ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

L'evoluzione delle case giapponesi in mostra al MAXXI di Roma

La storia delle abitazioni della terra del Sol Levante dal dopoguerra ai nostri giorni raccontata attraverso le opere di 50 architetti

case-giapponesi-mostra-maxxi-roma

Con la mostra The Japanese House, il MAXXI affronta il tema della casa nell’interpretazione di oltre 50 architetti giapponesi, riuniti in un percorso espositivo che illustra progetti e realizzazioni dal dopoguerra a oggi. Foto di: Iwan Baan

Raccontare l’evoluzione della società e delle case giapponesi dal 1945 è l’ambizioso obiettivo della mostra The Japanese House – Architettura e vita dal 1945 a oggi, protagonista al Maxxi di Roma dal 9 novembre 2016 al 26 febbraio 2017 (leggi anche → Un restyling in stile giapponese).

 Photo Courtesy of Atelier Bow – Wow

Curata da Pippo Ciorra, Senior Curator del MAXXI Architettura, e co-prodotta con Japan Foundation, Barbican Centre e Museum of Modern Art Tokyo, The Japanese House riunisce decine di case giapponesi moderne e tradizionali attraverso i lavori di maestri come Kenzo Tange, Toyo Ito, Kazuyo Sejima e Shigeru Ban, che hanno creato straordinari esempi di architettura domestica, integrandoli con i progetti di architetti giapponesi attivi nel dopoguerra e meno conosciuti, come Seike Shirai, Kazuo Shinohara, Kazunari Sakamoto. Accanto a loro, le opere di giovani progettisti incredibilmente dotati e promettenti che ci introducono al futuro della casa giapponese (leggi anche → Una casa verticale in stile giapponese).

Photo Courtesy of Atelier Bow – Wow

All’interno dell’allestimento, firmato dallo studio di Tokio Atelier Bow-Wow in collaborazione con il MAXXI, disegni, modelli, fotografie d’epoca e contemporanee insieme a video, interviste, spezzoni di film e manga compongono uno straordinario mosaico di immagini che illustrano al visitatore gli aspetti essenziali e la ricchezza espressiva degli interni delle architetture giapponesi. Non mancano riproduzioni in scala reale di dettagli riferiti a edifici particolarmente significativi come la House U di Toyo Ito e il rifugio di emergenza di Shigeru Ban.

Photo: Koji Taki

Da questo panorama ricco e variegato, emerge come il tema delle case in Giappone sia stato centrale nella modernizzazione del Paese, perché in grado di armonizzare la tradizione, col suo sistema di regole e consuetudini, e l’innovazione, alla base di una ricerca espressiva radicale che ha portato il paese al vertice dell’architettura mondiale.

Photo: Mitsutaka Kitamura - Takeshi Homma

Per chi non riuscisse a visitare la mostra durante la tappa al museo romano, segnaliamo che The Japanese House sarà al Barbican Centre di Londra dal 23 Marzo al 25 Giugno 2017 e al Museum of Modern Art di Tokyo in estate.

Photo: Akihisa Masuda

www.fondazionemaxxi.it


di Laura Pastorino / 15 Novembre 2016

CORNER

Design collection

[Design]

Berlino underground

Storie e suggestioni delle stazioni metropolitane

itinerari

[Design]

Alla ricerca di La La Land

La Los Angels che ci ha fatto sognare in 10 indirizzi da non perdere

itinerari

[Design]

Acqua in bocca

10 caraffe per festeggiare il World Water Day

accessori di design

[Design]

Una batteria di 5.000 alberi

Sul monte Olivella, un'opera d'arte per la riforestazione

installazioni

[Design]

Drink sulle nuvole

Alessi firma 86 pezzi unici per una linea destinata a Delta Air Lines

accessori di design

[Design]

Ispirazioni da Hollywood

20 film da guardare prima di arredare casa

design e cinema

[Design]

Un explorer yacht di lusso

Per navigare ovunque senza dimenticare comfort e privacy

Barche

[Design]

L'ora sulle dita

Arriva Dot, il primo smartwatch per non vedenti

orologi di design

[Design]

Mete pasquali

7 destinazioni dove ricaricare le energie tra natura e design

hotel

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web