ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Alla Chamber Gallery di New York, la mostra Human | Nature

Nel distretto di Chelsea, lo spazio espositivo fondato da Juan Garcia Mosqueda inaugura un'esposizione che indaga il rapporto tra uomo e natura. A cura di Andrew Zuckerman

A New York, nel distretto di Chelsea, la Chamber Gallery, spazio espositivo fondato da Juan Garcia Mosqueda, ha inaugurato la seconda edizione della sua mostra annuale. Dopo l'esperienza di Job e Nynke Smeets del belga Studio Job, è ora la volta di Andrew Zuckerman.

Il tema proposto dal fotografo americano, curatore della mostra, dal 2007 impegnato in un lavoro di indagine dell'universo animale e vegetale, è il rapporto tra mondo naturale e mondo umano, in un percorso espositivo dal tema Human | Nature.

Il progetto di Zuckerman si concretizza in un allestimento che conta gli oggetti più disparati, dove la natura è fonte d’ispirazione. Al centro dello spazio espositivo, disegnato dallo studio MOS, il maxi tappeto Pastizaldi di Alexandra Kehayoglou, evoca il magico paesaggio variegato di laghi e foreste. Il Brick sofa grigio modulare di KiBiSi per Versus, con bottoni in cemento, rimanda a sua volta agli elementi dello spazio umano. Nello stesso landscape si collocano anche la sella Lasso di Ika Kunzel e i tre archi di legno realizzati da Brian Persico, a suggerire la presenza umana in questa terra immaginaria.

Un'esplorazione delle finiture materiche come espressione della natura e delle sue texture: il legno, la pietra, la terra. Da Smoke project, con la variante dell’iconica sedia minimalista di Maarten Baas, alla scultorea Ichi-monji Bench firmata Marc Peter Keane.

L'indagine proposta dal fotografo americano abbraccia anche le risorse del mondo animale con Re-sea me stool di Ninke Hooguliet e Bee vase di Marlene Huissoud, che sperimentano la resistenza della pelle di salmone e la durezza pastosa della propoli.

Come a testimoniare che la natura non è solo oggetto contemplativo o ricerca materica, all’entrata della galleria accoglie il visitatore Paludarium osamu di Azuma Makoto, contenitore artificiale che racchiude un mini bonsai, a suggerire l’idea di un ecosistema in cui natura e tecnologia vivono in un rapporto simbiotico.

chambernyc.com

SCOPRI ANCHE:

Transformers: una mostra al MAXXI di Roma
Design & Future: una mostra al MAK di Vienna


di Monica Mascia London / 17 Novembre 2015

CORNER

Design collection

[Design]

Orologi senza tempo

Segnatempo di nuova generazione e materiali super

lifestyle

[Design]

Gli oggetti di Miart

Dalla fiera dell'arte contemporanea, meglio della sezione Objet

mostre

[Design]

MiArt a colpo d’occhio

Guida al meglio della fiera d’arte di Milano

mostre

[Design]

Bouquet 4.0

I canoni estetici delle composizioni floreali stanno cambiando

Costume

[Design]

Tappeti d'autore

Oliva Sartogo invita 8 grandi architetti a confrontarsi col tappeto

Textile design

[Design]

50 anni di Odissea nello spazio

L'incredibile accuratezza della visione di Stanley Kubrick

Costume

[Design]

I fiori a km 0

Dopo il cibo, il movimento slow contagia anche i fiori

Costume

[Design]

Quando il museo ti fa ballare

60 anni di clubbing in mostra al Vitra Design Museum

Mostre

[Design]

L'altro volto della Liguria

Lontano dalle spiagge alla scoperta di borghi antichi

itinerari

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web