ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Alla scoperta Vista Alegre, una una delle più antiche fabbriche di ceramiche del mondo

In visita a Vista Alegre, realtà portoghese che realizza porcellane e vetri dal 1824 e che da poco ha aperto anche un hotel firmato a 4 mani da Sam Baron e Isabel Abreu

fabbrica-di-ceramiche-vista-alegre-portogallo

La fabbrica di Vista Alegre a Llhavo Averio in Portogallo, che comprende un museo, una chiesa, un teatro, un albergo di design e un'area dedicata ai laboratori di pittura a mano. 

A Llhavo, Averio, un paesino due ore di macchina da Lisbona, si trova una delle più antiche fabbriche di porcellane e vetro al mondo. Si tratta di Vista Alegre, fondata nel 1824 e ospitata all'interno di un complesso recentemente ristrutturato e che, oltre all'edificio dedicato alla produzione, oggi comprende un museo, una chiesa, un teatro, un lussuoso albergo di design firmato a quattro mani da Sam Baron e Isabel Abreu e un'area dedicata ai laboratori di pittura a mano.

Qui, dove ogni giorno centinaia di artigiani producono accessori per la tavola in ceramica e vetro soffiato, quasi 200 anni fa è nata la prima fabbrica di produzione artigianale del Portogallo, e da allora il progetto non si è più fermato.

Visitare la fabbrica di Vista Alegre è come entrare in un mondo a sé stante, in grado di svelare i segreti di una storia antica, passando attraverso uno spazio che permette di seguire l'intero processo di creazione delle porcellane portoghesi più emblematiche, dalla fase di composizione della pasta fino alla bollitura finale.

“Ciò che ha fatto sì che Vista Alegre crescesse, è il forte attaccamento alla cultura e alle origini del luogo da cui proviene, uniti alla forte apertura verso il mondo esterno”, spiega il direttore generale António Machado Matos, riferendosi alle collaborazioni attivate negli ultimi anni con nomi di spicco del design internazionale come Jaime Hayon, Coline le Corre, Siza Vieira, Joana Vasconcelos, Patrick Norguet, Malangatana, Sempé, Karim Rashid, Brunno Jahara, Carsten Gollnick, Sam Baron, Oscar de la Renta e Christian Lacroix, che hanno disegnato per Vista Alegre alcune collezioni.

 

Nella foto: un piatto della collezione Love Who You Want disegnata da Christian Lacroix per Vista Alegre

A pochi passi dalla produzione si trova il Palazzo che ha ospitato le sette generazioni della famiglia fondatrice dell'azienda, all'interno di una zona lussureggiante costruita nel XVII secolo. Circondato da splendidi giardini e da una terrazza che si estende lungo la Laguna di Aveiro, si affaccia sulla Cappella di Nostra Signora di Penha de França, un imponente edificio in stile barocco, piastrelle del 17° secolo e sculture in legno dorato.

Usciti dalla chiesa ci si trova di fronte al teatro, costruito per permettere che gli abitanti del luogo e gli operai disponessero di un spazio per il tempo libero e l'intrattenimento. Oggi, è utilizzato da un gruppo teatrale amatoriale composto dai lavoratori della fabbrica.

Foto di Sarah Decelle

Il progetto è complesso e racchiude una lunga storia di grande successo. Ma se gli chiediamo cosa vede nel futuro, Machado Matos risponde: “oggi siamo presenti con 31 negozi in Portogallo, un negozio di punta a Madrid e São Paulo, e nel resto del mondo in Paesi come Francia, USA, Mozambico, Angola, Cina, Messico, Bielorussia, Tunisia, Namibia e Emirati Arabi Uniti. Il vero obiettivo adesso, è arrivare anche in Italia”.

vistaalegre.com

LEGGI ANCHE:
Gli oggetti in ceramica di Jacqueline Klassen
 A cena in una fabbrica di ceramiche


di Valentina Mariani / 2 Novembre 2017

CORNER

Design collection

[Design]

La cucina come piace a lui

Acciaio, nero opaco, tecnologia: la cucina che piace agli uomini

Costume

[Design]

Un colore, un progetto

La maschera di Arlecchino secondo l'architetto Teresa Sapey

Costume

[Design]

Architettura da indossare

10 accessori moda P/E ispirati ad architetture famose

moda e design

[Design]

I cani di Wes Anderson

Cosa si sa del nuovo film in stop motion Isle of Dogs

Costume

[Design]

Vintage mon amour

5 indirizzi (web) per trovare gioielli d’altri tempi

arredi di design

[Design]

La vera storia del dado

Quando il design gioca a dadi: la verità sulla forma cubica

Costume

[Design]

Nomad St. Moritz

Design da collezione: cosa c'è di nuovo? Ecco 5 tendenze

Arredi di design

[Design]

2018... al muro!

Le tendenze 2018 per la carta da parati decretate dall’e-commerce

Arredi di design

[Design]

Le icone di Lagerfeld

Gli arredi Cassina immortalati dallo stilista tedesco in un libro

maestri

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web | Comunicato tariffe politiche elettorali