ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Intervista a Marc Peridis di 19 Greek Street

Elle Decor Italia incontra il direttore di uno degli indirizzi di design più curiosi e interessanti di Londra

Una casa tradizionale inglese, tutta bianca, alta e stretta in una zona affollata di bar e ignari passanti. È la sede di 19 Greek Street, progetto sperimentale di galleria di design e studio di interni che da due anni lavora sul fronte della ricerca più originale e indipendente.

Abbiamo chiesto a Marc Peridis, fondatore e direttore creativo, di raccontarci la sua avventura.

Partiamo dall'inizio. Come nasce 19 Greek Street?
Gestivo un'agenzia di interior design da 6 anni, con clienti come L'Oréal e Marc Jacobs per cui progettavamo soprattutto negozi e saloni di bellezza in tutto il mondo. A un certo punto ho iniziato a avere voglia di occuparmi di qualcosa di più creativo e sperimentale, e sono stato contattato da un investitore che voleva aprire un piccolo hotel di design, 6 stanze con annessa galleria. Ho trovato così l'edificio di 19 Greek Street, che era troppo piccolo per l'albergo, ma ho capito subito che ci volevo fare qualcosa. E così l'ho trasformato in una galleria di design.
Ho iniziato a parlare in giro del mio progetto. Tutti avevano qualcuno di interessante da presentarmi, così ben presto ci siamo trovati con una collezione incredibile e un grande seguito.

Come scegliete i vostri pezzi?
Siamo interessati a prodotti che abbiano un carattere sostenibile e sperimentale. Abbiamo fatto un grande scouting alla ricerca dei progettisti giusti, ma adesso abbiamo circa 25-30 designer che lavorano con noi regolarmente, e hanno sempre nuove idee da proporci. A parte questo, ci sono molte persone che vengono con dei pezzi da presentarci e noi scegliamo quelli più adatti a noi.

L'ultimo piano è sempre destinato a progetti speciali?
Siamo abbastanza fluidi nella gestione de nostro spazio e non abbiamo regole. Al momento al piano superiore c'è un workshop gestito da Diana Simpson Hernandez, una nostra designer in residenza, che è davvero incredibile: trasforma le bottiglie di vetro buttate via in materiali per rivestimenti di uso architettonico. Vorremo continuare così, lavorando con altri designer per sperimentare con i nostri scarti.
Prossimi progetti?
Stiamo lavorando a un club privato che aprirà a fine novembre. Stiamo ampliando la nostra collezione Re-imagined, organizzando la prossima mostra a novembre e anche programmando eventi futuri. E poi ci occupiamo di un nostro nuovo progetto charity che vuole aiutare le persone svantaggiate a trovare un lavoro nel settore del design. 

In mostra ci sono anche gli Analogia Project. Che rapporto avete con l'Italia?
Loro sono gli unici italiani che abbiamo mai avuto. Mi piace il loro lavoro perché è cool e davvero sperimentale. Molto diverso da quello che vediamo in giro di solito. Per il resto, penso che il design italiano abbia un sacco di vetrine e sia visibile in molti posti, mentre io preferisco esporre qualcosa che sia difficile da trovare altrove.

Come lavorate fuori Londra?
Abbiamo presentato all'ultimo Salone del Mobile la collezione Re-imagined con Marc Jacobs, a Piazza del Carmine. È stata una grande esperienza ma non so se la ripeteremo. Chissà! Sono più interessato a Design Basel. E gestiamo un sacco di progetti di interni fuori dal Regno Unito: non ci sono limiti per noi.

Info: http://www.19greekstreet.com


di Annalisa Rosso / 2 Ottobre 2014

CORNER

Design collection

[Design]

The cal 2017

Le prime foto del calendario più famoso e atteso al mondo

Accessori di design

[Design]

Una vetrina per il tempo

Una pendola icona rinasce in un corpo trasparente e contemporaneo

Natale

[Design]

Think Pink

Le surreali Porsche rosa di Chris Labrooy a Palm Spring

installazioni

[Design]

Marble passion

10 proposte celebrano il materiale evergreen per eccellenza

accessori di design

[Design]

Suda e ti dirò chi sei

Un cerotto multiuso per sportivi che monitora l'idratazione

tecnologia

[Design]

Dirotta su Cuba

Fermento culturale e antichi spiriti da scoprire nell'isola caraibica

itinerari

[Design]

Hanoi vista dall'alto

Le colorate fotografie degli ambulanti vietnamiti in bicicletta

Itinerari

[Design]

Nuove frontiere dell’arte

Groviglio di pixel per l’arte virtuale di Miguel Chevalier

mostre

[Design]

Chilling in New York

Un’installazione temporanea invita al relax nella grande mela

installazioni

Hearst Magazines Italia

©2016 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web