ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Automobili haute couture

In mostra a Parigi

Dagli Usa alla Francia, una selezione di auto d’epoca straordinarie dalla collezione di Ralph Lauren. In una scenografia firmata (e raccontata) da Jean-Michel Wilmotte.

Diciassette star di alto lignaggio - di cognome fanno Bugatti, Bentley, Mercedes-Benz, Jaguar, Porsche e Ferrari – sono approdate al Musée Les Art Decoratifs di Parigi con ferreo aplomb, incuranti dei disagi del lungo viaggio. Lasciati gli States, e le cure del loro proprietario e collezionista, lo stilista americano Ralph Lauren, sono atterrate in Gran Bretagna su quattro aerei cargo per poi partire alla volta della Francia via terra, caricate su altrettanti camion. Esemplari d’eccezione, scelti dal curatore della mostra Rodolphe Rapetti e messi in scena da Jean-Michel Wilmotte, narrano in prima persona la storia dell’automobile europea. All’architetto francese abbiamo chiesto di raccontarci il progetto espositivo.

Com’è nata la collaborazione con Ralph Lauren?
Mi ha contattato il suo studio. Mi domando se sia anche perché sono il presidente della giuria del Festival Automobile International che ogni anno assegna i premi ai migliori progetti automobilistici e artistici. Senz’altro su indicazione dello stesso Musée Les Art Decoratifs.

Ha scelto di invadere la navata con le star della collezione e ha ottenuto un effetto teatrale. Su quali elementi ha lavorato?
Quella di Ralph Lauren si può definire una vera collezione di auto haute couture. Con la loro presenza dominano lo spazio ma l’allestimento permette di vederle da vicino, di apprezzarne sia i dettagli sia l’intera struttura. Per riequilibrare le proporzioni della navata ho usato colonne luminose in tessuto che scendono dal soffitto. Come coni di luce che focalizzano l’attenzione.

Effetti speciali?
La colonna sonora. Si può ascoltare il suono dei motori delle diciassette auto, dal momento della messa in moto sino alla massima velocità sfiorata.

Auto sì da museo, ma esposte in uno spazio riservato alle arti. È corretto avanzare l’interpretazione che anche le automobili siano oggetti d’arte?
Lo sono e non solo per le loro qualità estetiche di linea, colore, materiali e design e per la loro bellezza meccanica che nasce dalla ricerca dell’efficacia e della precisione. Sono anche oggetti che ben testimoniano l’epoca, i cambiamenti, lo stile di vita delle persone.

Un’ultima domanda: ama le auto?
Veramente preferisco le barche. Ma è un’altra storia...

Info: L’Art de l’automobile. Chefs-d’oeuvre de la collection Ralph Lauren, Musée Les Arts Decoratifs, 107 rue de Rivoli, Parigi, t. +33.0144555750, www.lesartsdecoratifs.fr. Fino al 28/8.


di Laura Maggi / 13 Giugno 2011

CORNER

Design collection

[Design]

Tennis e coccodrilli

Lacoste e Yazbukey insieme in vista del Roland-Garros

moda e design

[Design]

Come si fanno i lecca lecca?

Il libro della nuova guru americana delle dolcezze naturali

food e design

[Design]

Come si entra a Milano?

Un libro e una mostra per scoprire gli ingressi più belli della città

mostre

[Design]

Il design in tempo di selfie

I migliori oggetti di design per l'autoscatto perfetto

accessori di design

[Design]

Il design per la Terra

6 idee eco-friendly che applicano creatività e tecnologia al sevizio di Madre Natura

costume

[Design]

I veri vip del Coachella

Gli enormi e coloratissimi protagonisti del festival californiano

installazioni

[Design]

Musica in assenza di gravità

Equilibrio perfetto per queste cuffie audio che sfidano le leggi fisiche

Accessori di design

[Design]

Cucina evergreen

5 modelli di cucine classiche e senza tempo

cucine di design

[Design]

He was a skater boy

French Fred cattura il rapporto degli skaters con l'architettura urbana

mostre

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web