ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Arredare casa con il fai da te, the Gucci way

In vendita da settembre, la nuova linea Gucci Décor è un invito alla personalizzazione a tutte le scale: dai piccoli oggetti agli scenografici paraventi

arredare-casa-gucci-decor
Courtesy of Alex Merry

Arredare casa secondo Gucci sarà la novità dell’autunno 2017: alla lista di brand della moda che hanno deciso di ampliare la propria visione all’universo domestico si aggiunge infatti la Maison fiorentina, che annuncia oggi il lancio di Gucci Décor, la linea di arredo casa e oggetti per interni con cui il direttore creativo Alessandro Michele sfida i suoi clienti ad applicare la filosofia del DIY nei propri interni.

Leggi anche: → Perché i mobili di lusso piacciono tanto agli stilisti?

Se in fatto di abbigliamento e accessori il gioco consiste nel personalizzare i propri capi con dettagli decorativi, quando si parla di arredare la casa significa approccio flessibile e personale.

La collezione spazia dai piccoli oggetti in ceramica, con cui Michele torna alle origini (per chi non lo sapesse, ha un passato da responsabile creativo per Richard Ginori) collaborando con la storica manifattura a una serie di vasi decorati con il motivo Herbarium verde e bianco, ma anche ai classici portacandele profumati di porcellana vestiti con i motivi cari alla Maison: la stampa floreale Herbarium, i motivi geometrici chevron, un rosa a tinta unita e il disegno di un occhio. Teiere e coperchi fanno da sfondo agli animali del Gucci Garden – api, farfalle e teste di gallo – riprodotti in 3D su porcellana, mentre api e coleotteri in rilievo sostengono i bastoncini dei piccoli portaincenso.

Tutte le foto: courtesy Gucci

Ancora alla piccola scala sono i vassoi metallici decorati, i cuscini double face con un lato in velluto e e l’altro in jacquard e i tavolini pieghevoli, mentre per chi vuole cimentarsi nel fai da te secondo Gucci senza mezze misure ecco la poltrona da toeletta in jacquard floreale e le sedie da pranzo con schienale in legno, telai laccati e sedili imbottiti.

Ma il piatto forte della collezione di arredamento sono i paraventi pieghevoli – ricoperti su entrambi i late da stampe vegetali, geometriche o fantastiche, ma anche da un lussuoso velluto capitonné rosa che rimanda al design degli interni delle boutique e delle vetrine della Maison – e le carte da parati in seta vinile e carta, la più esclusiva delle quali raffigura l’interpretazione di Michele del motivo Gucci Flora su seta.

DIY alla Gucci significa anche ricerca del pezzo: la collezione, che sarà in vendita da settembre 2017, non avrà un’area specifica dedicata, ma i pezzi verranno disposti all’interno delle boutique affiancati ai capi di abbigliamento. 


di Carlotta Marelli / 13 Luglio 2017

CORNER

Design collection

[Design]

Essere hipster a Dubai

Alla scoperta di Alserkal Avenue, il distretto creativo della città

Travel

[Design]

Patricia a Philadephia

La prima personale di Patricia Urquiola negli Stati Uniti

mostre

[Design]

Un bagno dall'anima ricercata

Arredi pensati per un ambiente intimo e di carattere

bagni di design

[Design]

A piedi nudi nel parco

I sandali Pébiott, ideali per riscoprire la camminata “primitiva”

moda e design

[Design]

Black Friday di design

5 siti di design dove fare acquisti all'insegna della convenienza

Oggetti di design

[Design]

A tavola con India Mahdavi

La designer firma per Monoprix una collezione dal sapore etnico

accessori di design

[Design]

Il futuro del design è a Dubai

Global Grad Show: 200 progetti per rendere il mondo un posto migliore

mostre

[Design]

5 icone di colore rosso

A Natale la zona living si tinge di rosso

Oggetti di design

[Design]

Tra Sol Le Witt e l'architettura

Rem Koolhaas e Francesco Stocchi rileggono a Milano la sua opera

mostre

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web