ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Le case di Atelier Bow-Wow e Didier Faustino in mostra a Parigi

Due “case magiche” in legno progettate per la Maison de la Culture du Japon à Paris da architetti che hanno a lungo esplorato il tema dell'abitare

case-di-legno-the-magical-house-didier-faustino-atelier-bow-wow
Graziella Antonini

Atelier Bow-Wow and Didier Fiuza Faustino , The Magical House, 2016

Per il nuovo progetto della Maison de la Culture du Japon à Paris, The Magical House, Atelier Bow-Wow e Didier Fiuza Faustino hanno costruito due concept abitativi in legno.

Partendo dal medesimo brief e da un materiale comune, questi architetti – conosciuti per il loro approccio artistico e allo stesso tempo socialmente impegnato all'architettura e per le loro ricerche innovative e provocatorie sul tema dell'abitare – hanno prodotto risultati molto diversi.

Con A home is not a hole l'architetto e artista portoghese propone un poliedro dai bordi arrotondati, chiuso all'esterno da pareti traslucide e sigillata all'esterno come un rifugio in cui proteggersi da un ambiente ostile. Uno spazio protetto come la navicella spaziale da cui, da bambini, partivamo per i viaggi immaginari nell'universo.

Accanto a questa installazione che ci predispone a n viaggio introspettivo, la Chigi House dello studio giapponese è un luogo di scambio e convivialità, un tetto sotto il quale proteggersi o su cui sedersi. Opaco e trasparente, ricorda le facciate a doghe delle tradizionali case giapponesei, le Machiya, ma anche i tetti dei primi santuari shintoisti.

I visitatori sono invitati a sperimentare entrambe le architetture immersi in un buio popolato da un gioco di ombre di luce e di suono e silenzio, un'atmosfera poetica ispirata all'Elogio dell'ombra, il capolavoro dello scrittore Junichiro Tanizaki, e al concetto di 'perturbante' descritto da Sigmund Freud.

Tra i numerosi rimandi poetici, la mostra offre anche spunti di riflessione sulle questioni urbane attuali, i problemi di spazio, e ci invita a mettere in discussione il rapporto tra gli individui e la loro privacy.

www.mcjp.fr

fino al 30 luglio 2016
La Maison Magique
Maison de la Culture du Japon à Paris
101 Bis Quai Branly, Parigi

SCOPRI ANCHE: 
Intervista a Didier Faustino
Bow How alla Biennale di Venezia


di Carlotta Marelli / 13 Giugno 2016

CORNER

Design collection

[Design]

Design dall'Africa

Al via l'edizione 2017 di Design Indaba

fiere

[Design]

Set che rubano la scena

Le 8 scenografie più curiose della Milano Fashion Week Donna

moda e design

[Design]

Cucina open space

Fluide, salvaspazio ed eleganti: 5 idee per la penisola

Cucine di design

[Design]

Dove mollo la bicicletta?

Il nuovo parcheggio è il muro di casa: veloce, semplice e sicuro

Biciclette

[Design]

Un Bento si fa lampada

La luce ricaricabile da portare sempre con sé

lampade di design

[Design]

must have per caffeinomani

Il thermos e la caraffa di Naoto Fukasawa per Alessi

accessori per la tavola

[Design]

Non è solo profumo

Fragranze che si ispirano all'architettura, al cibo e alla moda

design e wellness

[Design]

La moto mette le ali

Dalla collaborazione tra Bmw e Lego nasce un prototipo di moto volante

Tecnologia

[Design]

Bolle musicali

Federico Picci dà forma alla musica con Filling Spaces

installazioni

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web