ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Colette, i 5 pezzi di design da non lasciarsi scappare prima che chiuda

Una selezione di prodotti imperdibili che tra pochi mesi saranno introvabili

colette-5-pezzi-di-design
© Kar Hab via Flickr

Del caso Colette avevamo parlato qualche settimana fa. Per chi non lo sapesse, la cattiva notizia è che la fondatrice, Colette Roussaux, ha deciso di ritirarsi, così a dicembre Colette chiude. La buona notizia? L’inverno è lontano! Abbiamo a disposizione ancora un po’ di tempo per portarci a casa oggetti di design unici che tra pochissimo diventeranno introvabili, veri e propri cimeli da collezione. Molti pezzi sono già andati sold-out dopo l’annuncio, ma non tutti. Ecco quindi una selezione di cinque prodotti (che Colette ha in esclusiva) da non lasciarsi scappare.

 

Un post condiviso da colette (@colette) in data:

La candela “Air de Colette” è un must have se siete fan di questo concept store. Foglie di fico, cassis, gelsomino e muschio compongono la fragranza; mentre il vaso di vetro blu (colore distintivo di Colette), così come il packaging, sono disegnati da Jean Jullien. Artista di fama internazionale, Jullien ha lavorato a lungo con Colette. C’è il suo zampino nell’invenzione del tone of voice pop ma sofisticato del merchandising del negozio. Al di là della collaborazione con Colette, Jean Jullien è l’autore di un’opera d’arte diventata virale: la reinterpretazione del simbolo della pace di Gerald Holtom, dove ha inserito la Tour Eifelle. Era il 13 novembre 2015, giorno deli attentati di Parigi.

 

Un post condiviso da colette (@colette) in data:

 

A inizio luglio Colette lancia in esclusiva la matita di Balenciaga. La notizia rimbalza da un sito all’atro. Si tratta del pezzo più economico del brand con più hype del momento. Il suo direttore creativo, Demna Gvasalia, già fondatore di Vetements, questa stagione si è ispirato al logo della campagna elettorale di Bernie Sanders. L’operazione è stata semplice: è bastato sostituire il nome del candidato alla presidenza americana con quello del brand. Voilà, collezione sfornata.

 

Un post condiviso da colette (@colette) in data:

 

Bacche di ribes nero, ferula gummosa, gelsomino fresco, giglio, foglie di fico, cedro, muschio. Un olio profumato per ambienti firmato ancora una volta da Jean Jullien.

 

Un post condiviso da colette (@colette) in data:

 

Progettato da Gino Valle alla fine degli anni ’60, Cifra 3 è riconosciuto in tutto il mondo come icona del design (fa parte della collezione permanente del MoMA di New York e dello Science Musem di Londra). Con il sistema a rulli di palette brevettato da Remigio Solari negli anni Sessanta, Cifra 3 è il più piccolo orologio a lettura diretta del mondo. Qui in una limited edition blu Colette per festeggiare il ventesimo compleanno dello store.

 

Un post condiviso da colette (@colette) in data:

 

Altro che streaming o mp3, si ritorna al walkman e ai cd. Ecco una compilation in limited edition per celebrare 20 anni di selectism musicale, perché Colette ha fatto sempre rima con musica.

www.colette.fr

LEGGI ANCHE:

Colette chiude i battenti dopo 20 anni di moda, design e lifestyle


di Pietro Terzini / 27 Luglio 2017

CORNER

Design collection

[Design]

Il filo nascosto

Location e scenografia di un film che sta incantando tutti

Costume

[Design]

Prada al Neon

La sfilata, la nuova Torre della Fondazione Prada e Milano

Costume

[Design]

Il revival degli Shaker

Torna di moda uno stile ascetico e funzionale, antesignano del minimal

Costume

[Design]

3 gazebo per l'estate

Vivere all'aperto non è mai stata così dolce

arredi di design

[Design]

Una casa da re!

Chi firma gli arredi delle residenze reali?

Costume

[Design]

Righe e rossetto per Ikea

La collezione di mobili Ikea firmata da Bea Akerlund

Arredi di design

[Design]

Siamo tutti Dott. Frankenstein

La collezione di Gucci a Milano è un tributo al viaggio interiore

Costume

[Design]

Il ristorante pop up di Nichetto

Alla Stockholm Furniture Fair ci si incontra da Ratatouille

Ristoranti

[Design]

I fondamentali in cucina

La collezione di utensili da cucina Hay Kitchen Market

Accessori di design

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web | Comunicato tariffe politiche elettorali