenza, e durata nel tempo. L’effetto è emozionante: la luce prende vita attraverso sagome sensuali, morbidi rilievi e incavi. Le forme si fondono con le superfici plasmandole all’insegna della monomatericità. Miscela perfetta di design e tecnologia, la produzione Soft Architecture sovverte le convenzioni, trasformando la luce in sorpresa. Ma come si fa a chiamare tutto questo solo illuminazione?

www.flos.com


FLOS collection

[FLOS]

Illuminare l'architettura

Nato per l'interior design: il progetto Soft Architecture di Flos

[FLOS]

Nel segno di Achille Castiglioni

Luci di design: le lampade d'avanguardia disegnate per Flos

Design

[FLOS]

Lampade: le icone senza tempo

I nuovi classici di Flos: per illuminare le case di oggi e domani

Design

[FLOS]

Light, business e creatività

Tecnologie digitali e interattive: intervista a Piero Gandini

Design

[FLOS]

Flos: luce d'autore

Quando le lampade scrivono la storia del disegno industriale. Dal 1962

Design

[FLOS]

String Lights: le luci che arredano

Anastassiades e Flos reinterpretano la lampada a sospensione

Design

Hearst Magazines Italia

©2016 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web