ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Alla scoperta di Think of things, l'idea di cartoleria giapponese che sfida il digitale

Il gruppo giapponese Kokuyo inaugura la sua nuova linea di articoli di cancelleria e una sala bar

cartoleria-giapponese-think-of-things

Uno degli accessori da ufficio proposti del marchio giapponese Think of Things

Per tutti coloro che, con l'arrivo di tablet e varie app dichiaravano la scomparsa definitiva di cartoleria, agende e matite, è tempo di ricredersi. Perché se è vero che è sempre più raro che le persone abbiano una penna nella tasca della giacca o un quaderno per appunti in borsa, è altrettanto vero che molte aziende investono ora in nuovi prodotti di cancelleria. Anacronistico? O magari semplicemente nostalgico? Per niente, se si guardano gli ottimi risultati delle vendite di chi ha già cominciato a farlo l'anno scorso.

 

È il caso, ad esempio, del gruppo danese Normann Copenhagen, che ha lanciato nel 2016 la sua linea di articoli per l'ufficio, carte da regalo e accessori da scrivania con il nome Daily Fiction (leggi anche → Gli articoli da cancelleria di Normann Copenhagen arrivano in Italia) oppure di Muji, diventato in pochi anni un must per gli amanti degli articoli da cancelleria minimal. Grafica ironica, packaging divertente e una strategia di marketing che è riuscita a trasformali in un oggetto di culto per gli amanti del design.

La stessa idea imprenditoriale la si ritrova ora nel gruppo giapponese Kokuyo. L'azienda, fondata a Osaka nel 1905 e saldamente guidata dalla famiglia Kuroda, da sempre produce accessori di cartoleria e per l'ufficio. Ora però il marchio nipponico ha deciso di lanciare una nuova linea con il nome "Think of Things", proponendo una filosofia diversa. Non più solo oggetti da comprare, ma complementi che, grazie alla loro estetica e alla loro funzionalità, invitano a un approccio più consapevole di quello che si sta usando.

 

Come hanno spiegato al momento del lancio ufficiale, "tutti gli oggetti che proponiamo sono senza tempo, pensati e prodotti per durare andando oltre il concetto delle mode. Il loro stile, votato all'essenzialità più pura, vuole anche offrire l'opportunità ai nostri clienti di sperimentare in prima persona il benessere che si prova quando si usano oggetti belli e fatti bene". Ed è per questo che il loro motto è quello di sollecitare a "pensare alle cose", osservando l'assoluta eleganza intrinseca di ogni singolo pezzo. 

Tutta la nuova collezione Think of Things è in vendita nel nuovo spazio a Sendagaya, Tokyo, e ha anche una zona dedicata per una pausa caffè. Una vera oasi di calma zen in questo distretto nella capitale giapponese, meta ideale per scoprire brand alternativi che coniugano qualità e design.

 


di Maria Chiara Antonini / 12 Ottobre 2017

CORNER

Design collection

[Design]

Cuba is...

120 immagini per scoprire un'isola che cambia

mostre

[Design]

Artissima & Co.

Annessi e connessi alla fiera di arte contemporanea più importante d'Italia

fiere

[Design]

Che ore sono?

Aspettando l'ora solare, un’occhiata all’orologio, meglio se di design

accessori di design

[Design]

Come nasce un orologio di lusso

Qualità, bellezza, longevità, ecco la ricetta di Sekford

orologi di design

[Design]

Tutto sugli Eames

Una grande retrospettiva al Vitra Design Museum

mostre

[Design]

Fotografare il lavoro

A Bologna lo sguardo sul mondo del lavoro di 14 grandi fotografi

mostre

[Design]

Zucche di design

10 alternative alle solite decorazioni per la festa più creepy

accessori di design

[Design]

Gli arredi Ikea più venduti

Ecco i dieci bestseller Ikea che hanno conquistato il mondo

top ten

[Design]

Cosa progettano i Millennials?

Progetti e provocazioni degli studenti della Design Academy di Eindhoven

Mostre

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web