ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

(Sur)reality show

I lavori di Alberto Biagetti

Mobili misteriosi, sorprendenti. E talvolta ingannatori. Sono i lavori di Alberto Biagetti, designer (ma anche un po’ artista) interessato alla dimensione emotiva degli oggetti

“Da piccolo volevo fare l’inventore: mi piaceva l’idea che ogni cosa potesse essere ampliata, potenziata da un’idea. E oggi faccio operazioni di microchirurgia sugli oggetti: che poi è un modo per dar loro una dimensione emotiva in più...”. A parlare così è Alberto Biagetti, figura di creativo che si muove in quel territorio – oggi molto interessante – che sta tra design e arte. Dopo essere stato in mostra a maggio a Milano (alla Galleria Riccardo Crespi), è al momento ospite fino al 31/7 presso la Galerie Italienne a Parigi. Formazione da architetto, poi passato alla grafica e a Internet (ha collaborato a lungo con Yoox), i suoi pezzi sono pensati per lo spazio domestico come attori in un teatro. “E, come attori, talvolta ingannano”, ci spiega. “Un oggetto che sembra rigido si rivela morbido, il naturale si fonde con l’artificiale”. Come in Triptych I, mobile in mostra a Parigi, dove le venature del legno spariscono “per fare affiorare una lastra in specchio acidato, entrando nel Dna del materiale”; o in Standing, un “bosco postatomico” fatto di vecchie lampade industriali a incandescenza montate su supporti in metallo, con elementi che possono arrivare a quasi quattro metri di altezza (come nella versione allestita a Milano). Progetti per il futuro? “Sto lavorando, per Venini, a un progetto sulla tavola e a uno sulla luce. E vorrei creare oggetti che usino frammenti della vecchia Milano: mi piace considerarmi un po’ un archeologo”. biagetti.net, www.riccardocrespi.com, galerieitalienne.com

 


di Ruben Modigliani / 13 Giugno 2013

CORNER

Design collection

[Design]

Il bello dell'artigianato

Dal Messico la tendenza di vendere solo prodotti local, pratici ma anche belli

accessori di design

[Design]

Cooking like a pro

La nuova scienza in cucina è mini, ma non rinuncia a niente. Ecco 5 esempi

cucine di design

[Design]

Non è solo una sedia di plastica

Ray e Charles Eames el'invezione di un'icona del design del XX secolo

Oggetti di design

[Design]

L'armadio dei sogni

Classico o moderno? I nostri sei preferiti per la camera da letto

Arredi di design

[Design]

Cuba is...

120 immagini per scoprire un'isola che cambia

mostre

[Design]

Artissima & Co.

Annessi e connessi alla fiera di arte contemporanea più importante d'Italia

fiere

[Design]

Che ore sono?

Aspettando l'ora solare, un’occhiata all’orologio, meglio se di design

accessori di design

[Design]

Come nasce un orologio di lusso

Qualità, bellezza, longevità, ecco la ricetta di Sekford

orologi di design

[Design]

Tutto sugli Eames

Una grande retrospettiva al Vitra Design Museum

mostre

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web