ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

What's the point of it?

A Londra la mostra su Martin Creed. Da non perdere

Dare forma e concretezza ai sogni e alle idee irrazionali che appartengono ai periodi più spensierati della vita. Per la maggior parte delle persone si tratta del periodo dell'infanzia. È questo, insieme al dialogo tra design e musica, il leitmotiv della retrospettiva dedicata al geniale artista Martin Creed, allestita a Londra presso la Hayward Gallery, dal titolo emblematico: What's the point of it? (Qual è il senso di tutto ciò?).

Con oltre 160 opere, in mostra c'è di tutto: dal Creed più discreto fino ai lavori più eccentrici e stravaganti, compresi neon, sculture sequenziali, installazioni cinetiche, film e dipinti vivaci. All'ingresso ci accoglie Mothers, scultura al neon che ruota su se stessa ed evoca il rapporto madre-figlio. Un pianoforte bianco si apre e si richiude ogni quindici minuti, e sulla terrazza prende vita una piccola utilitaria grigia, aprendo e chiudendo sportelli e finestrini contemporaneamente.  Il tutto, scandito dal ritmo di luci e metronomi.

Bande alternate in serie decorano i muri della Hayward Gallery, fino a creare una griglia optical bianco e rossa, e un sipario multicolor formato da piccoli disegni. Non mancano fotografie, ritratti di amici e dipinti astratti. E ancora, mobili accatastati e impilati fino a formare una piramide. Tra le opere più conosciute: Work No. 200. Half the air in a given space, una stanza riempita per metà da palloncini gonfiati e colorati dello stesso colore, il bianco.

Nato nel 1968, Creed è diventato famoso per aver vinto il Turner Prize con una delle opere più criticate: Work No. 127 The Lights Going On e Off (1995). L'idea? nient'altro che una stanza vuota, all'interno della quale la luce si accendeva e si spegneva ogni cinque secondi. Creed, ha fatto parlare di sè anche in occasione delle Olimpiadi a Londra, per aver fatto suonare tutte le campane della città per tre minuti consecutivi (Big Ben compreso).

La mostra è visitabile fino al 27 aprile 2014.

Per info: http://www.southbankcentre.co.uk/whatson/martin-creed-79080


di Valentina Mariani / 6 Marzo 2014

CORNER

Design collection

[Design]

The cal 2017

Le prime foto del calendario più famoso e atteso al mondo

Accessori di design

[Design]

Una vetrina per il tempo

Una pendola icona rinasce in un corpo trasparente e contemporaneo

Natale

[Design]

Think Pink

Le surreali Porsche rosa di Chris Labrooy a Palm Spring

installazioni

[Design]

Marble passion

10 proposte celebrano il materiale evergreen per eccellenza

accessori di design

[Design]

Suda e ti dirò chi sei

Un cerotto multiuso per sportivi che monitora l'idratazione

tecnologia

[Design]

Dirotta su Cuba

Fermento culturale e antichi spiriti da scoprire nell'isola caraibica

itinerari

[Design]

Hanoi vista dall'alto

Le colorate fotografie degli ambulanti vietnamiti in bicicletta

Itinerari

[Design]

Nuove frontiere dell’arte

Groviglio di pixel per l’arte virtuale di Miguel Chevalier

mostre

[Design]

Chilling in New York

Un’installazione temporanea invita al relax nella grande mela

installazioni

Hearst Magazines Italia

©2016 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web