ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Città del Capo cosa vedere secondo i locals

10 dritte poco turistiche per scoprire l’angolo di paradiso sudafricano tra hotel, ristoranti, negozi e cinema

citta-del-capo-cosa-vedere
Kate McLuckie

Vista di Città del Capo; la capitale del Sudafrica è incastonata in uno scenario maestoso tra la Table Mountain e la splendida baia

Quando si tratta di una meta particolare come Città del Capo cosa vedere durante il soggiorno va capito con un certo anticipo onde evitare di limitarsi a visitare i soliti luoghi turistici.

D'altronde poche sono le città al mondo a vantare una cornice affascinante come quella della Città Madre, incastonata in uno scenario maestoso tra la Table Mountain e la splendida baia, Cape Town è una destinazione unica e straordinaria, adatta a ogni tipo di viaggiatore, e sarebbe un peccato non coglierne lo spirito autentico. Paesaggi mozzafiato, il carattere multietnico particolarissimo così come il lifestyle d’ispirazione europea fanno della metropoli africana una delle mete turistiche più esplosive del momento. Ecco alcuni suggerimenti per chi è alla ricerca di 10 indirizzi da vero local nella maestosa città del Sudafrica:

Foto di LoveMadeVisible

Un bel posto per fare colazione
Honest Chocolate, City Bowl District. Cioccolato a volontà e dolci squisiti in questo piccolo negozio delle meraviglie. Non solo per i golosi: la sera, attraversando il cortile sul retro si arriva a un bar segreto che serve esclusivamente cocktail a base di gin, musica dal vivo inclusa. 

Foto di Babylonstoren

Un luogo affascinante 
Nel cuore della regione vinicola si nasconde un gioiello unico, Babylonstoren, Franschhoek: una tenuta fondata a fine XVII secolo dalla tipica architettura Cape Dutch, che vanta un giardino incantato di 3,5 ettari progettato dall’architetto francese Patrice Taravella. Arricchito da un piccolo boutique hotel, una spa, un ristorante con cucina a km 0 sofisticata e un tea garden circondati da filari di piante da frutto, vigneti e animali in libertà, questo eden dall’essenza effortlessly chic è ideale per una gita fuori porta.

In Sudafrica paesaggi così sono quasi all'ordine del giorno, ma questa tenuta è un vero gioiello.

Foto di ZeitzMOCAA

Un museo da tenere d’occhio
22 settembre 2017: è questa la data tanto attesa per l’apertura dello Zeitz Museum of Contemporary Art Africa. Il museo privato, i cui contenuti si preannunciano molteplici e interessantissimi (80 gallerie d’arte, una collezione permanente, mostre temporanee e un Centro per la Fotografia, tra gli altri), esporrà l’avanguardia dell’arte contemporanea africana. 

Foto di DNA Photographers

Un luogo in cui rilassarsi

In Sudafrica spiagge di sabbia bianca incantano i visitatori e Llandudno Beach è una di queste. Tra le più rinomate di Città del Capo, è il luogo perfetto dove trascorrere un paio d’ore sdraiati al sole, farsi rapire dalla bellezza di alcune delle ville più spettacolari della costa, oppure fare un tuffo rinfrescante nelle acque gelide dell’Oceano Atlantico. Da non perdere: i tramonti mozzafiato. 

Foto di StefanWessel

Dove andare a pranzo
Se di eateries a Città del Capo ce ne sono una miriade, Loading Bay, De Waterkant è però in cima alla lista. In questo locale dal fascino clean e minimalista gli chef sperimentano con ingredienti bio freschissimi, creando piatti salutari e deliziosi. Assaggiate le uova in camicia servite con formaggio di capra, barbabietole, nocciole grigliate e rosmarino; altro must è il green juice a base di mela, spinaci, sedano, limone e cetriolo.

