ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Wrapper's Delight

Anton Alvarez in mostra alla galleria Libby Sellers

Londra: ancora un appuntamento da non perdere con il design d'autore e il tema  dell'autoproduzione. Siamo alla Gallery Libby Sellers, dove - in questi giorni - va in scena la prima personale del designer-ebanista Anton Alvarez, per metà svedese e metà cileno, formatosi culturalmente presso il Royal College of Art, divenuto famoso con l'invenzione di una macchina telaio da lui denominata Thread Wrapping Machine.

Titolo della mostra, che punta i riflettori sui pezzi unici del giovane creativo: Wrapper's Delight. Il nome si ispira dichiaratamente al celebre testo rap di Sugarhill Gang, tormentone delle classifiche discografiche statunitensi del 1979. Si tratta di un omaggio alla cultura dei graffiti, ai suoi segni e ai suoi colori, che gli arredi di Antonio Alvarez, realizzati con filo di tessuti e colla, richiamano sia per per cromie che per suggestione.

Osservando gli oggetti esposti è evidente che siamo di fronte a un designer dal tratto originale i cui mobili sono il frutto di ardite sperimentazioni sui materiali. In particolare: legno e tessuto, uniti in un mix di colle e vernici colorate. Il risultato sono arredi concettuali e decorativi al tempo stesso, sgabelli e panche la cui vocazione fluttua, sospesa, tra l'opera d'arte e il pezzo d'arredo.

Le opere sono in vendita esclusivamente presso la Galleria Libby Sellers. Da segnalare, in contemporanea, l'installazione presso lo spazio Siegfried Contemporary, a Notting Hill Gate, visitabile su appuntamento. La mostra, supportata da Iaspis, The Swedish Arts Grants Committee's International Programme for Visual Artists, è visitabile fino al 17 aprile 2014. 


di Valentina Mariani / 17 Marzo 2014

CORNER

Design collection

[Design]

L’ecosostenibilità dell’ufficio 4.0

Con Ore Streams Formafantasma si cimenta sul tema dell'e-waste

arredi per uffici

[Design]

Vico Magistretti: 3 icone

I pezzi ever green di uno dei padri fondatori dell’Italian Design

Oggetti di design

[Design]

Cenerentola a Milano

Arte e design riportano in vita uno spazio disabitato da 40 anni

mostre

[Design]

La religione e il design

L'oggettistica sacra vista dai designer alla Rinascente di Roma

negozi di design

[Design]

Come si sceglie l'anello?

Dall'alta gioielleria allo star system, le tendenze degli engagement rings

Costume

[Design]

Decorazioni islamiche online

Un sito raccoglie centinaia di pattern geometrici

costume

[Design]

Gli specchi di Magrelli

Quando l'uomo scompare resta solo lo spazio

costume

[Design]

I mobili per la vita sedentaria

Una designer polacca immagina il futuro dell'uomo sedentario

scuole

[Design]

Non è solo profumo

Fragranze che si ispirano all'architettura, al cibo e alla moda

design e wellness

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web