ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Gathering al Design Museum di Holon

70 designer internazionali nell'ultima mostra curata da Li Edelkoort. Tra artigianato e innovazione tecnologica

Ci sono persone che hanno il dono di saper leggere il proprio tempo con particolare arguzia. Nel mondo del design, è Lidewij Edelkoort a essere considerata una vera guru: trendsetter acclamata, fondatrice di scuole che sono fucine di talenti, ha appena ricevuto il titolo di Honorary Royal Designer for Industry dalla britannica RSA's Faculty for Royal Designers mentre già sta lavorando alle tendenze per il 2016. Negli ultimi anni il suo modo di fare il punto della situazione passa attraverso l’organizzazione di grandi mostre dedicate a fashion e design, frutto del suo incredibile intuito e di un grande lavoro di ricerca.

Per questo l’ultima esposizione che ha curato insieme a Philip Fimmano fino al 25 ottobre al Design Museum di Holon, in Israele, è così importante. Se anche voi vi sentite lontani da un mercato globale inadeguato e siete preoccupati per una società che diventa sempre più virtuale, vi interesserà sapere che il lavoro di circa 70 celebri designer internazionali è in cerca, più o meno consapevolmente, di una soluzione a questi problemi di grande attualità. Qualche nome: Tord Boontje, Erwan & Ronan Bouroullec, Kiki van Eijk, Arik Levy, Bertjan Pot, Raw Edges, Inga Sempé, Patricia Urquiola, Marcel Wanders, Tokujin Yoshioka.

Semplificando al massimo, la mostra Gathering (che in italiano significa raccolta, ma anche incontro), parla di un desiderio di umanizzazione dei processi creativi, associato a uno stile di vita più responsabile. Come? Andando a recuperare l’artigianato tradizionale per declinarlo in chiave contemporanea. Non si tratta di una banale ripetizione (“I'm not interested. I prefer evolution”, spiega Edelkoort), ma di un nuovo approccio culturale. Le competenze che appartengono al nostro passato diventano una ricchezza su cui costruire qualcosa di nuovo, con un profondo senso di appartenenza e continuità. E così, ad esempio, tornano oggetti fatti con pieghe, drappeggi e cuciture, ma realizzati con nuove tecnologie e materiali impensati fino a qualche tempo fa.

Parte integrante di Gathering: From Domestic Craft to Contemporary Process, è la rivoluzionaria collezione 132 5. del leggendario stilista giapponese Issey Miyake insieme al suo Reality Lab, di cui vi abbiamo già parlato qui.


di Annalisa Rosso / 1 Settembre 2014

CORNER

Design collection

[Design]

Orologi senza tempo

Segnatempo di nuova generazione e materiali super

lifestyle

[Design]

Gli oggetti di Miart

Dalla fiera dell'arte contemporanea, meglio della sezione Objet

mostre

[Design]

MiArt a colpo d’occhio

Guida al meglio della fiera d’arte di Milano

mostre

[Design]

Bouquet 4.0

I canoni estetici delle composizioni floreali stanno cambiando

Costume

[Design]

Tappeti d'autore

Oliva Sartogo invita 8 grandi architetti a confrontarsi col tappeto

Textile design

[Design]

50 anni di Odissea nello spazio

L'incredibile accuratezza della visione di Stanley Kubrick

Costume

[Design]

I fiori a km 0

Dopo il cibo, il movimento slow contagia anche i fiori

Costume

[Design]

Quando il museo ti fa ballare

60 anni di clubbing in mostra al Vitra Design Museum

Mostre

[Design]

L'altro volto della Liguria

Lontano dalle spiagge alla scoperta di borghi antichi

itinerari

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web