ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Abitare alla Molteni

Arredi d’autore per case moderne e contemporanee: Dal living al dining fino alla zona notte

Legno e sistemi di arredo fanno parte del Dna produttivo di Molteni&C. Da lì è iniziata la coraggiosa avventura imprenditoriale, che in ottanta anni di attività è arrivata a offrire una gamma completa di soluzioni che coprono l’intera sfera dell’abitare, inteso nel senso più ampio del termine.

La casa viene esplorata nelle sue varie forme: il living, il dining e la zona notte diventano occasione di progetto, ricerca e innovazione. Il risultato è un catalogo ricco e articolato che comprende best seller, evergreen e nuove proposte che confermano la vocazione avanguardista della produzione. Dietro c’è la grande tradizione di un'azienda che attraverso il saper progettare e il saper fare ha legato il proprio nome a una riuscita combinazione di design e sperimentazione tecnologica.

Il core business dell’azienda resta sempre il settore sistemi e armadi, che ricopre il 48% del fatturato, seguono a ruota letti e imbottiti, e poi le esclusive collezioni di tavoli, sedie e accessori.

Con Molteni&C scaffalature e moduli contenitivi da parete, affinano le proprie caratteristiche estetiche e funzionali, affermandosi come protagonisti di soggiorni e sale da pranzo. Risale al 1972 il progetto originale della libreria 505 di Luca Meda. Ha avuto un ruolo da apripista, giocando con la combinazione di elementi modulari che rendono la parete bella e modernamente efficiente. Oggi viene riproposta in versione aggiornata firmata Nicola Gallizia.

La stessa voglia di sperimentazione degli anni ’70, trasportata nel nuovo millennio, ha generato la libreria Graduate, disegnata dalla star internazionale Jean Nouvel. Leggera e trasparente, sembra disegnare un volume fatto d’aria attraverso i netti profili di mensole e montanti verticali. Le pareti diventano il foglio bianco su cui disegnare nuove modalità di contenimento, improntate a un nuovo senso estetico.

Con Piroscafo la parete diventa architettura: la libreria vetrina disegnata da Luca Meda e Aldo Rossi rievoca una grande facciata scandita dal ritmo regolare degli infissi.

Le nuove abitudini richiedono adeguati sistemi di deposito quotidiano, sia di oggetti che di apparati tecnologici: con Pass-Word salotti, e dining room possono contare su un flessibile elemento contenitore. Le diverse tipologie pensate da Dante Bonucelli hanno trasformato la collezione in una serie multitasking, capace di nascondere e rendere immediatamente fruibili le cose di uso comune. Un’attitudine alla privata accessibilità sublimato da Ron Gilad nello scrittoio Segreto che risolve l’esigenza del piano di appoggio attraverso un solido triangolare sospeso che alloggia al suo interno un pratico vano ripostiglio.

Appartiene alla categoria degi imbottiti, il recente divano Breeze di Matteo Nunziati si è fatto notare per l’attualità delle dimensioni raccolte che fronteggiano i vincoli spaziali delle abitazioni metropolitane. Flessibilità anche per il sistema di sedute Turner, di Hannes Wettstein, declinata attraverso un’ampia casistica di configurazioni modulari, adattabili a ogni tipo di spazio. Nuova edizione invece per Reversi, presentato nella versione.14 con soluzioni lineari, angolari, chaise longue e pouf.

La globalità delle proposte Molteni&C prevede anche collezioni di tavoli e sedie che reinterpretano con personalità i gesti del vivere quotidiano. Arc, di Foster+Partners, è un tavolo scultura che rievoca le forme delle tensostrutture. E’ un progetto all’avanguardia che spinge l’acceleratore sulla sperimentazione tecnologica, che nel caso del tavolo Filigree punta sull’alluminio per ottenere quasi un’assenza di spessore. L’autore è Rodolfo Dordoni, ideatore anche della famiglia di sedute Chelsea che sintetizzano l’essenza del design contemporaneo e la memoria della tradizione, come la riedizione di storiche sedie progettate da Gio Ponti tra il 1935 e il 1970. Si tratta di D.235.1 progettata dal maestro per la sede Montecatini di Milano e riproposta nella versione D.235.2 con rivestimento in cuoio, e di D.270.1 Sedia e D.270.2 Poltrona che lo stesso autore ha definito comode, con pratico schienale stretto e pieghevole.

http://molteni.it/


MOLTENI&C collection

[MOLTENI&C]

80 anni di made in Italy

Da piccola realtà locale brianzola a cconsolidato marchio internazionale

Design

[MOLTENI&C]

Gli armadi Gliss Master

Tecnologia ed estetica: gli armadi d'avanguardia Gliss Master di Molteni&C

Design

[MOLTENI&C]

INDada: restyling d'autore

Nuove finiture e nuovi componenti per soluzioni d'arredo dall'identità forte

design

[MOLTENI&C]

Lo stile di Gio Ponti

Gli arredi del grande architetto italiano. Rieditati da Molteni&C (VIDEO)

Design

[MOLTENI&C]

Molteni&C: manifattura Italiana

Sapienza artigianale e tecnologie industriali. Per realizzare mobili di design

Design

[MOLTENI&C]

Il design in camera da letto

Comfort, funzionalità, estetica: le proposte di Molteni&C per la zona notte

Design

[MOLTENI&C]

La cucina di Dada

L'alta gamma entra nell'area kitchen. Con mobili e sistemi ideati da grandi firme

Design

[MOLTENI&C]

Mobili & custom made

Molteni e il contract: dalle case agli alberghi fino ai teatri e alle navi

Design

[MOLTENI&C]

Abitare alla Molteni

Living, dining e zona notte: arredi d’autore per case moderne e contemporanee

Design

Hearst Magazines Italia

©2016 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web