ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Più futuro, meno ottone: cosa sta succedendo al design secondo Paolo Gonzato

Artista e designer, l'eclettico Gonzato di accompagna a ritroso al Salone del Mobile di quest'anno. E tira le somme

intervista-paolo-gonzato
Dennison Bertram

Un artista può parlare di design? Si se si chiama Paolo Gonzato e di confini non ne vuole sapere. In un momento in cui tutti costruiscono barriere, lui si muove liberamente tra design, arte e moda facendo mash-up apolidi che aprono nuove possibilità d’uso e di interpretazione. Il passaporto sono i rombi, l’archetipico pattern di Arlecchino che Gonzato traduce in pittura e installazione, lavorando superfici che diventano tridimensionali e opere d’arte che si prestano al design.

Dopo Federico Peri (leggi anche → 7 domande a Federico Peri), Paolo Gonzato ci riaccompagna all’ultimo Salone del Mobile, con uno sguardo d’insieme che prova a capire cosa è stato interessante, e cosa no, della settimana più importante di Milano.

Se dico Salone del Mobile 2017 qual’è la prima cosa che ti viene in mente?
Penso a materiali eterogenei combinati tra loro e ad una ritrovata voglia di "futuro"

Il prodotto più interessante che hai visto quest’anno?
Una chaise longue scultorea di Alessandro Mendini realizzata con gocce/ecopixel di plastica, un oggetto che vorrei possedere.

L’installazione più bella?
Elegantissimi i Formafantasma alla Spazio KRIZIA (leggi anche → Allo spazio Krizia l'installazione luminosa del duo Formafantasma) e sorprendente Maarten Baas nei rilevati della Stazione Centrale nella zona di Nolo, a due passi da casa mia (leggi anche → Maarten Baas merita tutta la nostra attenzione).

La persona più interessante che hai incontrato?
Un incontro metafisico con Toni Zuccheri attraverso la sua ricerca instancabile nel mondo del vetro che si è conclusa nel 2008.

Cosa ti ha deluso?
Il riproporsi inesorabile di materiali e forme  borghesi, una colata perenne di ottone in ogni forma.

Cosa vorresti vedere l’anno prossimo?
Meno riedizioni e più progetti contemporanei.

Il tuo lavoro in una frase
È un mash-up di elementi, modalità, possibilità, dove nulla è assoluto e la creatività può essere evasa in mille modi possibili.

SCOPRI ANCHE:
Quando i designer si raccontano


di Carlotta Marelli / 25 Agosto 2017

CORNER

Speciale best of collection

[Speciale best of]

Divani strani: 5 idee arredo

Divani curvy e forme organiche per stupire e rilassare

Best of 2017

[Speciale best of]

Dove lo metto?

Il 2018 vuole librerie eleganti, extra slim e articolate

Best of 2017

[Speciale best of]

L'intimità dei mini divani

Da Poliform, dimensioni contenute e massimo comfort

Best of design 2017

[Speciale best of]

Tavoli a tutto tondo

Tavoli rotondi con forme pure, asimmetrie e materiali naturali

Best of 2017

[Speciale best of]

Design a tutto gas

I focolari a gas della nuova gamma Focus

Best of design 2017

[Speciale best of]

Comfort modulare

I divani Lema tra convivialità e relax

Best of design 2017

[Speciale best of]

Ti racconto il design

Maria Cristina Didero riapre con noi il libro delle storie della Design Week

Best of design 2017

[Speciale best of]

5 letti imbottiti visti nel 2017

Tra le regole del dormire bene, scegliere il giusto letto moderno

Best of 2017

[Speciale best of]

Letti tailor-made

D'Elite, artigianalità, lusso e soprattutto personalizzazione

Best of design 2017

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web