ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

I vetri da collezione di Oiva Toikka

L’artista finlandese ha creato più di 400 uccelli per il brand Iittala

In Finlandia tutti lo conoscono e collezionano le sue sculture, all’estero musei e gallerie d’arte se lo contendono. Oiva Toikka è un artista che da sempre lavora fuori dagli schemi tradizionali. Già la sua infanzia ha avuto qualcosa di speciale. Oiva Toikka infatti è nato nel 1931 in una fattoria in Carelia, sul confine con la repubblica russia, terra famosa per le sue leggende popolari e per l’epica saga nazionale Kalevala. Dopo aver lavorato per alcuni anni nell’azienda di porcellane Arabia, si dedica poi all’insegnamento in Finlandia e Svezia. Disegna costumi e scenografie per teatri, collabora per arredare alberghi, banche e navi da crociera.

Ma sono gli anni passati lavorando nella fabbrica di vetro finlandese Nuutajärvi quelli che incidono maggiormente sul suo percorso professionale. L’artista infatti scopre nell’arte del vetro soffiato la possibilità di dare libero sfogo alla sua creatività dirompente, a tratti onirica. Nasce così la prima scultura nel 1972 di quella che poi viene chiamata la collezione Iittala Birds by Toikka. Si chiama Sieppo, un uccello in vetro, disponibile con colori diversi. Il successo è immediato.

Da allora la collezione dei suoi uccelli in vetro, arricchita ogni anno con un nuovo esemplare, è oggetto di collezione. Si contano più di 400 modelli, realizzati in 40 anni. Ogni opera è diversa dall’altra e nasce sempre in maniera imprevedibile. Come dice Oiva Toikka “comincio sempre con un’idea di come dovrebbe essere il risultato finale. Ma poi solo quando si comincia a soffiare il vetro riesco a immaginare bene la forma definitiva, ottenendo la perfetta armonia dei colori e delle forme in qualcosa di speciale”.

Sito:
www.iittala.com


di Maria Chiara Antonini / 9 Giugno 2014

CORNER

Design collection

[Design]

La cucina come piace a lui

Acciaio, nero opaco, tecnologia: la cucina che piace agli uomini

Costume

[Design]

Un colore, un progetto

La maschera di Arlecchino secondo Teresa Sapey

Costume

[Design]

Architettura da indossare

10 accessori moda P/E ispirati ad architetture famose

moda e design

[Design]

I cani di Wes Anderson

Cosa si sa del nuovo film in stop motion Isle of Dogs

Costume

[Design]

Vintage mon amour

5 indirizzi (web) per trovare gioielli d’altri tempi

arredi di design

[Design]

La vera storia del dado

Quando il design gioca a dadi: la verità sulla forma cubica

Costume

[Design]

Nomad St. Moritz

Design da collezione: cosa c'è di nuovo? Ecco 5 tendenze

Arredi di design

[Design]

2018... al muro!

Le tendenze 2018 per la carta da parati decretate dall’e-commerce

Arredi di design

[Design]

Le icone di Lagerfeld

Gli arredi Cassina immortalati dallo stilista tedesco in un libro

maestri

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web | Comunicato tariffe politiche elettorali