Foto di PaulaAndreaZapata

Un aperitivo con stile
Chi volesse concedersi un aperitivo all’insegna del design tutto fuorché minimal e dei colori pop non può perdersi The Stack, Gardens: la storica mansione Leinster Hall ospita un cocktail bar, una brasserie e un circolo per soli iscritti. Bellissimo il patio con vista sul giardino, perfetto per sorseggiare uno ’smoked negroni’ nelle sere d’estate. 

Foto di LabiaTheatre

Un cinema d’altri tempi
Labia Theatre, Gardens. Uno dei luoghi più magici è senza dubbio questo piccolo cinema indipendente, che con i suoi 70 anni di attività è diventato una vera e propria istituzione tra gli abitanti del posto. Qui la qualità delle pellicole conta tanto quanto l’atmosfera dal sapore retrò: il luogo ideale per gli appassionati di cinema che apprezzano un flair vintage tutto particolare, biglietteria in stile 'Grand Budapest Hotel' inclusa.

Foto di Claudia Mandelli

Il quartiere ricco di storia
Per comprendere la storia del paese, non si può trascurare una visita a District Six Zonnebloem. Una volta centro pulsante della città abitato da schiavi liberati, commercianti, operai e artigiani di diverse etnie, District Six è uno dei luoghi chiave per documentarsi sull’Apartheid: il quartiere venne raso quasi completamente al suolo, 60.000 le persone evacuate dagli inizi del XX secolo. È consigliato fare un tour guidato oppure visitare il District Six Museum. 

Foto di V&AWaterfront

Dove fare shopping
Watershed presso il Victoria & Albert Waterfront (il magnifico porto di Cape Town ricco di ristoranti e negozi, una delle zone più turistiche della città) è la destinazione ideale per chi è in cerca di design di ottima qualità e 100% made in South Africa. Dall’abbigliamento, agli oggetti per la casa ai piccoli e coloratissimi souvenir, il pericolo di uscire a mani vuote è praticamente inesistente. 

LEGGI ANCHE → Design made in Africa 

Foto di Kate McLuckie

L’hub creativo per eccellenza
Woodstock Foundry, Woodstock. Uno dei centri principali della scena creativa di Città del Capo è la Albert Road a Woodstock. Qui, nell’ex quartiere industriale, sono sorte gallerie d’arte, ristoranti stellati e studi di design. Woodstock Foundry raccoglie una ventina tra le migliori menti creative della città ed è uno dei simboli del panorama dell’artigianato locale: dall’arredamento ai gioielli, dall’illustrazione all’abbigliamento alla tostatura del caffè. 

 

SCOPRI I NOSTRI ITINERARI IN COMPAGNIA DI FAMOSI DESIGNER:

→ A Tel Aviv con i Raw Edges
→ Viaggio in Israele con Einat Rotfus
→ La Francoforte di Sebastian Herkner
→ In Vacanza a Cipro con Anastassiades


di Claudia Mandelli / 9 Maggio 2017

CORNER

Design collection

[Design]

Dormire tra le nuvole

Letti a castello a scomparsa e sospesi: ecco 3 proposte di design

letti di design

[Design]

Mi casa es tu casa

4 poltrone letto di design per ospiti inattesi

Arredi di design

[Design]

Ritorno alle origini

Due giovani designer riscoprono tecniche antiche e fibre naturali

Arredi di design

[Design]

Less is more!

L'essenzialità dal minimalismo al riduzionismo

Costume

[Design]

La bellezza imperfetta di Cocò

Le ceramiche spagnole di Cocotera Fernandez

accessori di design

[Design]

Il mondo Ikea in esclusiva

Ce lo racconta il Responsabile Design: Marcus Engman

Ikea

[Design]

Piscine Milanesi in scena

Un progetto fotografico dal sapore vintage firmato Stefan Giftthaler

fotografia

[Design]

Fenicotteri rosa ovunque!

Interior design, moda, social, la parola chiave è “flamingo”

Costume

[Design]

La città sui binari

Un hotel, una boutique e non solo, la città pop-up è in Danimarca

Design per il sociale

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web