ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Issey Miyake e la luce

Texture e 3D

Dalle ricerche dello stilista giapponese sulle potenzialità 3D del tessuto nasce una collezione matematico-poetica di lampade. Scultoree, emozionanti, ecofriendly. E disegnate – paradosso creativo – da sfumature d’ombra

Leggerezza immateriale è la prima definizione che viene in mente per queste lampade. ma è una leggerezza reale, visto che si tratta di tessuti bianchi derivati da bottiglie di pet che fanno da diffusori, privi di struttura, levitanti nell’aria. possiamo riporli, dimenticarcene, e poi riutilizzarli. luci da viaggio, lanterne, giochi tridimensionali di luce e di ombre, sono altre associazioni possibili. “È una funzionalità spinta al limite, solo in apparenza fatta di poco, che ha richiesto un assoluto controllo degli aspetti tecnici”, spiega con fierezza imprenditoriale ernesto gismondi di artemide. in-ei è il nome della collezione, opera di miyake e del suo reality lab. in giapponese significa ombra, ombreggiatura, sfumatura; qui definisce un tessuto speciale, capace di assumere e mantenere forme in 3d nel tempo, facile da pulire, riciclabile. la sua trasparenza, superiore a quella della carta, è più materica; viene in mente quella strana matericità, densa e sensuale, che connota le facciate della Kunsthaus di Bregenz di peter Zumthor, dotata della stessa luminosità opaca di un minerale altrimenti banale come il quarzo. in-ei incanta per la qualità della luce, e il suo apparire così soffusa e nebulosa, ma anche così fisica e insieme poetica. perché è la sua qualità piuttosto che la sua quantità a contare. nella vita quotidiana solo di rado ci serve illuminare tutto un ambiente; il più delle volte ci basta illuminare bene e con arte alcuni punti dello spazio che occupiamo. per questo, le facce di ogni lampada paiono gradazioni di un tema, e offrono ciascuna, a seconda di dove ci troviamo, una luce forte, media e soffusa, o una penombra forte e debole, se così si può dire. l’ombra è una componente fondamentale della luce, e secondo alcuni l’architettura è proprio l’arte dell’ombra. nelle gradazioni si nasconde il metodo, cioè il concept di metamorfosi, con cui ogni lampada è stata ideata e fabbricata: si è partiti da un pezzo unico di tessuto, piegato fino a ottenere una forma bidimensionale, e alla fine è stata raggiunta – traguardo tutt’altro che scontato – la tridimensionalità. anche negli abiti di miyake, l’originaria monodimensionalità del tessuto viene continuamente ricordata nelle pieghe delle linee, e non scompare mai del tutto. “le forme delle lampade”, ci ricorda gismondi, “pulsano con un nonnulla, e sono meravigliose anche spente”. da tavolo, da soffitto e da terra, rivelano qualcosa di primigenio, arcaico ed essenziale, forse il grado zero dell’illuminazione, e intanto stimolano la possibilità di numerose variazioni future. Sono le stesse variazioni infinite che si nascondono nelle equazioni geometriche della natura, e che ci fanno immaginare un rapporto di parentela formale tra pietre, piante e animali; in-ei richiama cristalli, corna, conchiglie, stalattiti, fiori e gorghi. da un altro punto di vista, ciascuna lampada è una piccola scultura minimalista, un magico origami frutto di una tattilità sartoriale fatta di rapidi e precisi movimenti con le mani, un gesto istintivo di necessità privo di qualunque velleità formale.


di Sebastiano Brandolini / 19 Giugno 2012

CORNER

Design collection

[Design]

The cal 2017

Le prime foto del calendario più famoso e atteso al mondo

Accessori di design

[Design]

Una vetrina per il tempo

Una pendola icona rinasce in un corpo trasparente e contemporaneo

Natale

[Design]

Think Pink

Le surreali Porsche rosa di Chris Labrooy a Palm Spring

installazioni

[Design]

Marble passion

10 proposte celebrano il materiale evergreen per eccellenza

accessori di design

[Design]

Suda e ti dirò chi sei

Un cerotto multiuso per sportivi che monitora l'idratazione

tecnologia

[Design]

Dirotta su Cuba

Fermento culturale e antichi spiriti da scoprire nell'isola caraibica

itinerari

[Design]

Hanoi vista dall'alto

Le colorate fotografie degli ambulanti vietnamiti in bicicletta

Itinerari

[Design]

Nuove frontiere dell’arte

Groviglio di pixel per l’arte virtuale di Miguel Chevalier

mostre

[Design]

Chilling in New York

Un’installazione temporanea invita al relax nella grande mela

installazioni

Hearst Magazines Italia

©2016 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web