ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Pauline Deltour

Generazione '80

Hanno tutti circa trent’anni. Sono giovani, determinati e coltivano la passione per il progetto. Amano il design nelle sue diverse espressioni, muovendosi sempre nel rispetto della tradizione, mossi dalla ricerca della qualità dei materiali. Quattro percorsi fra artigianalità e autoproduzione

Allieva di Konstantin Grcic, il suo percorso creativo è guidato dall’uso consapevole dei processi di lavorazione. La giovane francese si muove con eleganza tra tempi (passato e presente) e discipline diverse (arte e design), scegliendo di volta in volta materiali semplici e solidi che trasforma in oggetti di carattere

Luogo e data di nascita/ Landerneau, Francia, 1983.
Istruzione/ laureata in industrial Design all’École nationale supérieure des arts Décoratifs (ENSAD) di Paris.
I suoi progetti/ Roule e Galbé per Discipline, A Tempo per Alessi e Carousel per Kvadrat, complementi di arredo da scrivania per Muji.
I maestri/ Achille Castiglioni, Shiro Kuramata, Sori Yanagi, Vico Magistretti, Robert Mallet-Stevens, Pierre Chareau, Charlotte Perriand, Martin Szekely.
Segni particolari/ la capacità di osservare i materiali e trovare la giusta tecnologia per piegarli al progetto.
Info/ www.paulinedeltour.com

Legno, metallo e rame: Pauline ha una passione per i materiali semplici. un intuito tecnico che ha saputo coltivare e crescere nei tre anni di collaborazione svolti nello studio di Konstantin Grcic. “Oggi non è facile creare nuove cose, ma trovo interessante il dialogo tra le diverse culture, tra l’arte e il design, tra vecchi e nuovi oggetti. a guidare il mio lavoro è la curiosità di reinventare i processi di lavorazione, ripartendo ogni volta da zero”. il segno della giovane designer francese è pulito e sofisticato, ben leggibile nei suoi pezzi. Roule, per esempio, la serie di vassoi in rame, ottone e acciaio brunito per Discipline, è un cerchio perfetto, tanto leggero e sottile da ricordare uno specchio. in pochi millimetri di spessore, tutta la tecnologia impiegata per stressare la materia, piegandola alla volontà del progetto. così a tempo, la collezione di oggetti multiuso per Alessi, in cui la ritmata tramatura di fili di acciaio restituisce un effetto di leggerezza optical. Per tornare poi alla purezza, con Galbé sempre per Discipline, un bicchiere di frassino naturale lavorato al tornio e al movimento con Carousel per Kvadrat. Chiamiamola coerenza.


di Paola Carimati / 11 Giugno 2013

CORNER

Design collection

[Design]

Orologi senza tempo

Segnatempo di nuova generazione e materiali super

lifestyle

[Design]

Gli oggetti di Miart

Dalla fiera dell'arte contemporanea, meglio della sezione Objet

mostre

[Design]

MiArt a colpo d’occhio

Guida al meglio della fiera d’arte di Milano

mostre

[Design]

Bouquet 4.0

I canoni estetici delle composizioni floreali stanno cambiando

Costume

[Design]

Tappeti d'autore

Oliva Sartogo invita 8 grandi architetti a confrontarsi col tappeto

Textile design

[Design]

50 anni di Odissea nello spazio

L'incredibile accuratezza della visione di Stanley Kubrick

Costume

[Design]

I fiori a km 0

Dopo il cibo, il movimento slow contagia anche i fiori

Costume

[Design]

Quando il museo ti fa ballare

60 anni di clubbing in mostra al Vitra Design Museum

Mostre

[Design]

L'altro volto della Liguria

Lontano dalle spiagge alla scoperta di borghi antichi

itinerari

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web