ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

(Sur)reality show

I lavori di Alberto Biagetti

Mobili misteriosi, sorprendenti. E talvolta ingannatori. Sono i lavori di Alberto Biagetti, designer (ma anche un po’ artista) interessato alla dimensione emotiva degli oggetti

“Da piccolo volevo fare l’inventore: mi piaceva l’idea che ogni cosa potesse essere ampliata, potenziata da un’idea. E oggi faccio operazioni di microchirurgia sugli oggetti: che poi è un modo per dar loro una dimensione emotiva in più...”. A parlare così è Alberto Biagetti, figura di creativo che si muove in quel territorio – oggi molto interessante – che sta tra design e arte. Dopo essere stato in mostra a maggio a Milano (alla Galleria Riccardo Crespi), è al momento ospite fino al 31/7 presso la Galerie Italienne a Parigi. Formazione da architetto, poi passato alla grafica e a Internet (ha collaborato a lungo con Yoox), i suoi pezzi sono pensati per lo spazio domestico come attori in un teatro. “E, come attori, talvolta ingannano”, ci spiega. “Un oggetto che sembra rigido si rivela morbido, il naturale si fonde con l’artificiale”. Come in Triptych I, mobile in mostra a Parigi, dove le venature del legno spariscono “per fare affiorare una lastra in specchio acidato, entrando nel Dna del materiale”; o in Standing, un “bosco postatomico” fatto di vecchie lampade industriali a incandescenza montate su supporti in metallo, con elementi che possono arrivare a quasi quattro metri di altezza (come nella versione allestita a Milano). Progetti per il futuro? “Sto lavorando, per Venini, a un progetto sulla tavola e a uno sulla luce. E vorrei creare oggetti che usino frammenti della vecchia Milano: mi piace considerarmi un po’ un archeologo”. biagetti.net, www.riccardocrespi.com, galerieitalienne.com

 


di Ruben Modigliani / 13 Giugno 2013

CORNER

Design collection

[Design]

Dormire tra le nuvole

Letti a castello a scomparsa e sospesi: ecco 3 proposte di design

letti di design

[Design]

Mi casa es tu casa

4 poltrone letto di design per ospiti inattesi

Arredi di design

[Design]

Ritorno alle origini

Due giovani designer riscoprono tecniche antiche e fibre naturali

Arredi di design

[Design]

Less is more!

L'essenzialità dal minimalismo al riduzionismo

Costume

[Design]

La bellezza imperfetta di Cocò

Le ceramiche spagnole di Cocotera Fernandez

accessori di design

[Design]

Il mondo Ikea in esclusiva

Ce lo racconta il Responsabile Design: Marcus Engman

Ikea

[Design]

Piscine Milanesi in scena

Un progetto fotografico dal sapore vintage firmato Stefan Giftthaler

fotografia

[Design]

Fenicotteri rosa ovunque!

Interior design, moda, social, la parola chiave è “flamingo”

Costume

[Design]

La città sui binari

Un hotel, una boutique e non solo, la città pop-up è in Danimarca

Design per il sociale

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web