ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

25 anni di design scandinavo

Intervista ad Anders Färdig che festeggia un quarto di secolo del brand Design House Stockholm: 25 anni di forme semplici, costi contenuti e firme internazionali

25 anni di design scandinavo passati in un attimo: è questa la sensazione che ha Anders Färdig, fondatore e CEO di Design House Stockholm, che proprio quest’anno festeggia il primo quarto di secolo di attività del suo gruppo. 

Arredamento nordico, lampade, oggetti per la cucina, senza dimenticare gli accessori moda e i tessuti: Design House Stockholm negli anni ha davvero prodotto una vasta gamma di collezioni e di prodotti, molti dei quali estremamente innovativi e rivoluzionari. Come per esempio le lampade Work e Cord di Form Us With Love, la scrivania Arco di Chuck Mack, la poltrona Ram dello studio Färg & Blanche. E ancora, l’appendiabiti Wave di Nanni Holén, la Greenhouse di Atelier 2+ e il cuscino Knot di Ragnheiður Ösp Sigurðardóttir.

Ma a cosa è dovuto un tale successo? E quali sono i nuovi obiettivi da raggiungere? L’abbiamo chiesto ad Anders Färdig incontrandolo nel suo ufficio a Stoccolma, situato all’ultimo piano di un moderno palazzo che si affaccia sulla splendida baia.

Quali sono gli elementi che hanno determinato il successo di Design House Stockholm?
Direi il nostro approccio al design: da sempre non chiamiamo un designer per commissionargli un lavoro, ma aspettiamo che sia lui a proporci un suo disegno. La creatività deve essere libera e nascere spontaneamente: pensiamo che solo in questo modo si possano vedere dei veri progetti nati senza vincoli né limiti. Per questo motivo ci piace considerarci “editori” di design e non semplici produttori.

Come scegliete dunque un progetto? Quale caratteristica deve avere?
Ogni nuovo lavoro deve avere qualcosa di speciale che lo faccia andare sempre un po’ oltre i limiti dell’ordinario. Due esempi: la lampada Block di Harri Koskinen, un guscio di vetro che sembra ghiaccio che intrappola la lampadina, e il vaso di Alba di Anna Kraitz, il classico pezzo di porcellana ma strizzato da una cintura di pelle che lo rende diverso.

Esiste uno “stile” Design House Stockholm?
Noi siamo Svedesi, e ci piace quindi che le nostre collezioni rispecchino il nostro gusto scandinavo, fatto di oggetti belli, semplici nelle forme, pratici da usare e che abbiano costi contenuti. Ma questo non deve essere un limite geografico alla creatività: collaboriamo infatti con designer di diversi paesi.

Avete sei negozi monomarca in Europa, due in Giappone e una distribuzione di shop online in tutto il mondo: quale sono i prossimi obiettivi?
Tante nuove collezioni e un occhio particolare alla natura, continuando a proporre oggetti per poter avere un piccolo angolo verde in casa propria: dalla serra in formato casalingo ai vasi per una singola foglia. Prossimo appuntamento quindi a Milano per il Salone del Mobile.

www.designhousestockholm.com


di Maria Chiara Antonini / 20 Febbraio 2017

CORNER

Design collection

[Design]

Il successo di un no-brand

Muji non rivela mai i nomi dei designer con cui collabora: ecco perché

Arredi di design

[Design]

Orologi senza tempo

Segnatempo di nuova generazione e materiali super

lifestyle

[Design]

Gli oggetti di Miart

Dalla fiera dell'arte contemporanea, meglio della sezione Objet

mostre

[Design]

MiArt a colpo d’occhio

Guida al meglio della fiera d’arte di Milano

mostre

[Design]

Bouquet 4.0

I canoni estetici delle composizioni floreali stanno cambiando

Costume

[Design]

Tappeti d'autore

Oliva Sartogo invita 8 grandi architetti a confrontarsi col tappeto

Textile design

[Design]

50 anni di Odissea nello spazio

L'incredibile accuratezza della visione di Stanley Kubrick

Costume

[Design]

I fiori a km 0

Dopo il cibo, il movimento slow contagia anche i fiori

Costume

[Design]

Quando il museo ti fa ballare

60 anni di clubbing in mostra al Vitra Design Museum

Mostre

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web