ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Il finto hotel di Massimo Dutti che ricorda Wes Anderson

The Gift Hotel, i cinque filmati pensati dallo studio spagnolo Six N. Five per presentare le star della maison

the-gift-hotel-massimo-dutti-sixnfive
Six N. Five

Per la sua nuova collezione, il brand del gruppo Inditex Massimo Dutti si è affidato all’agenzia di Barcellona Six N. Five, fondata dal giovane duo creativo Andy Reisinger e Ezequiel Pini per esplorare la terra di frontiera tra arte e design (tra i loro lavori anche la campagna del progetto Sonar di patricia Urquiola per Laufen. Leggi anche → Patricia Urquiola per Laufen). L’idea era di presentare cinque prodotti in maniera non convenzionale, attraverso un concept dalla forte unità estetica.

 Il risultato è The gift hotel, una serie di cinque brevi filmati dal gusto impeccabile, ciascuno dedicato a un pezzo della nuova linea: un paio di scarpe, uno zaino, una coppia di gemelli, una clutch e una valigetta. Una musica jazz accompagna la presentazione dei prodotti, disposti in bella mostra in ambienti spogli dal gusto minimal e dalle geometrie nette. Bicromie pastello, forse omaggio a Wes Anderson (che riecheggia già nel titolo), si animano di oggetti in apparenza estranei (una palla da yoga, un tappeto volante), fino a far emergere scarpe, borse, zaini. Tocchi più brillanti impreziosiscono l’atmosfera, ammantandola di lusso.

"Abbiamo creato cinque video per mostrare, durante una settimana, un prodotto al giorno. The Gift Hotel è un luogo dove, mentre passeggi per piccoli ambienti dai colori caldi, grandi edifici ristrutturati e finti set di negozi, scopri ogni articolo secondo un ritmo paicevole" spiegano i designer.

Nessuna presenza umana: gli spazi sono stati ricavati allestendo edifici storici o anche riproducendoli in studio. Un lavoro che ha richiesto tre mesi di tempo è che è stato presentato nel corso della scorsa settimana, un filmato alla volta, per dare la giusta importanza ai pezzi presentati.

www.massimodutti.com

www.sixnfive.com

SCOPRI ANCHE:
Hermes mette in vetrina la vita quotidiana


di Stefano Annovazzi Lodi / 7 Luglio 2017

CORNER

Design collection

[Design]

Come nasce un orologio di lusso

Qualità, bellezza, longevità, ecco la ricetta di Sekford

orologi di design

[Design]

Tutto sugli Eames

Una grande retrospettiva al Vitra Design Museum

mostre

[Design]

Fotografare il lavoro

A Bologna lo sguardo sul mondo del lavoro di 14 grandi fotografi

mostre

[Design]

Zucche di design

10 alternative alle solite decorazioni per la festa più creepy

accessori di design

[Design]

Gli arredi Ikea più venduti

Ecco i dieci bestseller Ikea che hanno conquistato il mondo

top ten

[Design]

Cosa progettano i Millennials?

Progetti e provocazioni degli studenti della Design Academy di Eindhoven

Mostre

[Design]

Cartoleria zen

Quando gli accessori da ufficio sono anche belli

accessori di design

[Design]

Una mostra ibrida

Arte e scienza insieme? Si può, parola di Marino Golinelli

musei

[Design]

Jordan Made in Italy

Tecnologia, portafortuna e Russel Westbrook testimonial

Oggetti di design

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web