ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Come in un film

Il Museum of the Moving Image nel Queens

Il confine tra architettura e cinema si dissolve nel Museum of the Moving Image riprogettato da Thomas Leeser. Nel Queens, in un ex studio Paramount declinato in bianco, rosa e blu Klein.

Varcare l’ingresso del Museum of the Moving Image, fresco di riapertura, è come entrare in una scena di “2001: Odissea nello spazio”. All’improvviso ci si trova immersi in un ambiente completamente bianco, con pavimenti in poliuretano e pareti in Corian® inclinate che procedono a zig zag attraverso lo spazio, trasportandoci in un’altra dimensione. Il museo, che si trova ad Astoria, nel Queens, a breve distanza da Manhattan, è ospitato in un vecchio studio Paramount, inserito nel registro nazionale dei siti storici e per questo non modificabile all’esterno. L’architetto Thomas Leeser ha superato i vincoli con una trasformazione radicale degli interni, realizzando un edificio nuovo dietro quello originale e raddoppiandone così le dimensioni. Unica nel suo genere negli Stati Uniti, l’istituzione esplora ogni forma di screen culture, sia in versione artistica, sia commerciale.

La collezione comprende oltre 130.000 pezzi, fra macchine da presa, proiettori, attrezzature per il montaggio, copioni, costumi, oggetti di scena, poster, fan magazine e una moltitudine di gadget e prodotti ufficiali. “Behind the Screen”, la mostra permanente, occupa due piani con più di 1.400 reperti. Nonostante il museo non collezioni pellicole, propone oltre 400 film all’anno, dai capolavori del muto alle ultime novità in 3D e, grazie alla ristrutturazione, ha programmi ancora più ambiziosi. La nuova sala proiezioni è una struttura per 267 spettatori che ricorda una cupola geodetica di Richard Buckminster Fuller (Bucky per gli amici), con pareti rivestite da pannelli triangolari di feltro in un brillante blu Klein. Vi si accede dalla hall attraverso un percorso in discesa (pavimento e soffitto sono inclinati) illuminato nello stesso blu, colore simbolo, secondo Leeser, dell’era digitale. L’ingresso alla sala più piccola, da 68 posti, richiama con le sue pareti rosa il lettering all’entrata. Un’imponente scala in Corian® sale ai piani superiori fino a una Video Room: qui, al contrario del nero che di solito avvolge le opere video, l’architetto ha progettato panche basse e rampe in Corian® bianco integrate nel pavimento. Un futuribile nuovo universo, in bianco, rosa e blu, accogliente e friendly.

Info: Museum of the Moving Image, 35 Avenue at 37 Street, Astoria, New York, www.movingimage.us


di Arlene Hirst / 7 Marzo 2011

CORNER

Design collection

[Design]

Luci sul design

I progetti di illuminazione più originali visti alla fiera di Stoccolma

Stoccolma design week 2017

[Design]

Chi c’è a cena questa sera?

La tavola di oggi, tra nuovi riti e inedita convivialità

Stoccolma Design week 2017

[Design]

Il carnevale in casa

8 idee per arredare a colori aspettando la primavera

arredi di design

[Design]

Milano segreta, ma non troppo

Piccola guida tra i locali cult da frequentare durante la Fashion Week

lounge bar

[Design]

Arredi anticonvenzionali

Collezione Ikea PS: il nuovo modo di vivere dei giovani metropolitani

arredi di design

[Design]

Carnevale alternativo

Dieci indirizzi alla scoperta del Veneto più segreto

itinerari

[Design]

New York tatuata

Una mostra racconta tre secoli di storia del tatuaggio

mostre

[Design]

Rolls Royce su misura

La divisione Bespoke asseconda ogni richiesta per l'auto dei sogni

Auto di design

[Design]

Il nuovo volto dell’ottone

Il ritorno di questa pregiata lega raccontata in 10 oggetti di design

accessori di design

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web