ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Newsletter da Berlino

Tendenze di stagione

Nel suo incessante impeto di trasformazione, Berlino ha trovato nuovi scenari per ri-pensarsi e ri-proporsi. Per conoscere i nuovi volti della capitale tedesca bisogna invertire rotta. Dimenticate l’est e i quartieri di Mitte e Prenzlauer Berg, ormai implosi. La parola d’ordine oggi è West! Kreuzberg, Schöneberg e Neukölln sono i distretti che, per disponibilità di spazi e prezzi bassi, attirano l’onda di migrazione creativa. Le mete preferite sono perlopiù edifici abbandonati, zone o strade decadute. Proprio i posti scelti dal collettivo Graffiti Research Lab, che in azioni notturne con i loro graffiti luminosi valorizzano architetture minacciate dall’oblio. Tra queste c’era l’ex sede del quotidiano Der Tagesspiegel, nella Potsdamer Strasse. Che oggi invece è uno degli indirizzi più interessanti in città, con atelier, gallerie e lo strepitoso concept store di Andreas Murkudis che ha lasciato Mitte e gli yuppie dell’East side per trasferirsi qui in uno spazio che sembra un museo (www.andreasmurkudis.com). Un altro hotspot nel segno della rianimazione è l’ex aeroporto di Tempelhof, imponente struttura che ospita progetti e istituzioni culturali, concerti, eventi e fiere. In autunno qui si terrà Qubique, sorta di Salone del Mobile d’avanguardia (26-29/10). Sempre nell’ovest, al Kunstraum Kreuzberg, uno degli appuntamenti più attesi del calendario autunnale berlinese: la mostra del gruppo Chicks on Speed, retrospettiva all’insegna della contaminazione creativa tra arte, moda e musica. Kreuzberg pulsa d’arte e vibra di vita notturna. Al di là di musica ed eccessi, pullula di ottimi ristoranti e bar affollati. Tra questi il Tin, locale dal flair post-industriale con interni firmati dallo studio Karhard (e con mobili di Konstantin Grcic). Atmosfere tipiche berlinesi anche nel nuovo hotel Hüttenpalast (letteralmente, il palazzo-capanna), dove all’interno di una vecchia fabbrica vi attendono eclettici nuclei abitativi ispirati al nomadismo, con roulotte e capanne realizzate da giovani designer. Un omaggio alla temporaneità, mood portante di una città declinata all’impermanenza.


di Daniela Zenone / 28 Settembre 2011

CORNER

Design collection

[Design]

Mi casa es tu casa

4 poltrone letto di design per ospiti inattesi

Arredi di design

[Design]

Ritorno alle origini

Due giovani designer riscoprono tecniche antiche e fibre naturali

Arredi di design

[Design]

Less is more!

L'essenzialità dal minimalismo al riduzionismo

Costume

[Design]

La bellezza imperfetta di Cocò

Le ceramiche spagnole di Cocotera Fernandez

accessori di design

[Design]

Il mondo Ikea in esclusiva

Ce lo racconta il Responsabile Design: Marcus Engman

Ikea

[Design]

Piscine Milanesi in scena

Un progetto fotografico dal sapore vintage firmato Stefan Giftthaler

fotografia

[Design]

Fenicotteri rosa ovunque!

Interior design, moda, social, la parola chiave è “flamingo”

Costume

[Design]

La città sui binari

Un hotel, una boutique e non solo, la città pop-up è in Danimarca

Design per il sociale

[Design]

Il ritorno della Fashion Age spaziale

Breve storia della spacemania che ha contagiato la moda

moda e design

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web