ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Gio Ponti in mostra a Firenze

Bozzetti preparatori, annotazioni e opere inedite del celebre designer per Richard Ginori

Si intitola Gio Ponti e la Richard Ginori: una corrispondenza inedita” la mostra allestita al Museo Marino Marini di Firenze, fino al 21 luglio. Curata da Livia Frescobaldi Malenchini, Oliva Rucellai e Alberto Salvadori, è stata realizzata con il contributo della Richard Ginori 1735, storica azienda acquistata lo scorso anno da Gucci. La mostra presenta cinquanta pezzi provenienti dalla vasta collezione di ceramiche Gio Ponti del Museo di Doccia, oltre a una selezione di lettere scritte dall’architetto e designer (molte delle quali inedite), correlate da schizzi, appunti e indicazioni di fabbricazione.

Le lettere offrono una nuova e interessante chiave di lettura per meglio comprendere il genio e la creatività di Gio Ponti, e per capire quale fosse il suo metodo lavorativo con Richard Ginori. Le opere esposte alla mostra invece evidenziano il legame tra l’idea, spesso espressa da un semplice bozzetto, e il prodotto finale. Molte delle ceramiche in mostra non entrarono poi in produzione e sono dunque pezzi unici, provenienti dal Museo Richard Ginori. Grazie a questa esposizione emerge il ruolo che Gio Ponti ricoprì, lavorando per Richard Ginori durante il decennio 1923-1933.

Non fu infatti un semplice direttore artistico, ma un vero e proprio, e forse anche il primo, industrial designer. Si occupava personalmente di ogni aspetto della produzione: dal primo schizzo alla realizzazione del prodotto, dal disegno della sua etichetta alla confezione, dal prezzo per la messa in vendita fino agli aspetti promozionali del prodotto stesso. Era poliedrico, versatile e oggi con questa mostra lo si può riscoprire e ammirare.


di Maria Chiara Antonini / 25 Giugno 2014

CORNER

Design collection

[Design]

Il filo nascosto

Location e scenografia di un film che sta incantando tutti

Costume

[Design]

Prada al Neon

La sfilata, la nuova Torre della Fondazione Prada e Milano

Costume

[Design]

Il revival degli Shaker

Torna di moda uno stile ascetico e funzionale, antesignano del minimal

Costume

[Design]

3 gazebo per l'estate

Vivere all'aperto non è mai stata così dolce

arredi di design

[Design]

Una casa da re!

Chi firma gli arredi delle residenze reali?

Costume

[Design]

Righe e rossetto per Ikea

La collezione di mobili Ikea firmata da Bea Akerlund

Arredi di design

[Design]

Siamo tutti Dott. Frankenstein

La collezione di Gucci a Milano è un tributo al viaggio interiore

Costume

[Design]

Il ristorante pop up di Nichetto

Alla Stockholm Furniture Fair ci si incontra da Ratatouille

Ristoranti

[Design]

I fondamentali in cucina

La collezione di utensili da cucina Hay Kitchen Market

Accessori di design

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web | Comunicato tariffe politiche elettorali