ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Newsletter da Parigi

Tendenze di stagione

Da queste parti, ultimamente, non si fa che inaugurare alberghi. Dopo il Royal Monceau e lo Shangri-La adesso è la volta del Mandarin Oriental, con i suoi ristoranti superchic – Camélia e Sur Mesure – affidati a Thierry Marx, chef molto amato dai media, e per il design a Patrick Jouin (qui col suo associato Sanjit Manku), già conosciuto per le collaborazioni con Alain Ducasse. La clientela di rango della zona della Borsa e i fashionisti della settimana della moda si incontreranno al Club Silencio, primo locale notturno immaginato da David Lynch, nel sottosuolo di un edificio già sede di giornali passati alla storia (L’Humanité, fondato da Jean Jaurès, e poi L’Aurore). 650 mq per un luogo intimista – dalle 18 a mezzanotte for members only – dove trovano spazio una pista per ballare, un mini-cinema e una biblioteca d’arte. Un antro sulfureo e misterioso progettato dal regista insieme al designer Raphael Navot. Ha uno stile agli antipodi Joseph Dirand, l’architetto di interni più adulato al momento. La sua rilettura della boutique Balmain come una serie di saloni gli ha portato notorietà internazionale. Ma ha già lasciato un suo segno anche in Messico, dove ha firmato il design dell’hotel Distrito Capital del gruppo Habita, o a Londra con la boutique di Rick Owens. Al momento sta seguendo progetti residenziali un po’ dappertutto: a Londra, New York, Tel Aviv. Se si aggiunge lo studio di concetti espositivi per la galleria Jousse Enterprise, tempio del design di ricerca, Dirand potrebbe essere visto come il leader di un nuovo minimalismo. Un altro salto, e ci troviamo nel mondo di Ettore Sottsass. La Galerie Downtown di François Laffanour presenta una raccolta di suoi vasi inediti ispirati alle figure rituali delle tribù native americane Hopi e Zuni. Nati da una proposta del Cirva (Centro Internaz. per la Ricerca sul Vetro e Arti Plastiche) di Marsiglia, i vasi sono stati disegnati nel 2004 e realizzati solo nel 2010: 20 soggetti, ciascuno in 5 esemplari. “Per me il design è un modo di discutere la vita”, affermava Sottsass. Potrebbe essere un buon motto per la rentrée.


di Cédric Morisset / 8 Settembre 2011

CORNER

Design collection

[Design]

The cal 2017

Le prime foto del calendario più famoso e atteso al mondo

Accessori di design

[Design]

Una vetrina per il tempo

Una pendola icona rinasce in un corpo trasparente e contemporaneo

Natale

[Design]

Think Pink

Le surreali Porsche rosa di Chris Labrooy a Palm Spring

installazioni

[Design]

Marble passion

10 proposte celebrano il materiale evergreen per eccellenza

accessori di design

[Design]

Suda e ti dirò chi sei

Un cerotto multiuso per sportivi che monitora l'idratazione

tecnologia

[Design]

Dirotta su Cuba

Fermento culturale e antichi spiriti da scoprire nell'isola caraibica

itinerari

[Design]

Hanoi vista dall'alto

Le colorate fotografie degli ambulanti vietnamiti in bicicletta

Itinerari

[Design]

Nuove frontiere dell’arte

Groviglio di pixel per l’arte virtuale di Miguel Chevalier

mostre

[Design]

Chilling in New York

Un’installazione temporanea invita al relax nella grande mela

installazioni

Hearst Magazines Italia

©2016 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web