ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Qual è il colore preferito dal mondo? Un sondaggio ce lo dirà

L'azienda di carta G. F Smith lancia un progetto con designer e stilisti per scoprire il colore più amato.

 colore-preferito-dal-mondo
Foto: Toby Coulson. Grafiche: Simone Bretti

G. F Smith lancia una campagna digitaleper scoprire il colore più amato del mondo supportato da un parterre di artisti e designer d'eccezione

Che il web fosse in grado di azzerare le barriere di tempo e spazio lo sapevamo già, ma che diventasse lo strumento per scoprire qual è il colore preferito da tutti gli abitanti della terra è una vera novità.

Si tratta del progetto lanciato da G. F Smith, famosa azienda di produzione di carta che da oltre 130 anni è tra i leader del mercato.

Nei prossimi tre mesi, accedendo al sito web worldsfavouritecolour.com – creato con il supporto dell'agenzia creativa Made Thought – è possibile selezionare il proprio colore preferito, scegliendolo tra una vastissima gamma di nuances.

Una volta registrati al sito, sceglierete e il vostro colore preferito e sarete indirizzati a una landing page che vi mostrerà la tonalità scelta, associata al vostro nome, accanto a quelle di tutte quelle le altre persone che hanno partecipato al sondaggio.

Una volta decretata la nuance preferita dagli abitanti del mondo, un fortunato partecipante sarà selezionato per far parte dell'iconica palette di colori Colorplan, lanciata nel 1936 da G. F Smith.

 

Ciò che sta all'origine di questa domanda, e che ha fatto nascere l'esigenza di implementare questa ricerca, è l'evoluzione del concetto del colore tra il passaggio da una cultura all'altra, osservata nel tempo da G. F Smith.

“Mentre negli anni '60 si preferivano colori forti e fantasie psichedeliche, negli anni '70 si lascia spazio a colori più tenui, che esplorano il rapporto dell'uomo con la natura, per esempio”, spiega John Haslam, direttore generale di G. F Smith.

Ma che ne è del colore nel 21mo secolo? Qual è la nuance preferita da una popolazione sempre più digitalizzata, ricca di ispirazioni e influenzata da molteplici personalità creative che dettano oggi le tendenze nel mondo?

A supportare l'ambiziosa missione di G. F Smith, un parterre di artisti, designer e stilisti tanto amanti del colore da averne fatto il loro marchio di fabbrica.

Dal parrucchiere Sam McKnight, che il colore lo applica alle teste di star e celeb da più di 30 anni, a Bethan Laura Wood, le cui installazioni ruotano interamente attorno alla sua capacità di lavorare con nunace, trasparenze e materiali plastici.

 

Nella foto, da sinistra a destra: Sam McKnight e Bethan Laura Wood

A Camille Walala, che dipinge i muri di tutto il mondo con le sue famose fantasie optical, a Richard Woods, famoso per i suoi “mosaici” in legno e pietra che decorano interni ed esterni delle abitazioni più eclettiche.

LEGGI ANCHE → Intervista a Camille Walala la graphic designer più in voga del panorama londinese

Nella foto, da sinistra a destra: Camille Walala e Richard Woods

E poi Johnny Coca, il direttore creativo delle coloratissime collezioni di Mulberry, insieme a Osman, una altro stilista e genio del colore.

Nella foto, da sinistra a destra: Johnny Coca e Osman

E per finire, Sam Bompas e Harry Parr di Bompas & Parr, Architectural Foodsmiths, visionari del food design e conosciuti per la loro capacità di creare installazioni gustose dove il colore è in prima linea nelle loro sculture concettuali.

Nella foto:Sam Bompas e Harry Parr

worldsfavouritecolour.com


di Valentina Mariani / 8 Marzo 2017

CORNER

Design collection

[Design]

Cena sul Tamigi

A Londra, 5 ristoranti di design con terrazza sul fiume

ristoranti

[Design]

Carpet (r)evolution

I tappeti moderni di Dare To Rug sono grafici e colorati

tappeti

[Design]

Joe Gebbia: ritorno alle radici

Il designer cofondatore di Airbnb firma una linea di arredi

arredi di design

[Design]

Balenciaga segreto

L'anima del fashion designer messa a nudo

mostre

[Design]

Abiti per piccoli indie

La baby capsule di Kidcase celebra il minimalismo in chiave fun

moda e design

[Design]

Design da Bucarest

Tutto il meglio della Romanian Design Week 2017

fiere

[Design]

Voglia di un bel libro?

Ecco i 5 libri di architettura (e non solo) più belli in uscita

libri di design

[Design]

La Rinascente, 100 anni e 5 cose

Una mostra racconta a Milano il più noto department store d’Italia

mostre

[Design]

La Firenze dei bottegai

Alla scoperta delle botteghe artigiane più antiche della città

itinerari

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web