ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Eindhoven: al Van Abbemuseum la mostra Thing Nothing

Un'indagine sul significato degli oggetti. Al museo di arte moderna e contemporanea, l’ultimo capitolo della trilogia dedicata al design

Ad Eindhoven, si avvia alla conclusione la riflessione sul design contemporaneo articolata in una trilogia espositiva, firmata dal Van Abbemuseum in collaborazione con la vicina Design Academy. Nel 2013 la prima mostra, con il titolo Self Unself, invitava i visitatori a confrontarsi con il concetto di ego e la sua dissoluzione nella collettività. L’anno successivo, il tema era stato quello dell’irrazionale inteso come forza creativa (Sense Nonsense). Mentre per questa edizione 2015 della Dutch Design Week, il pensiero si fa ancora più astratto, e con Thing Nothing si arriva a interrogarsi sul significato, il valore e il futuro degli oggetti.

Non è un caso che l’articolato percorso espositivo inizi con la serie fotografica del 1995 di Ai Weiwei, in cui il celebre artista cinese distrugge durante una performance un vaso della dinastia Han. Mentre nella sala successiva un allestimento mette insieme oggetti disparati: una bicicletta, scarpe, un ombrello, vecchi giocattoli eccetera. Parte integrante del progetto My Thing: gli abitanti di Eindhoven. Sono loro che hanno selezionato le proprie cose più preziose e le hanno corredate con una storia, rendendole meritevoli di stare in mostra. La provocazione è: chi decide che cosa vale e cosa no?

Con fluidità, la riflessione passa al significato degli oggetti. L’installazione Forgotten Memory – an Image of Dementia, di Jetske Visser, presenta una composizione di teiere e tazze dai colori sempre più tenui, in via di dissoluzione, e si interroga: What is a teapot when you no longer know what a teapot is? Da ultimo il futuro delle cose, sempre più vicino alla ricerca scientifica, si muove tra reale e virtuale, possibilità tecnologiche e questioni morali (sono due i progetti dedicati all’eutanasia, mentre un'intera stanza si concentra sul concetto di autorialità, in via di ridefinizione).

Thing Nothing
Van Abbemuseum, Eindhoven
17 ottobre – 15 novembre 2015

SCOPRI ANCHE:

La Dutch Design Week 2015 a Eindhoven
Eindhoven: tra i banchi della Design Academy
Dutch Design Awards 2015: Refugee Republic vince il premio Future


di Annalisa Rosso / 5 Novembre 2015

CORNER

Design collection

[Design]

Cenerentola a Milano

Arte e design riportano in vita uno spazio disabitato da 40 anni

mostre

[Design]

La religione e il design

L'oggettistica sacra vista dai designer alla Rinascente di Roma

negozi di design

[Design]

Come si sceglie l'anello?

Dall'alta gioielleria allo star system, le tendenze degli engagement rings

Costume

[Design]

Decorazioni islamiche online

Un sito raccoglie centinaia di pattern geometrici

costume

[Design]

Gli specchi di Magrelli

Quando l'uomo scompare resta solo lo spazio

costume

[Design]

I mobili per la vita sedentaria

Una designer polacca immagina il futuro dell'uomo sedentario

scuole

[Design]

Non è solo profumo

Fragranze che si ispirano all'architettura, al cibo e alla moda

design e wellness

[Design]

Il materasso a occhi chiusi

Una guida e sei proposte per trovare il materasso perfetto

letti di design

[Design]

Castiglioni in 3 icone

Alla scoperta di 3 pezzi di design leggendari del grande maestro

Oggetti di design

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web