ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Be Open a Londra

Sound Portal, paesaggi sonori

Un cocoon per immergersi totalmente nel suono: è il padiglione Sound Portal, appena presentato durante il London Design Festival con cinque giorni di sonorizzazioni d'autore, che verrà installato al Chelsea College of Art and Design. Il misterioso volume nero e gommoso, pensato come un contenitore di paesaggi sonori, è un'iniziativa della Fondazione BE OPEN, un think thank che ha lo scopo di incoraggiare la creatività e l’innovazione. Ed è la prima tappa di un percorso che esplorerà i cinque sensi in altrettante installazioni nelle capitali mondiali del design. Creata dall’imprenditrice e filantropa russa Elena Baturina, la Fondazione ha anche annunciato lo scorso 21 settembre, sempre in occasione del London Design Festival, i 3 vincitori del premio BE OPEN AWARDS, uno per ciascuna categoria: per CAST (design multimediale e interattivo) Sonic Landscape di Alexandra Kharakoz (Gran Bretagna); per CITY (architettura e urbanistica) Evaporative Cooling Capillary di Chak Ming Sin (Hong Kong) e per FORM (industrial design) Re_ di Bernier Samuel (Canada). I tre vincitori riceveranno una borsa di studio per continuare il loro percorso presso alcune tra le più prestigiose scuole di design, oltre a condividere un premio di 10.000 euro per poter sviluppare ulteriormente i loro progetti.

Ruben Modigliani, giornalista della redazione di Elle Decor, era a Londra per il debutto di Sound Portal: installata al centro di Trafalgar Square, l'inaugurazione è stata salutata da un flash mob musicale (un'orchestra si è materializzata tra la folla e ha eseguito l'Inno alla Gioia di Beethoven). Occasione per fare una breve intervista a Elena Baturina, presente all'evento.

Quando è nata l'idea di BeOpen, e perché?
Un anno fa, per l'esigenza di unire in un'unica piattaforma tutti i nostri progetti filantropici. È stato un modo per sistematizzare il nostro lavoro.

Qual è lo scopo finale di questa raccolta di idee?
Credo che iniziative come questa non debbano avere uno scopo particolare, l'unico è quello di inserirsi in un movimento di pensiero. Ci interessa lo sviluppo del progetto, non il risultato. Perché la cosa più importante è trovare persone che pensano come te, e unirle in una piattaforma: se ci uniamo tutti il risultato del nostro lavoro sarà più ampio, il suo effetto sarà moltiplicato.

Questo episodio londinese è il primo di un'esplorazione sui nostri sensi. Il prossimo?
Cercheremo di organizzare delle manifestazioni cercando di coinvolgere tutti i sensi. Arrivando a quello che secondo me è il sesto: l'intuito. La prossima tappa di questa indagine, che sarà organizzata a Milano (dove Be Open ha organizzato una serie di tavole rotonde durante lo scorso Salone el Mobile, ndr), avrà come protagonista il gusto. Per adesso è solo un'idea, non c'è ancora uno schema definito. Però sarà sicuramente una struttura come quella presentata oggi, legata al gusto. Con un concorso per i "designer del gusto". Crediamo che sia un fenomeno di grande attualità: al giorno d'oggi non fanno che nascere ristoranti, non solo per nutrire le persone ma con un carattere specifico. E cercano di creare nuovi gusti. Chef, certo. Ma anche scienziati: il concetto di cucina molecolare unisce questi due ambiti…

Il progetto ha una durata stabilita?
Difficile dirlo. Il nostro scopo è studiare l'intuito: è possibile avvicinarsi a una sua definizione, ma non a studiarlo del tutto.

Lei ha un'attività di sviluppo immobiliare: ha intenzione di applicare le idee che raccoglie con BeOpen anche nel suo lavoro?
Non vorrei mischiare questi settori. Ma se qualcuno dei talenti che coinvolgiamo volesse partecipare ai concorsi che indiciamo regolarmente, come business immobiliare, sicuramente li invitiamo a dare il loro contributo. Spero che vedremo presto molte idee. Ma adesso mi sembra prematuro parlarne.


CORNER

Design collection

[Design]

Orologi senza tempo

Segnatempo di nuova generazione e materiali super

lifestyle

[Design]

Gli oggetti di Miart

Dalla fiera dell'arte contemporanea, meglio della sezione Objet

mostre

[Design]

MiArt a colpo d’occhio

Guida al meglio della fiera d’arte di Milano

mostre

[Design]

Bouquet 4.0

I canoni estetici delle composizioni floreali stanno cambiando

Costume

[Design]

Tappeti d'autore

Oliva Sartogo invita 8 grandi architetti a confrontarsi col tappeto

Textile design

[Design]

50 anni di Odissea nello spazio

L'incredibile accuratezza della visione di Stanley Kubrick

Costume

[Design]

I fiori a km 0

Dopo il cibo, il movimento slow contagia anche i fiori

Costume

[Design]

Quando il museo ti fa ballare

60 anni di clubbing in mostra al Vitra Design Museum

Mostre

[Design]

L'altro volto della Liguria

Lontano dalle spiagge alla scoperta di borghi antichi

itinerari

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web