ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

We can’t go home again

Parigi: la seconda mostra personale di Didier Faustino

Dal 30 novembre 2013 al 11 gennaio 2014, alla Galleria Michel Rein a Parigi, l’architetto Didier Faustino invita a uscire dalle nostre case per cercare di capire il nuovo modo di vivere contemporaneo. La sua seconda personale, We can’t go home again, trasforma l’ambiente domestico in un guanto da indossare, una seconda pelle protettiva da portarci dietro.

L’idea è quella di proiettare il visitatore all’interno di un universo instabile che riproduca l’incertezza e la mancanza di sicurezza dell’abitare di oggi, parlando di mobilità, temporaneità, provvisorietà, relatività. L’installazione stessa è creata secondo questi criteri: una serie di figure antropomorfe occupano lo spazio principale della galleria costituendo, allo stesso tempo, interno ed esterni, contenitore e contenuti, oggetti grandi e piccoli, strutture temporanee e durature, opere leggere e pesanti. Dualismi che tentano di raccontare l’architettura mobile e provvisoria del 2013 attraverso un’installazione fatta di abiti.

Molte le domande spontanee. Contro quale pericolo insidioso combattiamo? Da quale disastro sopravvivere? Che tipo di uomo è contenuto in quella corazza? Cosa fare dei modelli conosciuti del vivere, del nostro modo tradizionale di organizzare e ospitare i nostri corpi? Un lavoro trasgressivo e sperimentale, che l’architetto – artista francese, collega all’ incompiuta del film – del regista Nicholas Ray -, a cui il titolo della mostra rende omaggio.
Forse la domanda ultima potrebbe essere: la casa abito pensata da Didier Faustino sarà il nostro futuro?


di Benedetta Lamberti / 9 Dicembre 2013

CORNER

Design collection

[Design]

Essere hipster a Dubai

Alla scoperta di Alserkal Avenue, il distretto creativo della città

Travel

[Design]

Patricia a Philadephia

La prima personale di Patricia Urquiola negli Stati Uniti

mostre

[Design]

Un bagno dall'anima ricercata

Arredi pensati per un ambiente intimo e di carattere

bagni di design

[Design]

A piedi nudi nel parco

I sandali Pébiott, ideali per riscoprire la camminata “primitiva”

moda e design

[Design]

Black Friday di design

5 siti di design dove fare acquisti all'insegna della convenienza

Oggetti di design

[Design]

A tavola con India Mahdavi

La designer firma per Monoprix una collezione dal sapore etnico

accessori di design

[Design]

Il futuro del design è a Dubai

Global Grad Show: 200 progetti per rendere il mondo un posto migliore

mostre

[Design]

5 icone di colore rosso

A Natale la zona living si tinge di rosso

Oggetti di design

[Design]

Tra Sol Le Witt e l'architettura

Rem Koolhaas e Francesco Stocchi rileggono a Milano la sua opera

mostre

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web