ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Il Forum FIMI fa il punto sull'industry 4.0 per il design

Stato dell’arte delle aziende italiane nell’era della rivoluzione digitale in un convengo organizzato da Messe Frankfurt ed Elle Decor Italia

forum-fimi-convegno-milano-2016

L'intervento di Detlef Braun, Member of Executive Board Messe Frankfurt GmbH, al quinto Forum FIMI a Milano

Il design made in Italy, le aziende produttrici e i progettisti a tu per tu con la cosiddetta Quarta Rivoluzione Industriale, ovvero l’era 4.0, quella digitale che vede l'affermazione della fabbrica intelligente guidata da innovativi processi industriali nell'epoca dell'Internet of Things. È successo venerdì 16 dicembre, presso l'UniCredit Pavilion di Milano, durante il il 5° Forum FIMI – Forum Internazionale del Made in Italy – Smart Factory & Smart People 4.0, organizzato a Milano dall’ente fieristico tedesco Messe Frankfurt con Elle Decor Italia, qui alla loro seconda collaborazione.

Il convegno, ricco di ospiti autorevoli, è stato decisamente interessante. Soprattutto perché, durante i diversi panel, è stato messo a confronto – e a dibattito – il settore dell’imprenditoria italiana impegnata nei campi del furniture design e dell'interior design con gli studi di SDA Bocconi che, nella prima parte della mattina, ha presentato i risultati dell’Osservatorio Science of Interior annunciato lo scorso anno durante il 4° FIMI.

“La rivoluzione digitale, con il cambiamento dei processi produttivi, può portare l’Italia, già eccellente e riconosciuta per la qualità del prodotto e il suo sofisticato design, a un nuovo livello di competitività globale” ha detto, introducendo i lavori, Detlef Braun, Member of Executive Board Messe Frankfurt GmbH.

“Il 4.0 offre varie opportunità”, ha continuato Giacomo Moletto, AD di Hearst Italia e Western Europe (foto sopra). “Vorrei sottolineare il nostro punto di vista. In fatto di internazionalizzazione è fondamentale accorciare il flusso di informazioni tra il cliente e l’azienda: le distanze geografiche aumentano e un sistema di comunicazione e informazione più veloce può dare un ritorno verso il centro. Il ruolo di Elle Decor? Da giornale diventare attore del sistema del design e dell’arredo continuando a studiare il settore per offrire momenti di scambio tra le imprese e i vari interlocutori”, 

Moderati da Andrea Cabrini, Direttore Class CNBC, sul palco si sono alternati i punti di vista di: Giuliano Busetto, Presidente di ANIE, Federazione italiana di imprese elettrotecniche ed elettroniche, Fabio Sattin, Socio Fondatore di PEP/Italian Design Brands, Marco Santino, Partner e Managing Director di Boston Consulting Group e Roberto Maestroni, Senior Principal di Investindustrial.

Con un tocco musicale e una coinvolgente performance dei Musici di Parma (foto sopra), il direttore d’orchestra Daniele Agiman ha assimilato il fare all'interno di un'azienda all'esecuzione di un Quartetto di Mozart. In entrambi i casi giocano un ruolo fondamentale fattori quali il tempo, la velocità, l’imprevisto, la professionalità di ciascuno. Vincente però è il lavoro di squadra.

Dopo le note, le parole e le esperienze sul campo: quelle di Marta Anzani, Corporate Manager Poliform, Ferdinando Lescio, Manager Home Division Ratti, Walter Camarda, CEO di Castaldi Lighting e Vice Presidente di ASSIL, e Marco Cremaschini, Sales Director di Ilcar di Bugatti.

Carlo Alberto Carnevale Maffè, Professor of Strategy all’Università Bocconi, ha illustrato la ricerca Science of Interior. Insieme alla collega Gabriella Lojacono ha ammonito: “bisogna fare 4 passi avanti. Qualcosa si muove, ma siamo in ritardo sulle competenze e i ruoli digitali. Competere oggi significa creare un sistema di offerta integrato in cui i dati, la dimensione di servizio e la personalizzazione acquisiscono ruoli sempre più importanti”.

“Prima di tutto il settore deve cambiare mentalità, aprirsi a un nuovo modo di vedere l’aspetto produttivo e le relazioni di filiera, investendo oggi per raccogliere domani senza pensare alla tecnologia in ottica di minaccia al quotidiano”, ha invitato Gabriella Lojacono, Professore Associato Dipartimento di Management della stessa Bocconi.

“Non un’opportunità ma una necessità. Le aziende italiane hanno bisogno di questa trasformazione, che stravolge le logiche interne, ma siamo coscienti che il mercato è cambiato” ha dichiarato Marta Anzani di Poliform.

“Il vantaggio? – con le parole di Busetto di ANIE – flessibilità dal punto di vista produttivo, capacità di ridurre il tempo di messa sul mercato di un prodotto, velocità, ma sempre con la creatività e la qualità uniche del Made in Italy al centro”.

“Sì bisogna digitalizzare, e personalmente ho iniziato a farlo nell’86, con il vero salto poi 8 anni fa con la piattaforma BIM e il conseguente cambiamento della struttura del mio studio, ma, bisogna stare attenti, e non dimentichiamolo, il sistema Italia vive e ha vissuto sulla creatività. Dobbiamo così vedere le piattaforme e l’Industry 4.0 come un mezzo e non come un fine – ha ricordato ed esortato l’Architetto Antonio Citterio, intervistato da Livia Peraldo Matton, Direttore Responsabile di Elle Decor Italia.

La Prima Rivoluzione Industriale, alla fine del XVIII secolo, è stata innescata dall’introduzione dell’energia idroelettrica, la Seconda, all’inizio del XX secolo, dall’elettricità; negli anni 70 si è vissuta la Terza con l’elettronica e l’automazione: oggi ecco la Quarta, la digitalizzazione, l’Internet of Things, quella delle macchine e dei sistemi connessi e interconnessi e dei Big Data, dell’Head of Digital Disruption e del Director of Data Dialogue.

A ogni epoca le proprie sfide e opportunità e al prossimo futuro nuove competenze.

Per rivivere interventi e momenti dalla diretta vai alla nostra pagina Twitter @ElleDecorItaly

www.messefrankfurt.it

LEGGI ANCHE → Forum FIMI 2015: il futuro del Made in Italy


di Caterina Lunghi / 19 Dicembre 2016

CORNER

Design collection

[Design]

Rompicapo alla vecchia maniera

5 giochi di logica tascabili su carta per dimenticare app e digital games

Accessori di design

[Design]

Pininfarina disegna un 85 metri

Soluzioni di car design per una fuori serie del mare di Fincantieri

Barche

[Design]

Nuovo stile army

Dettagli d'artiglieria militare per la collezione BAS-ITO di Myar

moda e design

[Design]

L'eroina di Puerto Rico

Si chiama La Borinqueña e può controllare gli uragani

illustrazioni

[Design]

Un vortice d’arte

Musica e gioielli nella mostra di Zoe Robertson FlockOmania

mostre

[Design]

Idee in arrivo dall’Africa

Una nuova creatività da scoprire tra design, moda e architettura

Libri

[Design]

Make up a prova di selfie

Con JUNO Smart Mirror truccarsi non è mai stato così facile

Tecnologia

[Design]

Notte a L/egolandia

Le opere di Nathan Sawaya e la musica di Le Cannibale a Milano

mostre

[Design]

La palestra dello stile

Paul Smith firma una performance acrobatica per Pitti Uomo

moda e design

Hearst Magazines Italia

©2016 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web