ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Newsletter da Tel Aviv

Tutto sulla capitale laica di Israele

Sulla costa Est del Mediterraneo arte, design e nightlife da qualche tempo fanno rima con Tel Aviv. La capitale laica di Israele negli ultimi anni si è ringiovanita e ha saputo attirare l’attenzione internazionale con proposte molto interessanti. A cominciare dal Design Museum di Holon, disegnato da Ron Arad e aperto dal 2010. L’ultimo landmark architettonico della città è l’Herta and Paul Amir Building: il nuovo padiglione del Tel Aviv Museum of Art, progettato da Preston Scott Cohen, accoglie parte della collezione d’arte israeliana del museo e viene inaugurato in novembre con una exhibition site-specific di Anselm Kiefer. Dopo un restauro durato 10 anni riapre anche la Tachana (“Stazione” ndr), l’antica stazione ferroviaria che collegava Jaffo a Tel Aviv; i 22 edifici del complesso ospitano mostre, shops ed eventi di design. Sempre in zona è d’obbligo una sosta al Container, luogo di ritrovo alternativo direttamente sul porto vecchio, che ricorda le atmosfere del film Soul Kitchen e propone una buona cucina. A fianco, nello spazio Hangar 2, Junktion produce divertenti elementi di arredo recuperando vecchi mobili, mentre la Dvir Gallery ospita le opere di giovani artisti israeliani. Sotto la torre dell’orologio nello Shuk Ha Pishpishim, ricco flea market di modernariato, si trova di tutto e negoziare è d’obbligo! La storica Abouelafia and Sons Bakery rimane aperta 24h/24 e i suoi gustosi panini la rendono affollata fino a tarda notte. Da non perdere sulla Rothschild Avenue, il viale ricco di edifici in stile Bauhaus, la cioccolateria Max Brenner: waffles, fondues e cocktails a tema sanno corteggiare i palati più esigenti. Nei pressi la galleria Hibino espone e vende oggetti di design giapponese, fragili e perfetti; il Soho Shop, nel Dizengoff Center, è invece la vetrina per i designer israeliani contemporanei. Gli indirizzi per dormire sono il Neve Tzedek Hotel, con 5 suites dal look contemporaneo, e il Montefiore, boutique hotel dall’atmosfera elegante e rilassata. Il luogo perfetto per finire la nottata e divertirsi fino all’alba è il Cat and Dog, un must della nightlife locale.


di Olivier Lacrouts / 16 Marzo 2012

CORNER

Design collection

[Design]

The cal 2017

Le prime foto del calendario più famoso e atteso al mondo

Accessori di design

[Design]

Una vetrina per il tempo

Una pendola icona rinasce in un corpo trasparente e contemporaneo

Natale

[Design]

Think Pink

Le surreali Porsche rosa di Chris Labrooy a Palm Spring

installazioni

[Design]

Marble passion

10 proposte celebrano il materiale evergreen per eccellenza

accessori di design

[Design]

Suda e ti dirò chi sei

Un cerotto multiuso per sportivi che monitora l'idratazione

tecnologia

[Design]

Dirotta su Cuba

Fermento culturale e antichi spiriti da scoprire nell'isola caraibica

itinerari

[Design]

Hanoi vista dall'alto

Le colorate fotografie degli ambulanti vietnamiti in bicicletta

Itinerari

[Design]

Nuove frontiere dell’arte

Groviglio di pixel per l’arte virtuale di Miguel Chevalier

mostre

[Design]

Chilling in New York

Un’installazione temporanea invita al relax nella grande mela

installazioni

Hearst Magazines Italia

©2016 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web