ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Poesia digitale

Wow, favole surreali tra sogno e realtà

Come degli story teller contemporanei, il gruppo giapponese Wow, racconta favole surreali che mixano sogno e realtà. Tra stupore e illusionismo.

Quando si chiede a Oho-san - direttore creativo e ideatore del gruppo di visual giapponese Wow - chi è stato per lui un grande maestro, la risposta è sicura e immediata: David Bowie. “Un vero comunicatore” - sottolinea - “che con le sue camaleontiche trasformazioni ha influenzato e lasciato tracce tra artisti e creativi. Un personaggio che ha sempre conservato la capacità di stupire e sorprendere il pubblico con grande stravaganza”. Ma partiamo dall’inizio: è il 1997 e Wow apre il suo studio di progettazione internet a Sendai quando questo mezzo è ancora agli albori. Oggi a distanza di anni il gruppo continua a lavorare, in tutte le sue sedi, tra Tokyo, Sendai e Firenze, con il new-media. Specializzato in comunicazione digitale e computer-grafica il team jap ha la capacità di rendere poetiche le immagini digitali, creando stupore e sorpresa. Da qui, la scelta del nome: Wow. “Tre lettere che indicano meraviglia, che possono essere capite in tutto il mondo” - riprende Kosuke Oho - “e che rispecchiano, nella loro essenzialità grafica, la semplicità del nostro pensiero e delle immagini che ne derivano. Alla base dei concept c’è sempre la cultura giapponese con la sua delicata e rarefatta sensibilità, ma anche la forte attenzione nei confronti delle persone”. La tecnologia? Non è altro che il mezzo per ottenere delle immagini virtuali dal grande valore poetico che si muovono e convivono, in maniera fluida e disinvolta, con ombre reali. Interazione è infatti un’altra delle parole d’ordine di questi cantori di storie contemporanei. Mostre, exhibitions, installazioni, allestimenti, interfacce, i Wow seguitano a proporre immagini in movimento dai colori naturali - sui tono del blu e dell’arancio - o più semplicemente in black and white. Come degli story teller del ventunesimo secolo questo gruppo incanta il pubblico coinvolgendolo nella narrazione della favola. Allo scorso Salone del Mobile di Milano, lo studio ha presentato il movie Smart-ologic Corian® Living, pensato per raccontare il progetto di Karim Rashid per Corian.

WOW Europe, via dei Bardi 36, Firenze, Tel. 055.245855, info@wowinc.it, info@wow.co.jp, www.wow.co.jp


di Sonia Audoly / 6 Luglio 2010

CORNER

Design collection

[Design]

Orologi senza tempo

Segnatempo di nuova generazione e materiali super

lifestyle

[Design]

Gli oggetti di Miart

Dalla fiera dell'arte contemporanea, meglio della sezione Objet

mostre

[Design]

MiArt a colpo d’occhio

Guida al meglio della fiera d’arte di Milano

mostre

[Design]

Bouquet 4.0

I canoni estetici delle composizioni floreali stanno cambiando

Costume

[Design]

Tappeti d'autore

Oliva Sartogo invita 8 grandi architetti a confrontarsi col tappeto

Textile design

[Design]

50 anni di Odissea nello spazio

L'incredibile accuratezza della visione di Stanley Kubrick

Costume

[Design]

I fiori a km 0

Dopo il cibo, il movimento slow contagia anche i fiori

Costume

[Design]

Quando il museo ti fa ballare

60 anni di clubbing in mostra al Vitra Design Museum

Mostre

[Design]

L'altro volto della Liguria

Lontano dalle spiagge alla scoperta di borghi antichi

itinerari

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web