ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

La pasta del futuro che cambia forma è nata guardando Star Wars

Uno studio del MIT ha messo a punto una serie di cibi 2D, che cambiano forma a contatto con l'acqua.

cibo-del-futuro-transformative-appetite
Michael Indresano Production

Il cibo del futuro si trasformerà, parola di Tangible Media Group, MIT Media Lab e Food + Future ColLAB.

Il team ha messo a punto il progetto Transformative Appetite, una serie di cibi autotrasformanti che cambiano forma quando vengono a contatto con l’acqua al momento della cottura. Fino a quel momento, invece, mantengono una conformazione a ingombro ridotto, bidimensionale, che potrebbe ridurre di molto i costi di confezione e trasporto grazie a un sistema di inscatolamento piatto. Oltre a permettere di stoccare grandi quantità di cibo in spazi ridotti a persone come astronauti ed escursionisti.

Nello specifico, lo studio riguarda una sorta di pasta creata a partire da pellicole bidimensionali create a partire da materiali commestibili – amidi, proteine e cellulosa – che, a contatto con l’acqua bollente, si trasformano grazie a un avvolgimento indotto dall’idratazione e a una auto-frammentazione indotta dalla temperatura.

Foto: Michael Indresano Production

Lo studio nasce dall’incontro di due ricercatori appassionati di cibo mongolo, interessati a creare ravioli capaci di chiudersi da sé. Ma poi hanno visto Star Wars: il risveglio della Forza e hanno trovato l’ispirazione giusta nel momento in cui Rey fa il pane immergendo una polvere nell’acqua: “Quindi mi sono chiesto se fosse possibile progettare un cibo che cambia forma manipolando la capacità di assorbimento dell'acqua alimentare", ha spiegato Weng Wang, ricercatore presso il Media Lab che ha guidato la ricerca insieme a Lining Yao.

Se al momento parlare di pasta è decisamente prematuro (più che altro si tratta di gelatina e cellulosa), il video è comunque affascinante.

Transformative Appetite from Tangible Media Group on Vimeo.

 

tangible.media.mit.edu

SCOPRI ANCHE:
→  Come sarà il supermercato del futuro?


di Carla Amarillis / 21 Luglio 2017

CORNER

Design collection

[Design]

Orologi senza tempo

Segnatempo di nuova generazione e materiali super

lifestyle

[Design]

Gli oggetti di Miart

Dalla fiera dell'arte contemporanea, meglio della sezione Objet

mostre

[Design]

MiArt a colpo d’occhio

Guida al meglio della fiera d’arte di Milano

mostre

[Design]

Bouquet 4.0

I canoni estetici delle composizioni floreali stanno cambiando

Costume

[Design]

Tappeti d'autore

Oliva Sartogo invita 8 grandi architetti a confrontarsi col tappeto

Textile design

[Design]

50 anni di Odissea nello spazio

L'incredibile accuratezza della visione di Stanley Kubrick

Costume

[Design]

I fiori a km 0

Dopo il cibo, il movimento slow contagia anche i fiori

Costume

[Design]

Quando il museo ti fa ballare

60 anni di clubbing in mostra al Vitra Design Museum

Mostre

[Design]

L'altro volto della Liguria

Lontano dalle spiagge alla scoperta di borghi antichi

itinerari

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web