ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Il design africano di Dokter and Misses non è proprio l'etnico a cui siamo abituati a pensare!

Le forme, i colori, i motivi grafici e le tradizioni artigianali del profondo sud vengono reinterpretate in chiave moderna da Adriaan Hugo e Katy Taplin

design-africano-moderno-dokter-and-misses
David Ross

Le collezioni dei designer sudafricani Adriaan Hugo e Katy Taplin del brand Dokter and Misses si ispirano alle tradizioni artigianali africane reinterpretandole in chiave moderna 

Adriaan Hugo e Katy Taplin sono due dei volti emergenti del design africano contemporaneo. 

L’avventura di Hugo, designer industriale, e Katy, graphic designer, è iniziata a fine 2007, quando la coppia ha partecipato a Design Network Africa, un’iniziativa volta a promuovere l’identità del continente facilitando la collaborazione tra designer dell’Africa sub-sahariana.

Marito e moglie, Hugo e Taplin sono le menti creative dietro al brand Dokter and Misses: il rinomato studio di product design di Johannesburg ha esposto a Basilea, Dubai, Londra, New York e Miami, ed è presto diventato uno dei portavoce del design africano sul panorama internazionale.

LEGGI ANCHE → Africa Rising: talenti emergenti e idee innovative in un libro

Foto di Paul Samuels

DAM è simbolo di artigianalità Made in Africa e cura del dettaglio: gli elementi d’arredo vengono infatti realizzati e dipinti a mano, e ogni creazione è il risultato di un processo di ricerca sul prodotto sempre nuovo.

Foto di Dokter and Misses

Foto di David Ross

Forte è la simbiosi con Johannesburg, che col suo carattere caotico e ’rough’ costituisce al contempo l’epicentro creativo e la principale fonte d’ispirazione della coppia. Nelle creazioni di DAM è infatti possibile ritrovare i contrasti e l’energia dirompente della metropoli sudafricana: elementi apparentemente discordanti vengono reinterpretati in maniera sperimentale, dando così vita a una bellezza moderna e dal carattere inconfondibile dove il legame all'arredamento africano della tradizione non è mai completamente spezzato.

Foto di Dokter and Misses

Foto di David Ross

Uno è il comune denominatore dei prodotti di casa DAM: forma, proporzioni e motivo grafico hanno  priorità sull’aspetto funzionale. Il risultato? Componenti d’arredo dalla personalità travolgente, dal piglio allegro e frizzante. Assemblando linee strutturali decise e giocando con geometrie e contrasti cromatici vivaci, Hugo e Taplin prediligono un’estetica modernista innovativa fatta di tinte sgargianti e silhouette bizzarre.

Foto di VATIC Studio

Foto di VATIC Studio

Si pensi alla linea Kassena Town (foto sopra) ispirata all’omonimo popolo in Burkina Faso: DAM ha preso in prestito la forma monolitica delle sue abitazioni e i motivi decorativi complessi dell'arredamento etnico per creare una collezione originalissima dallo spiccato richiamo africano.

Foto di David Ross


Le collaborazioni con designer locali di certo non mancano: un esempio è The Veld, (foto sopra), un divano realizzato con la designer tessile Ronel Jordan che combina una struttura di alluminio verniciato a polvere firmata DAM a un tessuto in feltro dall’ottica finto-marmo. Mentre con Gone Rural, una collettiva sociale di tessitrici dello Swaziland, DAM ha dato vita al sistema modulare Soldier Screens (foto di copertina): i pannelli sono impreziositi da inserti di agave e rafia grezza intrecciati a mano e possono essere utilizzati singolarmente, come accento grafico, o come paravento.

www.dokterandmisses.com

LEGGI ANCHE:

Design Indaga 2017: il meglio dal festival di Cape Town
→ Intervista a Selly Raby Kane, Direttore Artistico di Design Indaba 2017


di Claudia Mandelli / 5 Maggio 2017

CORNER

Design collection

[Design]

Orologi senza tempo

Segnatempo di nuova generazione e materiali super

lifestyle

[Design]

Gli oggetti di Miart

Dalla fiera dell'arte contemporanea, meglio della sezione Objet

mostre

[Design]

MiArt a colpo d’occhio

Guida al meglio della fiera d’arte di Milano

mostre

[Design]

Bouquet 4.0

I canoni estetici delle composizioni floreali stanno cambiando

Costume

[Design]

Tappeti d'autore

Oliva Sartogo invita 8 grandi architetti a confrontarsi col tappeto

Textile design

[Design]

50 anni di Odissea nello spazio

L'incredibile accuratezza della visione di Stanley Kubrick

Costume

[Design]

I fiori a km 0

Dopo il cibo, il movimento slow contagia anche i fiori

Costume

[Design]

Quando il museo ti fa ballare

60 anni di clubbing in mostra al Vitra Design Museum

Mostre

[Design]

L'altro volto della Liguria

Lontano dalle spiagge alla scoperta di borghi antichi

itinerari

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web