ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Il Don Giovanni di Mozart secondo Fornasetti

Appuntamento imperdibile al Teatro della Pergola di Firenze dove dal 10 al 13 gennaio va in scena il dissoluto punito con allestimenti di Fornasetti e costumi firmati Romeo Gigli

don-giovanni-mozart-fornasetti-romeo-gigli-firenze
Arianna Sanesi

A chi si rivolgerebbe Mozart se, vivo nel 2017, dovesse mettere in scena il Don Giovanni? Questa è la domanda che sembrano essersi posti a Casa Fornasetti e, anticipandola, hanno deciso di dedicarsi ad un’operazione culturale il più trasversale possibile, presentando il riallestimento, nella sua versione originale, de “Il dissoluto punito ossia il Don Giovanni”.

Foto di Arianna Sanesi

Dopo la prima al Teatro dell’Arte di Milano dall’1 al 3 dicembre 2016, la rappresentazione il Don Giovanni di Mozart torna dal 10 al 13 gennaio 2017 al Teatro della Pergola di Firenze in concomitanza, non a caso, con Pitti Uomo.

Foto di Arianna Sanesi

Scenografia, arte, design e moda si incontrano sul palcoscenico in un unicum dal sapore tutto settecentesco: dove la vis fragile dell’epoca di fine ancien régime ha dato luogo ad uno dei drammi giocosi più riusciti del duo Mozart-Da Ponte, lì i contemporanei hanno saputo trovare gli elementi per il pubblico del XXI secolo. Fornasetti riporta alla luce il manoscritto originale del 1787 e, affidando la direzione artistica a Valeria Manzi e Roberto Cappolecchia, assicura un lavoro corale che ne lascia riaffiorare tutta la straordinaria forza creativa.

L’orchestra Silete Venti!, composta da trenta elementi che suonano strumenti d’epoca, rispecchia l’autentica formazione mozartiana: la disposizione longitudinale con gli archi contrapposti ai fiati concorre a un risultato sonoro ed emotivo di forte impatto, così come era in origine nel Settecento, mentre gli interpreti vocali, perseguono una scelta precisa di complementarità all’orchestra e ai suoi strumenti. Per le scenografie, Fornasetti ha reinterpretato l’iconografia classica, attingendo dal proprio archivio per ciascuno dei temi portanti dell’opera: ci sono le carte da gioco, simbolo della leggerezza e dell’eterno imprevisto, la stanza metafisica e, onnipresente ossessione del protagonista, i visi di donna; fluidità e fantastico si susseguono e completano a vicenda grazie all’utilizzo di una serie di pannelli mobili mossi dai danzatori della Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi e all’Accademia Dancehaus di Susanna Beltrami.

SCOPRI ANCHE → Il nuovo Fornasetti Store a Milano

I costumi, disegnati da Romeo Gigli, si intridono della fragilità dei personaggi, al di fuori di spazio e tempo, ma con tutta la memoria delle emozioni. Anche l’approccio registico di Davide Montagna vede il rispetto della scrittura originale e se ne discosta solo per quanto riguarda l’ambientazione e l’utilizzo delle scene che, in parte simboliche, ne mantengono comunque il senso rafforzando quello della narrazione e proiettandolo in una dimensione parallela.

SCOPRI ANCHE → Le candele di Fornasetti

Foto a destra di Ray Tarantino

I personaggi mozartiani abitano così uno spazio altro, viaggiano nel tempo insieme allo spettatore, entrano ed escono da luoghi caratterizzati esclusivamente da moduli prismatici, da tagli di luci e ombre sapienti disegnate da Gigi Saccomandi.

SCOPRI ANCHE → Intervista a Barnaba Fornasetti

Inconsueta e originale, questa rappresentazione del Don Giovanni di Mozart centra l’obiettivo di coinvolgere una platea eterogenea, capace di leggere nella rappresentazione lirica, oggi come duecentoventinove anni fa, il lavoro e l’unione di più anime creative.

http://www.fornasetti.com/it/dongiovanni


di Manuele Menconi / 6 Gennaio 2017

CORNER

Design collection

[Design]

Una concept car per amica

L'auto Toyota è in grado di stabilire una relazione con il conducente

auto di design

[Design]

A lezione dallo spazzolino

Un device smart capace di analizzare le nostre abitudini per migliorare

accessori di design

[Design]

Be my Valentine

6 idee tra moda e design per stupirla a San Valentino

san valentino

[Design]

Costruisci una città

Con Lego Architecture non c’è grattacielo troppo alto

design per bambini

[Design]

Il fascino del te

Kusmi Tea a New York con una boutique dall'atmosfera barocca

negozi di design

[Design]

Toys for boys

5 regali preziosi e ricercati da regalargli a San Valentino

San Valentino

[Design]

Cielo il mio veicolo!

La concept car davvero intelligente di Honda, pensata per il ride sharing

auto di design

[Design]

Creare storie con le dita

Toontastic 3d è l’app di Google per creare cartoni animati

Tecnologia

[Design]

Una visione sulla visione

Una mostra sugli occhiali tra passato e futuro al Design Museum di Holon

mostre

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web