ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Chi c'è dietro Demanumea, il marchio di borse di pelle dipinte di cui si è innamorato Marras

Il brand di Ascoli Piceno che produce unique bags collabora con I'm Isola Marras a una collezione di tre capispalla che sfilerà al Maxxi di Roma

borse-di-pelle-demanumea-im-isola-marras-capsule-collection

Giovani pittori, scultori, ricamatori, orafi, in una parola: Demanumea, che in latino significa “dalle mie mani” e che vuol dire anche borse usate come fogli bianchi su cui lavorare, rigorosamente a mano.

Tracolle, hand bag o clutch in pelle lavorata, modellata e dipinta come fosse una tela, ciascuna con la firma dell’artista che l’ha realizzata (18 al momento, ciascuno con una propria passione e un proprio stile: dal calligrafo Simone Cannolicchio all’orafo Massimo Ripa, passando per pittori, scultori e doodler).

Il laboratorio è nel cuore dell’Italia, ad Ascoli Piceno, e del Bel Paese traduce il patrimonio artistico e culturale in prodotto di alta gamma unico, che sfida il mercato della produzione di massa.

DEMANUMEA MASTERPIECES from DEMANUMEA on Vimeo.

   

Un post condiviso da Demanumea (@demanumea_uniqueartbags) in data:

Alla guida del brand c’è Silvia Scaramucci, un diploma in Shoes & Accessories Design allo IED nel 2012 e, a vent’anni, una società che le permette di esplorare il mondo degli accessori moda, della creatività e della manualità, concentrandosi soprattutto sulle scarpe. Nel 2014 fonda Demanumea con l’idea di avvicinare arte e moda, ma anche di ripensare il mondo della moda di massa e del fast fashion: quelli di cui stiamo parlando sono prodotti slow, nella fattura e nella durata, che attingono dalla tradizione marchigiana, dove il trattamento della pelle affonda le sue origini nell’età medievale e si traduce oggi in un lavoro che ha bisogno di inventiva, abilità nell’uso di materiali, design e heritage.

Un post condiviso da Demanumea (@demanumea_uniqueartbags) in data:

 

Le unique artbags hanno attirato l’attenzione di I’m Isola Marras, linea contemporary di Antonio Marras da poco guidata da Efisio Rocco Marras, figlio 24enne dello stilista sardo. In linea con l’intenzione di rivolgersi ai giovani e di puntare su un’estetica immediata ed accessibile, al MAXXI di Roma presenterà I’m Isola Marras by Demanumea, tre giacche in pelle dal sapore punk, glam o dark. Demanumea approda così nel mondo dell’abbigliamento grazie a un partner con cui condividere la propria visione irriverente della realtà e ricordando il mondo delleborse con una doppia bretella interna, che permette di portare la propria giacca da biker a spalla.

Un post condiviso da mindthegap (@roccomarras) in data:

www.demanumea.com

www.antoniomarras.com

 


di Carlotta Marelli / 5 Luglio 2017

CORNER

Design collection

[Design]

Il ristorante pop up di Nichetto

Alla Stockholm Furniture Fair ci si incontra da Ratatouille

Ristoranti

[Design]

Quello che non può mancare in cucina

La collezione di utensili da cucina Hay Kitchen Market

Accessori di design

[Design]

Feedback dal Madrid Design Festival

5 indirizzi interessanti di un festival che racconta un terreno fertile

Costume

[Design]

La Gibson in bancarotta

L'azienda di chitarre che hanno fatto la storia rischiano il fallimento

Costume

[Design]

La schiscetta 4.0

Lunch box: pranzare al sacco senza rinunciare al design

accessori di design

[Design]

La cucina come piace a lui

Acciaio, nero opaco, tecnologia: la cucina che piace agli uomini

Costume

[Design]

Un colore, un progetto

La maschera di Arlecchino secondo l'architetto Teresa Sapey

Costume

[Design]

Architettura da indossare

10 accessori moda P/E ispirati ad architetture famose

moda e design

[Design]

I cani di Wes Anderson

Cosa si sa del nuovo film in stop motion Isle of Dogs

Costume

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web | Comunicato tariffe politiche elettorali