ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

La Barbie mette l'hijab

Il nuovo modello della collezione Shero è dedicato alla schermitrice americana Ibtihaj Muhammad, prima atleta olimpica ad aver gareggiato col capo coperto

barbie-hijab-ibtihaj-muhammad
courtesy Mattel

Quante volte la Barbie è stata vista come lo stereotipo della donna che non esiste? Fianchi strettissimi, capelli biondo platino, piedi pensati per calzare esclusivamente scarpe col tacco e, probabilmente, uno stile di vita che con il lavoro aveva ben poco a che fare.

Dagli anni ’50, epoca di debutto dell’iconica bambola Mattel, le cose per la Barbie, e per le donne soprattutto, sono parecchio cambiate: oggi l’ultima Barbie ha la pelle scura, un fisico atletico e… un hijab.

Stiamo parlando della bambola dedicata alla schermitrice olimpica statunitense Ibtihaj Muhammad – prima atleta americana a partecipare alle Olimpiadi con un hijab, vincitrice della medaglia di bronzo a Rio 2016 – presentata durante il Glamour Women of the Year di New York.

Eyleiner scuro, velo bianco e non un ciuffo di capelli in vista, “un sogno da bambina che si realizza”, ha rivelato Muhammad, che da piccola giocava spesso con le bambole per “immaginarmi nei luoghi a cui la società mi ha detto che non appartenevo”.

Inserita nella classifica delle 100 persone più influenti del 2016 dalla rivista Time, Ibtihaj ha lanciato anche una linea di abbigliamento che propone rivisitazioni “freche” dell’abbigliamento pensato per le giovani donne, arabe e non (a prezzi decisamente democratici).

“Barbie sta celebrando Ibtihaj Muhammad non solo per i suoi risultati come atleta olimpica, ma per abbracciare ciò che la rende speciale”, ha detto Sejal Shah Miller, Vice Presidente Global Marketing per Barbie. “Ibtihaj è una fonte d'ispirazione per innumerevoli ragazze che non si sono mai viste rappresentate, e onorando la sua storia, speriamo che questa bambola ricordi loro che possono essere e fare qualsiasi cosa”.

La Barbie che indossa l'hijab fa parte della linea di bambole "Shero" di Mattel, dedicata alle donne che stanno infrangendo le barriere sociali, tra le quali Misty Copeland, la prima ballerina afro-americana con l'American Ballet Theatre, e la modella Ashley Graham, che conduce una battaglia contro l’ossessione per la magrezza.

play.barbie.com


di Carlotta Marelli / 18 Novembre 2017

CORNER

Design collection

[Design]

Vico Magistretti: 3 icone

I pezzi ever green di uno dei padri fondatori dell’Italian Design

Oggetti di design

[Design]

Cenerentola a Milano

Arte e design riportano in vita uno spazio disabitato da 40 anni

mostre

[Design]

La religione e il design

L'oggettistica sacra vista dai designer alla Rinascente di Roma

negozi di design

[Design]

Come si sceglie l'anello?

Dall'alta gioielleria allo star system, le tendenze degli engagement rings

Costume

[Design]

Decorazioni islamiche online

Un sito raccoglie centinaia di pattern geometrici

costume

[Design]

Gli specchi di Magrelli

Quando l'uomo scompare resta solo lo spazio

costume

[Design]

I mobili per la vita sedentaria

Una designer polacca immagina il futuro dell'uomo sedentario

scuole

[Design]

Non è solo profumo

Fragranze che si ispirano all'architettura, al cibo e alla moda

design e wellness

[Design]

Il materasso a occhi chiusi

Una guida e sei proposte per trovare il materasso perfetto

letti di design

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web