ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

5 libri di design (+1) da comprare a settembre

Design, architettura, interni... ne abbiamo per tutti i gusti

5-libri-di-design-settembre

Dopo aver ripiegato le pagine del vostro libro sotto l’ombrellone, averle macchiate di crema solare e averle squadernate per via della salsedine e del sole, ora è il momento di passare a letture da salotto, più impegnative e con libri più pregiati, perfetti anche come coffe table book. Se è tristemente vero che meno di un italiano su due ha letto almeno un libro nell’ultimo anno (fonte AIE), forse grandi figure e design accattivante possono riavvicinarci ai tomi. Ne abbiamo scelti 6, per ripartire a settembre!

Cominciamo con un’introduzione firmata Tate Publishing all’arte di David Hockney, uno degli artisti britannici più influenti del XX secolo. Dalle piscine di LA, ai paesaggi dello Yorkshire, un’introduzione che ci accompagna alla scoperta di questo artista poliedrico e fecondo, e ci permette di capirne l’evoluzione, mentre il dibattito attorno alla sua opera è più acceso che mai alla vigilia del suo ottantesimo compleanno (leggi anche → Una sdraio da giardino all'altezza del Pompidou).

Can graphic design save your life? non è una domanda retorica. Lo dimostra la mostra allestita a Wellcome Collection, Londra, che ha portato alla pubblicazione di questo volume, edito da GraphicDesign& in collaborazione con Wellcome Collection. Una raccolta di 200 immagini divise in sei sezioni che indaga la profonda relazione tra design e sanità, nel tentativo di veicolare awarness alla popolazione. Dalle insegne delle farmacie alle fotografie sui pacchetti di sigarette, una storia che abbiamo tutti sotto gli occhi.

Foto: Christopher Herwig

Dopo il successo del primo volume, Christopher Herwig torna con Soviet bus stops vol II pubblicato da FUEL e continua la sua indagine sulle fermate metro dell’ex Unione Sovietica. Spingendosi fino alle remote propaggini di Ukraina e Georgia, Herwig fornisce anche una valutazione delle ragioni per cui il regime favorisse e anzi invogliasse un’espressione tanto singolare di architettura pubblica e come questa si sposasse con l’ideologia comunista. Un’architettura che ora ha il fascino della rovina che sopravvive agli imperi.

Foto: Courtesy The Gallery Mourmans

In occasione della retrospettiva su Ettore Sottas alla Triennale di Milano, Electra pubblica il catalogo della mostra There is a planet a cura di Barbara Radice. Dentro c’è tutto il Sottas segreto che di solito sfugge alle grandi mostre. Oltre alle fotografie troverete bozzetti, scritti, informazioni inedite, echi di lavori che portano a intuizioni, memorie, sogni… uno sguardo intimo e affettuoso più che freddo e scientifico, per assistere a uno dei geni del design italiano seduto alla sua scrivania.

Foto: Keiichi Tahara

Per chi è innamorato dell’Art déco e se potesse rinascerebbe durante la belle époque, un attimo prima della tragedia per lanciarsi nella mondanità europea tra colonne affusolate e vetri febbrili, Floreal Buildins è il libro definitivo. Tre volumi dedicati all’incontro tra le nuove tecnologie e la suggestione dell’estremo oriente, della psicanalisi, e dei maestri come Gaudí, Horta, Hoffmann, Loos, and Mackintosh. Il fotografo Keiichi Tahara ha viaggiato in lungo e in largo il vecchio continente alla ricerca degli esempi più fulgidi di questo stile iconico di cui ci riporta tutta l’aura e quel gusto fin de siècle che lo rende tanto fragile.

Foto: Beppe Brancato

Infine This will be the place commissionato da Cassina ed edito da Rizzoli Usa è una monografia che esplora i comportamenti sociali contemporanei e il loro possibile impatto sul futuro degli interni. Curata da Felix Burrichter, giornalista, direttore creativo e fondatore della rivista PIN-UP di New York, contiene numerose interventi, dai saggi alle interviste, a eminenti professionisti del mondo dell'architettura e del design. Una cavalcata lungo i decenni, per capire come sono cambiate le abitudini del vivere e per immaginare quali saranno quelle a venire (leggi anche → Chi è la pin up del design 2017?).

LEGGI ANCHE:
Il libro che è un viaggio segreto nel cuore di Parigi


di Stefano Annovazzi Lodi / 14 Settembre 2017

CORNER

Design collection

[Design]

Il successo di un no-brand

Muji non rivela mai i nomi dei designer con cui collabora: ecco perché

Arredi di design

[Design]

Orologi senza tempo

Segnatempo di nuova generazione e materiali super

lifestyle

[Design]

Gli oggetti di Miart

Dalla fiera dell'arte contemporanea, meglio della sezione Objet

mostre

[Design]

MiArt a colpo d’occhio

Guida al meglio della fiera d’arte di Milano

mostre

[Design]

Bouquet 4.0

I canoni estetici delle composizioni floreali stanno cambiando

Costume

[Design]

Tappeti d'autore

Oliva Sartogo invita 8 grandi architetti a confrontarsi col tappeto

Textile design

[Design]

50 anni di Odissea nello spazio

L'incredibile accuratezza della visione di Stanley Kubrick

Costume

[Design]

I fiori a km 0

Dopo il cibo, il movimento slow contagia anche i fiori

Costume

[Design]

Quando il museo ti fa ballare

60 anni di clubbing in mostra al Vitra Design Museum

Mostre

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web